Web
di Simone Stefanini 15 Gennaio 2016

Wikipedia compie 15 anni: ecco come funziona davvero

Come un progetto partecipativo è diventato parte integrante della nostra vita

wikix baritalianews - Il logo di Wikipedia

 

L’anniversario è di quelli importanti: Wikipedia, l’enciclopedia online a contenuto aperto, compie 15 anni. È infatti stata lanciata da Jimmy Wales e Larry Sanger il 15 gennaio del 2001, inizialmente solo in lingua inglese, per diventare poi multilingua nei mesi successivi.

In 15 anni, di strada ne ha fatta eccome. Oggi Wikipedia ha più di 35 milioni di voci in oltre 280 lingue ed è di fatto l’enciclopedia più grande mai scritta, oltre a essere nella top ten dei siti più visitati al mondo.

Da sempre, è sostenuta e ospitata dalla Wikimedia Foundation di San Francisco, in California. Una fondazione senza scopo di lucro per la diffusione di contenuti liberi gratuiti in tutte le lingue e dei suoi progetti wiki.

 

 

Logo_collage wikimedia.org

 

Ma wiki che vuol dire? Molto semplice: è un sito web che si basa su di una piattaforma o di un software collaborativo, detto appunto wiki, in cui gli utenti possono aggiungere i contenuti e modificarli tramite un editor di testo online.

In origine, Wikipedia era un servizio di Nupedia.com, un esperimento dell’omonimo portale di ricerca il cui CEO era Jimmy Wales e di cui Sanger era il redattore capo. Quando fu lanciata formalmente, superò la crescita di Nupedia e praticamente ne provocò la chiusura, incorporando i suoi testi.

 

rhvg4g9qgdxmg39ominj complex

 

Il vero e proprio boom però Wikipedia l’ha registrato nel 2004, raddoppiando le sue dimensioni in un anno: il numero di voci nuove passò da 1000 a 3000 al giorno e raggiungendo la prima milionesima voce il 20 settembre di quell’anno.  Grazie a quel successo nacquero le reti Wikipedia nazionali. Quella italiana è stata fondata nel 2005, superando nello stesso anno quota 100.000 voci.

Essendo un’enciclopedia generalista, al suo interno trovano spazio tutti i tipi di argomento, dai classici storia e geografia fino alle arti, ai brand e allo spettacolo. Le sue pagine non contengono pubblicità e l’obiettivo è mantenere l’accesso sempre gratuito, garantendo il sostentamento con le donazioni degli utenti, grazie a una raccolta fondi che viene lanciata ogni anno.

 

Schermata 2016-01-15 alle 10.16.59 donate.wikimedia

 

Il suo logo ufficiale è una sfera fatta di tanti pezzi di puzzle con le lettere di vari alfabeti disegnate sopra. La sfera è incompleta, così come l’enciclopedia e la sapienza umana, a simboleggiare l’antico adagio che non si finisce mai d’imparare.

 

Wikipedia-1 tecnoandroid

 

Come funziona però un’enciclopedia partecipata? A differenza di un’iniziativa editoriale che ha un comitato di redazione, le pagine Wikipedia possono essere modificate da chiunque, senza controllo preventivo. Chiaramente questo fatto può portare ad azioni vandaliche o a imprecisioni.

 

boldrini-wikipedia polisblog - Sfortunatamente?

 

Come si scrive una voce? Potete registrarvi oppure modificare le voci in forma anonima, l’importante è seguire le linee guida, che in breve dicono di evitare i pregiudizi, di rimanere imparziali, di rispettare il copyright, di non utilizzarla a fini promozionali (o di discredito) e di rispettare gli altri contributori.

 

670px-Translate-a-Wikipedia-Article-Step-2 wikihow

 

Chi controlla quello che scrivi? In linea di massima tutti gli altri contributori, perché come detto in precedenza, Wikipedia è priva di un meccanismo centrale che giudica. Se hai scritto un’inesattezza o peggio hai vandalizzato una voce, sono previsti dei blocchi temporanei da parte degli amministratori, che sono anch’essi utenti volontari che hanno avuto la fiducia degli altri utenti per svolgere pratiche tipo proteggere le pagine, spostare i file, cancellare e ripristinare i file, assegnare funzioni agli utenti e gestire i blocchi/sblocchi, oltre al rimuovere dati sensibili, insulti o blasfemie.

 

Blocked_Media_Wiki_Parameter_Problem wikimedia - Esempio calzante

 

Ma quanto è affidabile Wikipedia? Questa è la classica domanda da un milione di dollari. Benché Wikipedia sia ormai citato dalla stampa e dai media, oltre a essere diventato il compagno di studi ideale per gli studenti di tutto il mondo, esso può contenere informazioni errate. Bisogna fare attenzione, soprattuto se le citazioni sono sprovviste dell’indicazione della fonte.

 

error-wikipedia wikipediareview - Ehm…

 

Chi è a capo di Wikipedia? Attualmente il presidente di Wikimedia Italia, l’associazione che si occupa di Wikipedia, con sede a Monza è Andrea Zanni, mentre a livello internazionale, il direttore esecutivo di Wikimedia Foundation è la trentasettenne russa Lila Tretikov, una delle 100 donne più potenti del mondo.

 

Lila_Tretikov__Executive_Director_Wikimedia_Foundation___Flickr_-_Photo_Sharing_ collaborative-economy

 

Ok, quindi prendendola col giusto beneficio del dubbio, Wikipedia è una fonte inesauribile e accessibile di cultura, no? Certo, però se guardate quali sono le 10 voci più cliccate del 2015 nel nostro paese, ne esce fuori un impietoso ritratto dell’italiano medio: 7 serie tv, 1 film tormentone, poi l’Italia in generale, la paura per l’Islam e il calendario dei santi, che affidarsi alla religione va sempre bene. E comunque, all’italiano gliene frega più di Jon Snow che del terrorismo.

 

Schermata 2016-01-14 alle 17.06.40 tools.wmflabs

In quello di lingua inglese, il più diffuso al mondo invece svetta un bel Morti Celebri dell’anno al primo posto, seguito da Facebook e dall’Islam. La quota LOL è affidata al quarto posto della lista dei film di Bollywood.

 

Schermata 2016-01-14 alle 18.14.37 tools.wmflabs

 

Quale futuro si prospetta per Wikipedia? Nonostante sia uno dei siti più cliccati al mondo, anche Wikipedia ha i suoi bei problemi. Negli ultimi anni c’è stata una flessione del 30% dei collaboratori, che per il 90% sono di sesso maschile e occidentali e molto probabilmente presto l’enciclopedia avrà un’impostazione più social, per coinvolgere ancora di più gli utenti. Il mondo Wikimedia Italia si sta aprendo ancora di più a quello didattico, grazie a progetti come Wikipedia va a scuola! grazie al quale gli studenti impareranno i tre punti fondamentali: sapere, saper fare e saper essere. Anche i docenti saranno coordinati grazie al Progetto Scuole.

Insomma, Wikipedia mira ad essere il leader della competenza informativa e si serve di tutte le forze in gioco, perché citando il discorso di Barack Obama durante la proclamazione del National Awareness Month Information Literacy:

Non è sufficiente possedere i dati, occorre anch acquisire le competenze necessarie per selezionare le informazioni, valutarle e decifrarle.”

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
25,00 €

Maglietta de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Maglietta in edizione limitata per il concerto di Andrea Laszlo De Simone.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >