Geek
di Mattia Nesto 12 Marzo 2019

Finalmente il Netflix dei videogiochi è realtà: arriva in Italia Playstation Now

Attivo da oggi il servizio di casa Sony permetterà di giocare in streaming oltre 600 titoli della Ps2, Ps3 e Ps4.

(Le foto ci sono state gentilmente concesse da Sony Playstation Italia)

Avete presente quell’orribile sensazione di quando, magari per aver letto un bel pezzo su internet oppure per aver intravisto un walktrough di un qualche Youtuber, vi viene voglia, un’irrefrenabile voglia di riprendere quel gioco della PS2 che tanto avete amato in gioventù o che, magari, non avete mai potuto possedere perché, all’epoca, i vostri genitori dicevano che “i videogiochi fanno crescere violenti i ragazzi”? Ecco quanto questo sentimento vi attanaglia, fino ad oggi, le scelte potevano essere essenzialmente tre: abbozzare e fare di necessità virtù, accontentandosi di leggere o di vedere gli altri giocare, oppure di recuperare la propria vecchia console (ma ormai non si vive più con mamma e papà, casa e lontana e chissà dov’è quella scatola nera e se funziona ancora) oppure, bad ending, cercare in qualche modo illegale di scaricarsi il più classico degli emulatori.

Ecco, finalmente, da oggi tutto sarà molto più semplice: avete voglia di ri-giocare Metal Gear Solid 2 e non avete la Ps2 a portata di mano? Nessun problema, con Playstation Now, il nuovissimo servizio in abbonamento streaming di Sony potrete giocarvelo comodamente sulla vostra Ps4 di fiducia. Ma andiamo nel dettaglio (qui il sito ufficiale).

Infatti da oggi, terminato il periodo di Beta, Sony lancia Playstation Now, una specie di Netflix dei videogiochi che attraverso due semplici pacchetti di abbonamento (uno mensile a 14.99 euro e uno annuale a 99.99 più i classici sette giorni di prova) metterà a disposizione oltre 600 titoli della Ps2, Ps3 (in entrambi i casi in alta risoluzione) e Ps4 che potranno essere giocati liberamente, per quanto si vuole attraverso il più classico degli streaming. Addirittura per quanto concerne i titoli della Playstation 2 e della Playstation 4 si potranno scaricare sulla propria console, così da averli praticamente in eterno e senza dover “sperare che la linea di casa regga” per poterci giocare. Ora va detto che al netto di qualche piccolo/grande malumore (è vero i giochi della Playstation 1 non sono disponibili ma lì è un “problema” legato agli standard e alla risoluzione degli stessi), quello lanciato ieri da Sony durante una suggestiva conferenza nel bellissimo Spazio Gessi a Milano è una vera e propria rivoluzione nel gaming.

Sulla scia di Microsoft ma con una soluzione più alla “tv in streaming” infatti Sony offre un servizio che può essere considerato parallelo a quello già in essere di Playstation Plus. Se infatti con Plus si può giocare in multiplayer online e avere ogni mese almeno due titoli gratuiti sempre di ottimo livello, con Now si potrà dare libero sfogo alla propria voglia di retrogaming, giustappunto ritornando in quei mondi e in quelle avventure in cui siamo immersi per ore da più giovani oppure, perché no, colmare qualche possibile lacuna nel nostro percorso videoludico. E con 600 titoli siamo certi che le soluzioni potranno essere molteplici. Naturalmente, scendendo un attimino più nel tecnico. la”responsività” dei comandi, ovvero di quanto sarà il tempo intercorso tra la pressione del tasto e l’azione in-game, sarà uno degli aspetti da tenere in più alta considerazione dato che si sta parlando di gioco in streaming ma il team Sony ha dichiarato che “si è molto lavorato in termini di ottimizzazione del responso fermo restando l’importanza cruciale di una buona connessione”.

I requisiti minimi in fatto di connessione sono davvero alla portata di tutti e in più, grandissima novità, Playstation Now offre la possibilità di giocare, in questo caso esclusivamente in streaming, con i titoli Sony anche su Pc (non su Mac però, almeno al momento). Con nove euro al mese insomma si cesserà di avere anche solo la tentazione di “scendere a patti” con la pirateria: e non perché diventeremo tutti all’improvviso più onesti ma perché, con un servizio analogo a Plus, la comodità di fruizione e la possibilità di scelta sarà enormemente superiore rispetto a tutte le altre opzioni. Ora scusateci ma torniamo a commuoverci, ancora una volta, mentre impersoniamo Naked Snake contro Big Boss nella mitica battaglia sul lago delle giunchiglie bianche.

CORRELATI >