TV e Cinema
di Simone Stefanini 2 Febbraio 2018

10 motivi per guardare Ricomincio da capo

Un film surreale, che sfiora l’horror e la storia romantica: una commedia semplicemente perfetta

Avete presente il film di Harold Ramis con Bill Murray e Andie MacDowell del 1993?  Quello che i titolisti italiani hanno adattato un po’ alla cactus, invece di preferire la traduzione letterale e di chiamarlo Il giorno della marmotta? Ancora non vi ricordate? Ultimo indizio: quello in cui il protagonista, un presentatore del meteo di una tv privata, viene mandato dall’emittente a seguire il giorno della marmotta, una festa paesana in Pennsylvania e una volta lì vive il solito giorno in eterno? In questo Purgatorio, il nostro eroe trova anche l’amore, rendendo il film una perfetta guida alla vita.

Ok, finalmente vi vedo attenti. È il momento di darvi 10 motivi per riguardarlo e stare bene.

 

1) C’è Bill Murray

giphy-49 via

Voi che li avete visti tutti, ci ricordate per cortesia un film con Bill Murray che non sia adorabile? Da Ghostbusters allo Steve Zissou di Wes Anderson, passando per Lost in Translation di Sofia Coppola o SOS Fantasmi. Ogni ruolo che interpreta l’attore 65enne è una gioia e pure quando il film è una mezza ciofeca, basta un suo cameo per renderlo passabile. Ricomincio da capo non fa certo eccezione e vederlo impazzire d’amore (e non solo), disperarsi, sbellicarsi dalle risate e fare il romanticone vale già il biglietto del film.

 

2) Era su Netflix

No, questo punto non è più valido. Eravamo sicuri al 100% che fosse su Netflix, l’anno scorso c’era ma quest’anno non c’è più. Come faremo a riprenderci? Facendo zapping furioso su una delle tante tv in giro per trovarlo, oppure cliccando su quel torrent che irradia felicità.

 

 

3) La marmotta Phil esiste davvero

Ogni anno, nella ridente cittadina (facilmente pronunciabile) di Punxsutawney in Pennsylvania, c’è una tradizione che va avanti dal 1987 e che prevede un marmottone di nome Phil che esce dalla sua tana per predire il clima: se il tempo è nuvoloso, la marmotta non vede la propria ombra e resta all’aperto: vuol dire che la primavera arriverà presto. Se invece c’è il sole, la marmotta vede la sua ombra, si spaventa e torna nella tana: vuol dire che l’inverno durerà altre dei settimane. Neanche a dirlo, da quando la cittadina è diventata il teatro delle riprese di Ricomincio da capo, tutte incentrate su quella festa, i turisti e i fan si sono moltiplicati come i Gremlins per assistere alla marmotta/colonnello dell’aeronautica ad honorem. Nel caso però siate impossibilitati a raggiungere il luogo ameno, la festa si può guardare anche in streaming sul sito ufficiale.

 

4) In suo onore, Sky UK lo trasmetterà per tutto il giorno

Adoriamo lo humor inglese e questo ne è un esempio lampante. Come omaggiate un film in cui il protagonista rivive lo stesso giorno ogni giorno se non mettendolo in palinsesto per 24 ore consecutive, per un totale di 13 volte? È quello che hanno pensato a Sky in Gran Bretagna. Per non farsi mancare nulla, l’Independent nel lanciare la notizia, l’ha copincollata nella stessa pagina innumerevoli volte in loop. Geni.

 

5) La sveglia con la canzone I Got You Babe di Sonny e Cher 

È la canzone che ogni mattina il buon Bill ascolta dalla radio, che lo sveglia rigorosamente alle 6.00 (insieme allo speaker che dice “In piedi campeggiatori, camperesti e campanari!”). La sveglia è talmente iconica che c’è chi ha pensato di crearne una uguale, usando una Panasonic RC-6025, proprio come quella del film e mettendoci dentro il famoso pezzo, che alle 6 vi sveglierà come da copione, tutti i giorni. Le istruzioni step by step nel video qui sopra.

 

6) La trama è stata ispirata da Nietzsche

Siamo sul nientepopòdimenoche. Se non siete troppo ferrati su Nietzsche e le poche volte che l’avete sentito nominare era in una canzone di Zucchero, non disperate, facciamo presto. Harold Ramis e Danny Rubin, gli sceneggiatori del film, hanno detto più volte di aver preso ispirazione da La Gaia Scienza, un libro filosofico del 1882 scritto proprio da Friedrich Nietzsche in cui il pensatore, tra l’altro, descrive un uomo che vive lo stesso giorno  tutti i giorni.

 

7) Bill Murray vive lo stesso giorno più a lungo di quanto pensi

giphy-50 via

Noi ridiamo e scherziamo ma per il protagonista Phil Connors è una sorta di film dell’orrore. Un fan totale, Wolf Gnards, ha analizzato il film e attraverso una serie di calcoli che non vi stiamo a dire, ha dichiarato che, come minimo, Bill è rimasto bloccato nel solito giorno per 8 anni, 8 mesi e 16 giorni. Anche il regista Ramis ha risposto al magazine Heeb a questa domanda spinosa, confermando che come minimo, Bill Murray abbia visto il giorno della marmotta per 10 anni buoni. Tutti quelli che servono per imparare il piano, saper parlare correttamente il francese e diventare un asso nelle sculture di ghiaccio.

 

8) In nessun’altra commedia il protagonista si suicida un sacco di volte

È anche il lato oscuro, di rassegnazione e disperazione  che rende questa commedia così bella. In un film romantico, di certo a nessuno verrebbe in mente di far suicidare il protagonista più e più volte, ma qui si va oltre. Phil, nel suo loop continuo ha sicuramente sperimentato di tutto, pure le cose più perverse e non gli resta altro che morire, provando tutti i vari modi di farla finita. Un risvolto sinistro che rende l’happy ending ancora più happy.

 

9) A Punxsutawney troverete placche come questa 

Un motivo in più per andare a visitare quella cittadina dal nome impronunciabile.  Per guardare l’angolo in cui viene importunato da Ned Ryerson e poggiare i piedi dove ha camminato Bill Murray. LIKE A BOSS.

 

10) Andie MacDowell è proprio carina

È proprio quello il punto: Andie MacDowell non è una bomba sexy, è una ragazza carina. Beh, neanche Bill Murray è mai stato scambiato per Johnny Depp e questa unione strana, di due persone normali crea quel transfert che oggi è difficile ricreare coi belli di plastica. E ogni giorno, per anni, Bill Murray la corteggerà, la inviterà a cena, ne sarà innamorato perdutamente. Ecco perché è una tra le commedie d’amore che non ti stanchi mai di guardare. Curiosità: per la parte era stata presa in considerazione anche Tori Amos.

 

BONUS: Questa pubblicità del Superbowl 2020

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
25,00 €

Maglietta de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Maglietta in edizione limitata per il concerto di Andrea Laszlo De Simone.  
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >