Geek
di Mattia Nesto 31 Maggio 2021

Horizon Forbidden West: il techno-olifante nella stanza

Allo State of Play, il ciclico appuntamento in cui Sony presenta alcune delle sue esclusive, abbiamo avuto l’occassione di provare l’anteprima di Horizon Forbidden West: come ci è sembrato?

L’ultimo State of Play, il ciclico appuntamento con una o più esclusive di casa Sony, è stato davvero ammaliante. Nell’oltre quarto d’ora di gameplay puro del team Guerrila, Horizon Forbidden West, il seguito di Horizon Zero Dawn (con la sua appendice-dilc The Frozen Wilds), si è svelato essere un titolo dai grandi valori produttivi, con un’estetica semplicemente incredibile e, soprattutto, ambizioni da vendere. Un gameplay-teaser onesto e reale, con oggetti che clippavano come avverrà sulle nostre console), con la iper-coraggiosa Aloy come protagonista. Spoiler: questo articolo contiene techno-olifanti. Ora sappiamo di avere la vostra attenzione.

Sin dai primissimi minuti delle scene di gioco si ha la sensazione di avere davanti non soltanto un “more of the same” rispetto al primo capitolo, ma una vera e propria evoluzione dell’intero concept. In Forbidden West, infatti, rimane assolutamente al vertice del medium il colpo d’occhio, grazie anche a un motore grafico, il decima engine (utilizzo da Kojima e compagni anche per Death Stranding, a proposito, qui un nostro pezzo) super sugli scudi. Il futuro natural-tecnologico di Horizon è contrassegnato da un mondo con colori saturi incredibili, che passano dalle tinte calde della foresta tropicale a quelle più fredde dei momenti subacquei, veramente sorprendenti per la mole poligonale a schermo. Se, ancora una volta, i volti e, soprattutto, l’espressività appare un po’ statica, i giochi di luce, le rifrazioni e la global illumination ci sono parsi davvero stupefacenti. Ma, al netto delle creature bio-meccaniche, ancora una volta descritte con arte e sapienza (come i techno-raptor cavalcabili degni di Dino Riders!), come ci è sembrato il gameplay? Anche qui tantissime luci e pochissime ombre.

Se in Zero Dawn il combattimento con l’arco era divertente e super-dinamico, oltre che bellissimo da vedere, così non si poteva dire per i momenti di puro melee. Per quanto ci è stato mostrato possiamo dire che abbiamo ravvisato un netto miglioramento. Non soltanto gran parte del gameplay è stato dedicato al combattimento contro altri esseri umani (grande “pecca” del precedente titolo) ma anche la possibilità di rimuovere singoli pezzi della loro armatura e di fare attacchi particolarmente potenti (una “super-mossa” che ci ha ricordato lo stile dei picchiaduro) ha fornito maggiori stratificazioni al combat-system. Le mosse coreografiche prima di attaccare ci hanno lasciato un po’ perplessi, ma la resa su schermo è stata certamente molto bella da osservare.

Ma arriviamo, almeno per noi, al piatto forte dell’evento, il combattimento contro l’olifante tecnologico. Durante quelle fasi di lotta abbiamo tremato a più riprese, non avevamo mai visto un’Aloy tanto scattante e agile, capace di arrampicarsi, in un battibaleno, su una colonna grazie a un rampino e poi, con un altro guizzo, planare dolcemente a terra evitando una zannata del mammut-killer grazie a un “paravela oleografico” di zeldiana memoria. Durante il combattimento il techno-olifante distruggeva l’ambientazione tutto intorno, sbriciolando muri, sfondando palazzi e facendo vibrare il terreno con un resa grafica spettacolare ed emozionante. Per tutta risposta la nostra eroina, grazie a nuovi tipi di proiettili, era in grado non soltanto di rimuovere pezzi dell’armatura, ma anche di bloccare il terribile avversario al suolo con una sorta di colla vischiosa per abbattere la “torretta del guidatore” ricreando una scena degna de Il signore degli Anelli – Il ritorno del re.

Con delle ost, specialmente nella parte in cui si cavalcava il raptor, veramente accattivanti, Horizon Forbidden West. almeno da questa anteprima, sembra aver compiuto quel salto in avanti che chiedevamo a Guerrilla. Certo ci sono ancora delle cose da rivedere, ma i punti forti sono semplicemente stratosferici. Adesso contiamo i giorni, non avendo ancora svelato la data, che ci separano dall’uscita del gioco. Se è vero come vero che ci saranno anche dei “serpentoni marini” il desiderio di ricreare la famosa scena di “Laocoonte con i suoi figli” è davvero fortissima!

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
24,99 €

Lucchetto ad impronta digitale

Ecco il lucchetto più intelligente che c'è. Per aprirlo non servono chiavi, ma basta la tua impronta digitale. Il lucchetto smart è prodotto dall'azienda cinese Xiaomi, che sforna ogni anno ottimi prodotti di elettronica di consumo. Si apre grazie al semplice tocco delle dita, perché riconosce l'impronta digitale del suo padrone. Ricordi quella volta che sei sceso dall'aereo, hai ritirato la valigia e ti sei accorto che non avevi più la chiave del lucchetto? Non succederà più. Fatto in lega di zinco e acciaio è figo, tutto liscio, senza pile da cambiare perché è ricaricabile con un comune cavetto micro USB. A leggere le specifiche tecniche può stare in standby fino ad un anno ed è anche resistente all'acqua. Infine, può memorizzare fino a 20 impronte digitali, così puoi condividerlo con altre persone o, addirittura provare ad aprirlo con le dita dei piedi. Ecco tutti i dati: Nome prodotto: NOC LOC Fingerprint Padlock Metodo di apertura: impronta digitale Materiali: lega di zinco e acciaio Lettore di impronta: semiconduttore Alimentazione ricarica: cavo Micro-USB Impronte memorizzabili: 20 Indicatore batteria scarica: punto LED Tipo batteria: 110mAh ricaricabile Livello di resistenza all'acqua: IPX7 Durata in standby: 1 anno Aperture con una ricarica: 2500 volte Dimensioni: 36mm x 18mm x 38mm Il pacchetto include 1 lucchetto. Il prodotto viene spedito dalla Cina.
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >