Web
di Simone Stefanini 11 Maggio 2016

Wikipedia: le 10 voci più incredibili, assurde e raccapriccianti

Tutte le storie che vi andiamo a raccontare sembrano frutto di macabra fantasia, e invece sono tutte orribilmente vere

jsujaj wikipedia.org - Le gemelle June e Jennifer Gibbons

 

Su Wikipedia si trova ogni tipo di notizia o nozione, quindi capita anche di imbattersi in pagine di cronaca assurde, quasi inverosimili eppure reali. Storie che non fanno dormire la notte, delitti raccapriccianti, morti e vite misteriose, malattie imbarazzanti e altre non proprio amenità. Niente creepypasta o leggende urbane, sono tutte notizie vere.

Abbiamo creato una lista di 10 fatti sconvolgenti, incomprensibili, degli enigmi irrisolti o dei casi troppo estremi, trovati sulle pagine dell’enciclopedia più famosa del mondo.

 

10) Il caso di Tamám Shud: il più grande mistero d’Australia

maxresdefault-11 youtube.com

Il primo dicembre 1948, sulla spiaggia di Somerton, a sud dell’Australia, viene trovato un uomo morto. Dentro i pantaloni dell’uomo, un pezzo di pagina strappata da un libro di poesie persiane, chiamato Rub’ayyāt con scritto Tamam Shud, che significa finito, concluso. L’uomo non è mai stato identificato e il suo rimane ancora oggi uno dei più grandi misteri australiani.

 

9) Il delitto raccapricciante del canaro della Magliana

showimg2-1.cgi unita.it

Pietro De Negri era chiamato er canaro perché di lavoro faceva la toletta ai cani. Faceva uso di cocaina e fu complice del pugile dilettante Giancarlo Ricci in una rapina, ma l’unico a finire in carcere fu proprio De Negri. Sentendosi maltrattato da Ricci, decise di vendicarsi nel peggiore dei modi: il 18 febbraio 1988 De Negri esausto attrasse Ricci nel negozio e lo chiuse in una gabbia per cani, poi lo seviziò per 7 ore tagliandogli le dita una a una, bruciandogli il viso con benzina, infine tagliò naso, orecchie, lingua e genitali dell’ex pugile ancora vivo e glieli fece ingoiare, poi, una volta morto soffocato, si accanì sul cadavere. È probabilmente il delitto più efferato mai commesso in Italia.

 

8) La sindrome di Cotard

Amazon-Zombies-1200x801 forbes.com

Una sindrome psichiatrica caratterizzata dalla convinzione di essere morti. Sì, esatto: si è vivi, ma si è intimamente convinti di non esserlo. Prende il nome dal neurologo francese Jules Cotard, che nel 1880 affrontò il caso di una paziente che pensava di essere deceduta e, per questo motivo, decise di non nutrirsi più, lasciandosi morire di fame. Un delirio non da poco.

 

7) La strage del passo Dyatlov

PwxVhcv imgur

Il 2 febbraio 1959, 9 escursionisti accampati sui monti Urali e impegnati in una difficile scalata, morirono per cause sconosciute ne pressi del passo Dyatlov. Gli investigatori trovarono i loro corpi in posizioni che sembravano suggerire un tentativo di fuga: alcuni erano scalzi, mentre altri riportavano segni di lotta. È a questo punto, però, che la storia diventa quasi leggenda: una delle vittime aveva danni cerebrali molto estesi, ma nessun segno di colpi sul cranio, mentre una donna della spedizione non aveva più la lingua. L’indagine non approdò mai a nulla e il rapporto parla di una “forza irresistibile e sconosciuta”, definizione che ha permesso la nascita di molte teorie alternative, che vanno dagli esperimenti militari all’esistenza di una creatura simile a uno yeti.

 

6) La paura che sparisca il pene

koro manolith.com

È la paura che i genitali maschili si ritraggano fino a sparire, nonostante non ci sia nessun reale cambiamento delle dimensioni degli stessi. Già.

 

5) La pazzesca ossessione di Carl Tanzler

tanzlerelenaweb the-line-up.com

Carl Tanzler è stato un radiologo tedesco naturalizzato statunitense che visse in Florida a cavallo tra ‘800 e ‘900. Fin da giovane manifesta segni di squilibrio, ma è negli anni ’30 che il suo delirio raggiunge l’apice: ossessionato dalla scomparsa per tubercolosi di una ragazza cubana di cui era innamorato e che aveva provato a curare con metodi insensati, due anni dopo il decesso decide di trafugare il cadavere e di portarlo a casa. Qui tenta di far resuscitare la ragazza e, dopo aver capito che si trattava di un’impresa al di là delle sue possibilità, decise di provare a mummificare in modo casalingo il suo corpo usando seta, occhi di vetro e una parrucca. Probabilmente ebbe anche rapporti sessuali col cadavere, che tenne in casa per 7 anni. Tutto questo non ebbe conseguenze: quando Tanzler venne scoperto, la sottrazione di cadavere era ormai in prescrizione e la necrofilia non venne mai provata. Incredibilmente, l’opinione pubblica solidarizzò con il radiologo, considerando l’accaduto come frutto di un eccesso di romanticismo.

 

4) Mike il pollo senza testa

mike-the-headless-chicken1 modernfarmer.com

Mike è un pollo che negli anni ’40 ha vissuto 18 mesi senza la testa. Sì, veramente. Tutto nasce da un errore di un contadino del Colorado, che fallì nel tentativo di ucciderlo: mozzò la testa al pollo, ma non troncò la giugulare, né gran parte del tronco encefalico. In questo modo, il pollo non solo sopravvisse, ma riuscì a crescere e vivere per 18 mesi. Ovviamente Mike divenne un fenomeno da baraccone e il contadino lo portò in tour negli Stati Uniti, guadagnando anche un po’ di soldi.

 

3) Il folle legame tra le gemelle June e Jennifer Gibbons

stwins bizzarrobazar.com

June e Jennifer Gibbons sono due gemelle nate a Barbados nel 1973 e cresciute in Galles. Fin da piccole hanno sempre condiviso una vita di mutismo, separate dal resto del mondo, creando un universo fantastico solo loro, parlando una lingua incomprensibile agli altri. Quando hanno deciso di uscire dal guscio, l’hanno fatto a modo loro: hanno appiccato il fuoco ad alcuni edifici e sono state rinchiuse in manicomio. Lì hanno stretto un patto segreto: se una delle due fosse morta, l’altra avrebbe potuto iniziare a relazionarsi con gli altri e vivere una vita normale, e così fu. Jennifer morì di pericardite e June disse “Adesso sono libera, e Jennifer ha dato la sua vita per me”. Le ultime notizie di June risalgono al 2008, quando viveva una vita perfettamente normale, all’interno della propria comunità.

 

2) Benjaman Kyle è nessuno

maxresdefault-10 youtube.com

Benjaman Kyle è un uomo che non esiste: nessuno infatti sa qualcosa della sua vita prima del 31 agosto 2014, giorno in cui è stato trovato completamente nudo all’esterno di un ristorante Burger King in Georgia. Lui non ricorda niente, nemmeno il suo nome: Benjaman Kyle è infatti un nome di fantasia datogli usando le iniziali di Burger King.

 

1) L’orribile ritrovamento di Joyce Vincent

joyce-carol-vincent investigatingcrimes.com

Joyce Vincent, in vita, subì diversi abusi domestici mentre lavorava come donna delle pulizie in un motel a Londra. Nel 2003 morì per cause sconosciute, forse legate all’asma. La polizia che la ritrovò, dichiarò che i suoi resti erano soprattutto scheletrici. Si trovava sdraiata di schiena accanto alla borsa della spesa, circondata da regali di Natale e alla tv accesa. Dal momento che metà suo affitto e le sue bollette venivano pagate in automatico dalla banca, nessuno si curò della sua scomparsa e i vicini attribuivano l’odore della decomposizione ai cassonetti sotto le finestre. Il suo cadavere era lì da tre anni.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >