Art
di Marco Beltramelli 23 Luglio 2021

Classic Nudes: Pornhub vs Uffizi

Con un trailer in cui Cicciolina interpreta la venere di Botticelli, il più grande sito hard del mondo ha annunciato l’uscita della sua audioguida ai più celebri nudi della storia dell’arte. Suscitando non poche polemiche.

Al Prado di Madrid, le due versioni della Maja di Goya, quella Desnuda e quella Vestida, sono poste a neanche un metro di distanza, sulla stessa parete, per coglierne al meglio i dettagli e instaurare un interessante confronto stilistico. Di fronte alla prima, col rispetto che è sempre tipico di un museo, si accalca una folla di una decina di persone, davanti alla seconda, un’anziana signora con un cappello colorato. La scena mi colpì, la ricordo come fosse ieri, un aneddoto che credo non sia capitato solamente al sottoscritto, ma è ben esemplificativo della potenza erotica dell’arte. Quello del nudo, o sarebbe meglio dire del “nudo artistico”, è un tema ricorrente in molti ambiti dell’espressione, dalla pittura alla scultura sino alla fotografia e al cinema, in tempi più recenti, cui il porno è una diretta conseguenza. L’ultima trovata di Pornhub fa proprio leva sull’analogia tra questi mondi all’apparenza così distanti: “Perché il porno non potrebbe essere considerato arte, ma alcune opere d’arte possono essere considerate porno”.

Un’affermazione che sarebbe interessante analizzare anche come questione: alcune opere d’arte possono essere considerate porno? Chissà in fondo se i quadri, prima dell’invenzione della fotografia, non rivestissero il ruolo di veri e propri stimolatori della fantasia negli sfortunati gentiluomini del 1800 privi d’internet e Postalmarket. Pornhub è sbarcato nel mondo dell’arte con un’audioguida sui più celebri nudi della storia lanciata da un trailer in cui Ilona Staller, conosciuta ai più come Cicciolina, (s)veste i panni della Venere del Botticelli. “Alcuni dei migliori porno di tutti i tempi non sono su Pornhub, ma si possono trovare solo nei musei” recita il video lancio dell’iniziativa. Classic Nudes ha l’obiettivo di svelare i segreti delle più grandi gallerie del mondo, facendo appassionare le persone all’arte attraverso il suo lato più peccaminoso.

Seppur già dai tempi degli egizi si potesse parlare di veri e propri geroglifici pornografici, e diversi graffiti e mosaici dell’era pre-cristiana rappresentassero uomini e donne intenti a dilettarsi con rudimentali antenati dei sex toys, il nudo nel mondo dell’arte ha una storia complicata e controversa. Nelle statue greche sino alle più celebri espressioni del periodo umanista, il nudo era la rappresentazione di una bellezza eterea. I corpi scultorei dell’Uomo Vitruviano e del David di Donatello sono l’espressione tangibile di un ideale di perfezione cui l’essere umano doveva tendere per superare i propri limiti, ma a tutte queste opere mancava una sfumatura che è stata acquisita solamente col tempo, dopo secoli di moralizzazione cattolica. Il primo ad affrontare il tema adottando lo stile classico è stato Antonio Canova: nel bacio non ancora avvenuto tra Amore e Psiche s’intravede la prima timida rappresentazione plastica della “malizia”. Il nudo verrà definitivamente sdoganato dalle avanguardie, in primis dall’impressionismo che lo nobilita, come ogni altro aspetto della vita, nella sua leggerezza e nel suo valore più frivolo, estetico e quindi anche sporco ed erotico

L’audio guida sarà interpreta da Asa Akira, nota pornostar giapponese, che su Instagram rincara la dose con queste parole: “Lascia che ti aiuti a sorvolare tutti i dipinti noiosi come La Gioconda e andare direttamente agli aspetti più piccanti del Louvre, del Museo del Prado, del Musee d’Orsay o del MOMA”. Tra le opere trattate dalla serie del noto sito pornografico Le Bagnanti di Cezanne, le statue in marmo di Afrodite, la Venere di Urbino di Tiziano, a ogni opera è abbinata una clip interpretata da Mysweetapple, la versione hard dei Me contro Te, una coppia di amatori divenuti delle vere e proprio star sul sito a luci rosse. La mia puntata preferita per ora è L’origine del mondo (rappresentata davvero con estremo realismo): sono sicuro anche Courbet ne andrebbe fiero.

Ma, quanto pare, non tutti hanno apprezzato l’iniziativa, a partire da Eike Schmidt, storico dell’arte tedesco, che ha intentato una denuncia verso l’holding lussemburghese proprietaria di Pornhub in nome degli Uffizi. Mossa prontamente replicata dal Louvre e, probabilmente, nei prossimi giorni dagli altri vertici museali. Trovo curioso che rettore del museo fiorentino si sia posto a capo di questa rivolta dei galleristi vestendo i panni ostruzionistici dell’Accademia al Salon d’Automne verso i Fauves, un atteggiamento che riesco a spiegarmi solo con la paura. Paura di intentare per l’ennesima volta all’opera più rappresentativa dell’istituzione che regge, dopo aver “dissacrato” il capolavoro di Botticelli in una campagna social incredibile con protagonista Chiara Ferragni. E averne di conseguenza subito le (ingiustificate) critiche.  Sminuire il valore dadaista dell’iniziativa di Pornhub non permettendogli di utilizzare l’immagine della Nascita di Venere in un video con Cicciolina è come impedire a Duchamp di porre i baffi sulla sua Monnalisa.

Due Veneri di Urbino a confronto  Due Veneri di Urbino a confronto

Classic Nudes è un’operazione ben fatta, imbastita con rispetto, amore e perizia verso il mondo dell’arte, per quanti tratti un tema ancora discusso e amorale come quello del porno. Passano i secoli, cambiano le forme espressive ma il nudo rimane un tabù. Il sesso, gli orientamenti, la masturbazione e la pornografia rimangono tabù, un velo di Maya (desnuda o vestida) che nessuno vuole scoprire ma dal quale tutti siamo segretamente intrappolati. Dalla sponsorizzazione di una squadra di calcio femminile all’abbonamento premium a tutti gli abitanti delle zone rosse durante il lockdown, dalle campagne a favore del “sesso mestruale” a quelle contro l’inquinamento con una serie di video erotici, “The dirtiest porno ever”, girati nelle spiagge più sporche del pianeta, ogni iniziativa del più grande sito hard del mondo è destinata a far discutere. Asa Akira ha ammesso di aver imparato più francese in questa audio guida che in 5 anni di corsi privati. In fondo dovremmo festeggiare tutti se a qualcuno capiterà di scoprire l’Odalisca Bruna di Boucher anche solo per trastullarsi.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
70,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >