Tanti auguri a Mickey Rourke, il più bello di tutti prima che si scombinasse la faccia

Era bellissimo, oggi cambia faccia ad ogni film. Auguri, campione

Cinema
di Elisabetta Limone 16 settembre 2016 12:37
Tanti auguri a Mickey Rourke, il più bello di tutti prima che si scombinasse la faccia

mikey-rourke celebplasticsurgetyonline

 

Mickey Rourke è nato a Schenetady, nello stato di New York il 16 settembre 1952 e oggi compie 64 anni. Ex boxer, con quello sport ha avuto un tira e molla per tutta la vita, ma la notorietà gliel’hanno data film come L’anno del dragone, Angel Heart, Rusty il selvaggio e l’indimenticabile 9 settimane e mezzo. Grazie alla sua bellezza, ha stregato e infranto i cuori di milioni di ragazze in tutto il mondo nei favolosi anni ’80.

Quello sguardo dolce e insieme violento, la bocca a cuore, il carattere ruvido e antisociale ne hanno fatto il perfetto uomo che non deve chiedere mai, come quello delle pubblicità. Il suo ruolo di antieroe urbano, amato dalle donne e temuto dagli uomini però inizia il suo declino alla fine degli anni ’80. Tutti i registi con cui ha lavorato in quel periodo lo ricordano come un professionista impossibile, imprevedibile, uno di quelli che non sai mai cosa farà sul set.

Proprio nel 1991 Rourke non sente più di essere rispettato come attore nell’ambiente e decide di tornare alla boxe ma ne prende così tante che ci guadagna il naso rotto, i denti spezzati, le costole incrinate e pure la lingua tagliata. In pratica, è sfigurato e sparisce dalle scene.

 

 

Quando torna sulle scene nel 1995 è irriconoscibile, un’altra persona. Sembra un culturista fatto di plastica, una roba difficile da digerire per le milioni di fan, che ricordano i suoi occhi dolci, occhi di chi ti avrebbe potuto portare in Paradiso o all’Inferno e te niente, ci saresti andata col biglietto di sola andata. Chiedere a Kim Basinger se non ci credete.

 

l

 

E poi cos’è successo? La faccia combinata e scombinata più volte, che diventa il parco giochi dei chirurghi plastici di tutta America e il ritorno in grande col film The Wrestler del 2008, che vince il Leone d’Oro a Venezia e dà inizio alla sua seconda carriera, quella di uomo rude con la faccia diversa ogni film. Auguri, campione.

 

giphy-122

 

Vi raccomandiamo:

COSA NE PENSI? (Sii gentile)