Web
di Simone Stefanini 15 Gennaio 2016

Wikipedia compie 15 anni: ecco come funziona davvero

Come un progetto partecipativo è diventato parte integrante della nostra vita

wikix baritalianews - Il logo di Wikipedia

 

L’anniversario è di quelli importanti: Wikipedia, l’enciclopedia online a contenuto aperto, compie 15 anni. È infatti stata lanciata da Jimmy Wales e Larry Sanger il 15 gennaio del 2001, inizialmente solo in lingua inglese, per diventare poi multilingua nei mesi successivi.

In 15 anni, di strada ne ha fatta eccome. Oggi Wikipedia ha più di 35 milioni di voci in oltre 280 lingue ed è di fatto l’enciclopedia più grande mai scritta, oltre a essere nella top ten dei siti più visitati al mondo.

Da sempre, è sostenuta e ospitata dalla Wikimedia Foundation di San Francisco, in California. Una fondazione senza scopo di lucro per la diffusione di contenuti liberi gratuiti in tutte le lingue e dei suoi progetti wiki.

 

 

Logo_collage wikimedia.org

 

Ma wiki che vuol dire? Molto semplice: è un sito web che si basa su di una piattaforma o di un software collaborativo, detto appunto wiki, in cui gli utenti possono aggiungere i contenuti e modificarli tramite un editor di testo online.

In origine, Wikipedia era un servizio di Nupedia.com, un esperimento dell’omonimo portale di ricerca il cui CEO era Jimmy Wales e di cui Sanger era il redattore capo. Quando fu lanciata formalmente, superò la crescita di Nupedia e praticamente ne provocò la chiusura, incorporando i suoi testi.

 

rhvg4g9qgdxmg39ominj complex

 

Il vero e proprio boom però Wikipedia l’ha registrato nel 2004, raddoppiando le sue dimensioni in un anno: il numero di voci nuove passò da 1000 a 3000 al giorno e raggiungendo la prima milionesima voce il 20 settembre di quell’anno.  Grazie a quel successo nacquero le reti Wikipedia nazionali. Quella italiana è stata fondata nel 2005, superando nello stesso anno quota 100.000 voci.

Essendo un’enciclopedia generalista, al suo interno trovano spazio tutti i tipi di argomento, dai classici storia e geografia fino alle arti, ai brand e allo spettacolo. Le sue pagine non contengono pubblicità e l’obiettivo è mantenere l’accesso sempre gratuito, garantendo il sostentamento con le donazioni degli utenti, grazie a una raccolta fondi che viene lanciata ogni anno.

 

Schermata 2016-01-15 alle 10.16.59 donate.wikimedia

 

Il suo logo ufficiale è una sfera fatta di tanti pezzi di puzzle con le lettere di vari alfabeti disegnate sopra. La sfera è incompleta, così come l’enciclopedia e la sapienza umana, a simboleggiare l’antico adagio che non si finisce mai d’imparare.

 

Wikipedia-1 tecnoandroid

 

Come funziona però un’enciclopedia partecipata? A differenza di un’iniziativa editoriale che ha un comitato di redazione, le pagine Wikipedia possono essere modificate da chiunque, senza controllo preventivo. Chiaramente questo fatto può portare ad azioni vandaliche o a imprecisioni.

 

boldrini-wikipedia polisblog - Sfortunatamente?

 

Come si scrive una voce? Potete registrarvi oppure modificare le voci in forma anonima, l’importante è seguire le linee guida, che in breve dicono di evitare i pregiudizi, di rimanere imparziali, di rispettare il copyright, di non utilizzarla a fini promozionali (o di discredito) e di rispettare gli altri contributori.

 

670px-Translate-a-Wikipedia-Article-Step-2 wikihow

 

Chi controlla quello che scrivi? In linea di massima tutti gli altri contributori, perché come detto in precedenza, Wikipedia è priva di un meccanismo centrale che giudica. Se hai scritto un’inesattezza o peggio hai vandalizzato una voce, sono previsti dei blocchi temporanei da parte degli amministratori, che sono anch’essi utenti volontari che hanno avuto la fiducia degli altri utenti per svolgere pratiche tipo proteggere le pagine, spostare i file, cancellare e ripristinare i file, assegnare funzioni agli utenti e gestire i blocchi/sblocchi, oltre al rimuovere dati sensibili, insulti o blasfemie.

 

Blocked_Media_Wiki_Parameter_Problem wikimedia - Esempio calzante

 

Ma quanto è affidabile Wikipedia? Questa è la classica domanda da un milione di dollari. Benché Wikipedia sia ormai citato dalla stampa e dai media, oltre a essere diventato il compagno di studi ideale per gli studenti di tutto il mondo, esso può contenere informazioni errate. Bisogna fare attenzione, soprattuto se le citazioni sono sprovviste dell’indicazione della fonte.

 

error-wikipedia wikipediareview - Ehm…

 

Chi è a capo di Wikipedia? Attualmente il presidente di Wikimedia Italia, l’associazione che si occupa di Wikipedia, con sede a Monza è Andrea Zanni, mentre a livello internazionale, il direttore esecutivo di Wikimedia Foundation è la trentasettenne russa Lila Tretikov, una delle 100 donne più potenti del mondo.

 

Lila_Tretikov__Executive_Director_Wikimedia_Foundation___Flickr_-_Photo_Sharing_ collaborative-economy

 

Ok, quindi prendendola col giusto beneficio del dubbio, Wikipedia è una fonte inesauribile e accessibile di cultura, no? Certo, però se guardate quali sono le 10 voci più cliccate del 2015 nel nostro paese, ne esce fuori un impietoso ritratto dell’italiano medio: 7 serie tv, 1 film tormentone, poi l’Italia in generale, la paura per l’Islam e il calendario dei santi, che affidarsi alla religione va sempre bene. E comunque, all’italiano gliene frega più di Jon Snow che del terrorismo.

 

Schermata 2016-01-14 alle 17.06.40 tools.wmflabs

In quello di lingua inglese, il più diffuso al mondo invece svetta un bel Morti Celebri dell’anno al primo posto, seguito da Facebook e dall’Islam. La quota LOL è affidata al quarto posto della lista dei film di Bollywood.

 

Schermata 2016-01-14 alle 18.14.37 tools.wmflabs

 

Quale futuro si prospetta per Wikipedia? Nonostante sia uno dei siti più cliccati al mondo, anche Wikipedia ha i suoi bei problemi. Negli ultimi anni c’è stata una flessione del 30% dei collaboratori, che per il 90% sono di sesso maschile e occidentali e molto probabilmente presto l’enciclopedia avrà un’impostazione più social, per coinvolgere ancora di più gli utenti. Il mondo Wikimedia Italia si sta aprendo ancora di più a quello didattico, grazie a progetti come Wikipedia va a scuola! grazie al quale gli studenti impareranno i tre punti fondamentali: sapere, saper fare e saper essere. Anche i docenti saranno coordinati grazie al Progetto Scuole.

Insomma, Wikipedia mira ad essere il leader della competenza informativa e si serve di tutte le forze in gioco, perché citando il discorso di Barack Obama durante la proclamazione del National Awareness Month Information Literacy:

Non è sufficiente possedere i dati, occorre anch acquisire le competenze necessarie per selezionare le informazioni, valutarle e decifrarle.”

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >