Elena, Diana © Lady Tarin

Skin Tales: il nudo, le donne e il femminismo secondo Lady Tarin

Un occhio femminile che racconta l’erotismo per immagini come nessun altro

lady tarin  Lisa © Lady Tarin

 

Si è conclusa da poco alla galleria Beat Tricks di Milano Skin Tales, la prima personale della fotografa e artista romagnola Lady Tarin.

È stata un’occasione imperdibile per ammirare della splendida fotografia e contemporaneamente, perdersi in pensieri di amori estivi e fugaci con le sensualissime donne ritratte dalla Tarin. Noi ne abbiamo parlato direttamente con lei, per poi allargarci a discutere di fotografia erotica e della figura della donna.

 

 

Ciao Tarin, come hai lavorato al percorso della mostra e agli scatti esposti? 
La mostra è nata perché Beatrice, la gallerista, mi ha contattato, poi, in un secondo momento, è arrivata Rossella Farinosi, la curatrice. Insieme abbiamo selezionato i lavori. Non è stato facile perché lo spazio non è grande mentre il mio materiale è tantissimo, frutto di otto anni di lavoro. In realtà ho trovato la galleria perfetta proprio per la sua dimensione intima, da appartamento, in un cortile interno della vecchia Milano, è una cosa che mi piace molto. Con Rossella ci conosciamo da qualche anno, ci siamo incontrate nel 2010 e c’è stato subito un certo feeling sia umano che lavorativo. Quando abbiamo deciso di sviluppare questa mostra insieme lei ha voluto riscoprire il mio mondo nel dettaglio e studiare bene il mio percorso con le ragazze che ho fotografato. Per creare un quadro – anche da un punto di vista umano – che andasse dall’origine quando ancora non facevo i nudi arrivando fino ad oggi. Abbiamo seguito un percorso fra le opere, dal 2009 al 2013, e, proprio per questo, abbiamo incluso le polaroid, foto a colori e in bianco e nero, e un progetto speciale, una quadreria molto intima dal sapore vintage.

 

Lady Tarin Lady Tarin - Céline © Lady Tarin

 

Cosa ti colpisce in una ragazza, cos’è quel qualcosa che ti fa pensare “lei è perfetta per me”?
Nelle ragazze che fotografo cerco un potenziale su cui poter lavorare per tradurre in immagine la mia idea di erotismo. È molto importante il tipo di relazione che si instaura. Non c’entra con l’aspetto fisico, le donne che scelgo sono tutte esteticamente molto diverse fra loro, ma sono unite da un carattere poco convenzionale. Oggi, è importante che le ragazze che ritraggo condividano la mia stessa idea e che siano consapevoli del percorso che si è intrapreso, anche a distanza di anni. Per questo preferisco donne che abbiano più di 30 anni e che abbiano alle spalle un certo tipo di vissuto.

 

lady tarin Lady Tarin - Elena © Lady Tarin

 

Come arrivi a questo punto di naturalezza e complicità con le tue modelle? È sempre un percorso naturale oppure ti capita di trovare qualche barriera?
Ho sempre notato la sensualità nelle donne nella vita di tutti i giorni e come questo aspetto non venisse raffigurato nelle immagini di nudo in generale. Quelle immagini in cui lo stereotipo sostituisce la donna stessa. Il punto di naturalezza e la complicità con la donna ritratta, avvengono grazie a una comprensione del soggetto ritratto e a una forte identificazione. È percependo questo, emozionalmente, che posso capire chi ho di fronte. La nostra storia è simile. Inoltre, a livello estetico, ho tolto gli elementi ridondanti presenti nelle foto di nudo in generale, lingerie da gattona, make up pesante, e tutta l’attitudine che ne consegue. Mentre le barriere, quando ci sono, le avverto prima di arrivare allo shooting.

 

lady tarin Lady Tarin - Lisa © Lady Tarin

 

Aiutami a fare qualche nome di fotografo che riesce a rappresentare le donne in modo sincero e sensuale. Ho letto che hai sempre ammirato il lavoro di Newton
A mio avviso i fotografi che hanno saputo rappresentare le donne in modo sensuale e sincero sono quelli che hanno saputo amarle veramente. Helmut Newton con la complicità della moglie June ha creato un immaginario inconfondibile. Le foto che preferisco sono quelle scattate a Charlotte Rampling. Amo molto anche le sue polaroid. Man Ray, in modo opposto, ha rappresentato l’erotismo nell’intimità di casa sua, senza lasciarsi trascinare da troppi preconcetti.

 

lady tarin Lady Tarin - © Lady Tarin

 

Avrai osservato con interesse il panorama della fotografia di nudo in questi anni: credi che il tuo lavoro abbia aperto la mente e la strada ad altre fotografe che si dedicheranno alla fotografia erotica?
Veramente no. Non ho osservato con interesse il panorama della fotografia di nudo. Come ho accennato, non amo il genere. Penso sia stata l’esperienza personale ad ispirarmi. Un lavoro, per essere originale, deve essere il più possibile personale e i riferimenti sono sicuramente importanti; io, personalmente, non mi sono rivolta alla fotografia, ho preferito il cinema, quello di Buñuel e Ophüls, per esempio. Credo di aver aperto la strada più ad altri fotografi che ad altre fotografe, a giudicare da chi mi sta seguendo… e non credo che essere una donna sia sufficiente per ritrarre l’erotismo di un’altra donna. La competizione fra donne è un problema statico che si ripresenta continuamente e impedisce alle donne di andare avanti, di evolversi.

 

lady tarin Lady Tarin - Emmanuelle © Lady Tarin

 

C’è un paese, uno stato, che reputi abbastanza avanzato per quanto riguarda la presenza della donna nella società? Cosa ti auguri che gli uomini italiani capiscano perché si arrivi a un rispetto maggiore sia dell’immagine, del corpo, della psiche femminile?
I paesi anglosassoni tendono a essere più meritocratici, le donne hanno lottato per ottenere un simile risultato. In Italia le donne detengono ancora il subdolo potere nell’interno della famiglia e gli uomini si sentono dunque autorizzati a ricoprire cariche non necessariamente meritate. Penso che le donne dovrebbero uscire e confrontarsi con un mondo non solo domestico ed imparare l’alleanza fra donne, ma anche quella con gli uomini.  Innanzitutto andrebbe cambiata l’educazione: le donne non vanno cresciute come se fossero piante. Ci si scandalizza se la donna punta tutto sul suo aspetto, dimenticando che è proprio il sistema che educa la donna a essere solo quello. Non si parla mai di realizzazione personale ma solo di ciclo biologico. Come ti dicevo se un cambiamento è possibile, è in mano alla donna.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
50,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >