Anatomia del nuovo logo di TIM

Un’analisi della grande operazione di rebranding dell’azienda

timlogo

Oggi 13 gennaio TIM, nuova sigla con cui si indica Telecom Italia nel suo complesso, ha presentato a Roma il nuovo logo. Assieme all’amministratore delegato Marco Patuano anche Tim Berners-Lee, ovvero il papà di internet. Con loro sul palco poi sono saliti anche Fabio Fazio e Pif, recente testimonial dell’azienda.

Presentare un nuovo logo ha un valore programmatico fondamentale. È la maniera più semplice per dire a tutti: “Hei, siamo cambiati“. Questa è la ragione per cui in un periodo di incertezza e cambiamenti come questo stiamo assistendo e assisteremo (state pronti, tra qualche mese un altro colosso italiano presenterà il suo rebranding, oggi ancora top secret) a grandi operazioni in cui il cambio di immagine serve a raccontare un cambio di rotta.

 

Il logo della Sip (Società Idroelettrica Piemonte) come si presenta nella relazione di bilancio del Gruppo nel 1927  Il logo della Sip (Società Idroelettrica Piemonte) come si presenta nella relazione di bilancio del Gruppo nel 1927

 

In effetti una cosa del genere era già capitata almeno un paio di volte: nel 1994, quando l’incorporazione da parte di Sip di Telespazio, Iritel, Sirim e Italcable aveva portato alla nascita di Telecom Italia, e nel 1995 con la creazione di TIM come costola dedicata alla telefonia mobile. E così dopo il lancio del portale unico per i clienti della telefonia fissa e mobile tim.it, è arrivato il momento del cambio e dell’unificazione del marchio.

Una icona rossa che rappresenta una T e la scritta TIM in bianco su fondo blu. Questo il nuovo simbolo unico della compagnia presentato oggi a Roma. L’operazione da un punto di vista di branding fila: segna il definitivo abbandono dei rimpianti delle glorie degli anni novanta, per guardare anche da un punto di vista grafico al futuro con un appeal asciutto e internazionale, senza rinunciare ai colori bandiera del brand. Il design del logo, che dovrebbe sancire la rivoluzione copernicana dell’azienda, in realtà rappresenta un passo in avanti ma non un balzo rivoluzionario.

ibm  Questo logo di TIM ci ricorda qualcosa…

 

Partiamo dal simbolo: le onde rosse che caratterizzavano inizialmente il logo SIP, passate da quattro a tre nel cambio di nome in Telecom, perdono la connotazione dinamica e diventano linee orizzontali parallele. Con un gioco gestaltico di forme positive e negative si può leggere (a fatica) una lettera T al suo interno. Più che una citazione del famosissimo logo IBM disegnato nel 1972 da Paul Rand, sviluppato con elementi orizzontai in successione, sembra evocare qualcosa di orientale. Non a caso c’è già chi ironizza su twitter evidenziando la somiglianza del simbolo rosso con un pittogramma cinese.

Venendo al lettering, poi, vengono abbandonati l’italic delle lettere e i bordi netti a favore di un lettering meno dinamico e più solido, dagli spigoli leggermente arrotondati sicuramente più friendly e vicini ad un’estetica mobile. Si è persa del tutto, invece, la forma ovoidale in cui era contenuto il logo, che nella nuova versione galleggia direttamente su uno sfondo blu. Per questo sarà interessante capire come come sarà sviluppato il sistema di identità visiva quando il logo dovrà comparire su fondi diversi. Quindi operazione riuscita o no? Troppo presto per dirlo. Ma sicuramente operazione necessaria.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
55,59 €

Macchina fotografica a pellicola 35 mm

Macchina fotografica a pellicola 35 mm, modello vintage. Piccola e leggera, divertiti a immortalare ogni momento in versione analogica. Caratteristiche: Built-in flash Pellicola della macchina fotografica (35mm) Disponibile in Verde, Rosa, Viola, Nero, Blu, Oro, Argento Fonte di energia: 1 x batteria alcalina AAA (non inclusa)   Prodotto spedito dalla Cina. Tempi di consegna: 20/30
70,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >