Protesta clima a Parigi
Ambiente
di Lorenzo Mannella 30 Novembre 2015

La Conferenza sul clima di Parigi è un buco nell’acqua annunciato?

Tenere d’occhio il termometro non è la soluzione migliore

Protesta clima a Parigi  Migliaia di scarpe lasciate in place de la République a Parigi come segno di protesta dopo che il governo francese ha proibito le manifestazioni per ragioni di sicurezza

 

La Conferenza internazionale sul clima (#COP21) è uno di quegli eventi che spostano l’asticella sempre più in alto: c’è un grosso problema da affrontare – il cambiamento climatico – e poche soluzioni per portare a casa un risultato – ridurre le emissioni di gas serra. Poi leggi di tutti gli obiettivi mancati a livello globale e ti chiedi se fissare nuovi obiettivi da mancare non sia una nuova forma di masochismo.

I media stanno parlando di tutto quello che c’è da sapere sulla Conferenza internazionale di Parigi (a Le Bourget per l’esattezza), ma allo stesso tempo raccontano anche il sentimento di disillusione che serpeggia tra alcune persone. Il fallimento delle politiche sul clima è uno dei motori delle proteste a Parigi e in altre parti del mondo: semplicemente, c’è poca fiducia nella capacità dei governi di mettersi d’accordo per ridurre le emissioni di gas serra.

 

 

Aspettarsi grandi cose dalla COP21 è lecito, ma la possibilità di trovare un accordo condiviso da 195 nazioni è abbastanza remota. Negli ultimi anni sono state fatte molte cose per far tornare i conti intorno al fenomeno delle emissioni di gas serra: le previsioni dell’Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) – l’organizzazione scientifica che valuta l’impatto del cambiamento climatico – dicono che per non mandare tutto all’aria dobbiamo limitare l’innalzamento della temperatura globale a un massimo di 2°C per il 2100.

Capiamoci, se un giorno nel lontano 2097 ci sarà un incremento di 2.1°C il mondo sarà comunque lo stesso: un posto fatto di grandi disuguaglianze dove non basta tenere d’occhio il termometro per vivere responsabilmente. L’attenzione mediatica nei confronti della Conferenza internazionale sul clima ha sensibilizzato le persone nei confronti dei cambiamenti climatici, ma li hanno anche resi un fenomeno mainstream.

 

Mappa desertificazione Laura Canali - Una mappa degli eventi climatici estremi. Risale a qualche anno fa, ma rende comunque l’idea

 

Insomma, sta succedendo e non possiamo farci nulla. Passiamo la palla ai governi e lasciamo che ci pensino loro. La verità è che molto – forse troppo – dipende dallo stile di vita di ognuno di noi. Non stiamo parlando del fatto che ognuno di noi dovrebbe adottare un metro quadrato di ghiacci polari, ma delle piccole azioni che ci possono aiutare a lasciare un’impronta ambientale meno profonda.

Un’idea del nostro impatto personale sull’ambiente a 360 gradi te la dà per esempio Virtual Water, l’infografica interattiva che quantifica l’acqua invisibile che consumiamo ogni giorno: tutto ciò che compriamo, indossiamo e – soprattutto – mangiamo è prodotto utilizzando una precisa quantità di risorse idriche. Facendo i conti, risulta che ognuno di noi “mangia” circa 3500 litri d’acqua al giorno.

Tuttavia, questi 3500 litri di acqua al giorno sono solo un numero, come quella soglia di +2°C che non vogliamo assolutamente superare. La verità è che abbiamo bisogno di meno numeri e più fatti.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

9,23 €

Lampada luna 3D

Lascia entrare la luna nella tua camera. Questa bellissima lampada ti accompagnerà durante tutta la notte con una luce lunare. Fiorando la sua superficie, inoltre, sarà possibile modificare il suo colore. CARATTERISTICHE: Materiale: PLA Sorgente di luce: LED Tempo di ricarica: 2-4 ore Tempo di funzionamento: 8-10 ore Alimentazione: USB DC:5V /1A   Prodotto spedito dalla Cina. Tempi di consegna: 20/30 gg.    
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
28,90 €

Al di là delle parole. Che cosa provano e pensano gli animali

Abituati ad anni ed anni a guardare documentari prima su Superquark e poi sui vari canali satellitari o su Netflix, quando si inizia a leggere Al di là delle parole di Carl Safina, libro appena uscito per Adelphi, si è convinti di sapere tutto sul mondo degli animali. E invece no, leggendo il libro si capisce come non sappiamo proprio niente.
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 BIANCA

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W bianca, con illustrazione  completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >