La nuova grafica della Premier League ci spiega perché il campionato inglese è avanti anni luce

Il rebranding della massima divisione inglese ovvero più televisione e meno federazione

DesignStudio_Premier_League_Rebrand_2016_07-2000x1125-1024x576

 

Bye bye a quell’estetica che fa tanto This is England a metà tra orgoglio nazionale e rissa al pub: con questa operazione si completa il cambiamento iniziato dalla federazione inglese con la rivoluzione degli stadi trasformati in luoghi di intrattenimento per famiglie. La Premier League cambia immagine pensionando il vecchio leone del suo logo in un avvicendamento di felini che ricorda tanto il remake di un classico Disney.

Il tema è di quelli complicati: spazzare via un pilastro della cultura popolare britannica, fino ad oggi rappresentato con un logo vagamente araldico, in cui un leone blu artiglia con fierezza un pallone rosso sotto la sua zampa, il tutto accostato a un lettering appuntito e spigoloso.

PremierLeague-683x1024  Il vecchio leone simbolo della Premier League (fino a oggi)

 

Il rebranding della massima divisione inglese, che poi è pure il campionato di calcio più seguito al mondo, è davvero un’operazione clamorosa, che segna la profonda differenza culturale tra i paesi anglosassoni e il resto del mondo nell’utilizzo del design come strumento di business.

Il nuovo logo della Premiere League, e tutto il sistema di identità coordinata, disegnato da DesignStudio in collaborazione con Robin Brand Consultants e recensito ieri in un bell’articolo su Creative Review ci dice fondamentalmente tre cose: il calcio inglese è un gioco, il calcio inglese è un gioco divertente, il calcio inglese è un gioco divertente che va in tv (e non solo).

Uno a zero (anzi, molti zeri), e palla al centro. Ma andiamo con ordine.

1. Il calcio è un gioco

Premier_League_Rebrands_DesignStudio_03-1024x576

È questo il primo passaggio culturale fondamentale. Il gioco unisce, è inclusivo e trasversale. Il gioco è universale. Umano e facile. La complessità del vecchio logo cede il passo alla sintesi, il peso dell’istituzione viene spazzato via dalla leggerezza. Il carattere tipografico, disegnato appositamente per il progetto con una particolare attenzione all’eliminazione degli spigoli, riesce ad essere amichevole e contemporaneo. Che ci volete fare, il calcio di oggi si vuole raccontare come un gioco da (bravi) ragazzi: più Messi e meno George Best.

 

2. Il calcio inglese è un gioco divertente

list

Se questo sport smette di essere semplicemente una fede per diventare spettacolo su scala globale, è chiaro che ci si voglia divertire a guardare le partite. Finiti i tempi di catenaccio e contropiede, oggi va di moda il circo. Con le luci, i fuochi artificiali e tutto il resto. E avanti allora con i colori: una palette diversa ogni tre anni e poi si cambia, con una regola: mai usare le cromie delle squadre che giocano nel campionato (sono tempi politically correct, i nostri). Così anche le cromie abbandonano quelle della tradizione sportiva per accodarsi ai dictat dei grandi brand e delle loro scarpe, che da tempo hanno sdoganato nel mondo del pallone tinte vibranti, inattese, improbabili. Più Nike e meno Umbro.

 

3. Il calcio inglese è un gioco divertente che va in tv

Premier_League_Rebrands_DesignStudio_07-1024x576

E su internet. E sui social. E in un sacco di altri posti. E questa identità visiva, di fatto, non è atro che quella di un canale tematico multipiattaforma. Osservando l’intero progetto da questa prospettiva, molti aspetti tecnici legati al design del logo e agli sviluppi del sistema sono presto spiegati oltre che fortemente motivati: dalla necessità di far funzionare il logo solo “in forma”, senza i colori bandiera, anche in piccole dimensioni (proprio come funziona il logo di un’emittente tv), ai pattern optical perfetti per applicazioni video. E allora è chiaro che Premier League non è solo il contenitore del campionato inglese, ma un vero e proprio broadcast. Ta- tan! Questa è la rivoluzione: più televisione e meno federazione.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
55,59 €

Macchina fotografica a pellicola 35 mm

Macchina fotografica a pellicola 35 mm, modello vintage. Piccola e leggera, divertiti a immortalare ogni momento in versione analogica. Caratteristiche: Built-in flash Pellicola della macchina fotografica (35mm) Disponibile in Verde, Rosa, Viola, Nero, Blu, Oro, Argento Fonte di energia: 1 x batteria alcalina AAA (non inclusa)   Prodotto spedito dalla Cina. Tempi di consegna: 20/30
70,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Virginia Mori

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Virginia Mori Nasce a Cattolica nel 1981. Vive e lavora a Pesaro. Si perfeziona in Illustrazione e Animazione all’Istituto Statale d’Arte di Urbino, esperienza formativa che contribuisce a costruire e consolidare il suo immaginario artistico e che le permette di muovere i primi passi nella realizzazione di corti di animazione tradizionale e nell’illustrazione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >