Nasce Picoreads, l’app per condividere e collezionare le citazioni dei libri

Picoreads è un’app che permette di condividere le citazioni dei vostri libri preferiti e creare una community di appassionati della lettura

App
di Simone Stefanini facebook 16 novembre 2017 15:04
Nasce Picoreads, l’app per condividere e collezionare le citazioni dei libri

Se amate leggere, vi capiterà senz’altro di sottolineare le frasi che più vi piacciono sui libri, oppure di evidenziarle nell’ebook reader, per poi sentire l’esigenza di condividere coi vostri contatti, social o veri che siano, un po’ di bellezza.

Per facilitare la condivisione della cultura nasce Picoreads, un’app mobile grazie a cui potrete creare ponti con nuove persone e unire esperienze e sentimenti.

Che l’utente sia appassionato di romanzi storici o di gialli, romantici o horror, troverà una community con cui intraprendere il meraviglioso viaggio della vita attraverso le parole dei suoi autori preferiti. Picoreads vuole diventare uno scrigno contenente la più bella collezione di citazioni creata direttamente da chi ama leggere.

 

 

Le frasi possono essere condivise sia tramite la scrittura dal telefono, computer, tablet o da ogni altro device, ma anche sperimentando la tecnologia OCR, mediante cui potrete scattare una foto della pagina del libro scelto, che verrà trasformata in un testo scritto dentro l’app.

Picoreads può anche diventare uno strumento di comunicazione tra autori ed editori, librerie e biblioteche, per creare una connessione smart in una piattaforma digitale che davvero ama i libri.

Per adesso Picoreads è disponibile solo nell’App Store per gli utenti iOS, mentre presto sarà disponibile anche la versione per Android. L’app ha fatto il suo debutto il 13 novembre e durante i giorni 17, 18 e 19 novembre troverete per le piazze di Milano un bel po’ di gadget per i suoi utenti.

Per maggiori informazioni, visitate il sito ufficiale e ricordate, come diceva Irving Stone: “Non ci sono amicizie più rapide di quelle tra persone che amano gli stessi libri”.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)