Geek
di Mattia Nesto 15 Luglio 2021

Monster Hunter Stories 2: -Wings of Ruin: il gioco di ruolo che non t’aspetti

Con un frame-rate che in portabilità si stabilizza sui 27-30 al secondo, Monster Hunter Stories 2 è il jrpg perfetto da portare in spiaggia o montagna.

Quando lo scorso fine settimana ho alzato gli occhi dallo schermo mancavano grosso modo venti minuti alla finale Italia – Inghilterra. E dire che, almeno nella mia percezione fisica e mentale, mi ero messo da meno di un quarto d’ora a giocare alla Nintendo. Senza colpo ferire, erano passate più di due ore. Ecco, vi basti questo per intendere che cosa sia il “fenomeno” chiamato Monster Hunter Stories 2: Wings of Ruin, il nuovo gioco di ruolo ambientato nel mondo di Monster Hunter, in esclusiva per Switch.

L’eccezionalità di questo gioco ha due spiegazioni che vi voglio illustrare. Innanzi tutto, quello che, a conti fatti, poteva essere un “semplice” spin-off, una sorta di deviazione dall’avventura principale, non solo è stato realizzato con cura e attenzione a livello tecnico e di gameplay, ma anche con una perizia fuori dal comune per quanto concerne il comparto grafico e artistico. L’estetica di ogni singolo personaggio è curata nel minimi dettaglii e gli ncp principali sono veramente un tripudio di colori definitissimi in movimento. Stiamo parlando di un titolo di prim’ordine.

Raramente i personaggi secondari sono così ben raffigurati  Raramente i personaggi secondari sono così ben raffigurati

Ma quello che mi ha davvero sorpreso (e in certe occasioni lasciato a bocca aperta) è il combat-system. Un sistema di gameplay che ibrida alla perfezione le meccaniche di un “classico” Monster Hunter (a proposito, avete provato l’ultimo, sbalorditivo Monster Hunter Rise? Qui la nostra recensione) con quelle di un gioco di ruolo giapponese in cui la strategia è la chiave fondamentale. E allora vi ritroverete a dovere fare i conti con un vero e proprio party, in cui la vostra cavalcatura sarà parte integrante dello scontro e dovrete imparare a conoscere e scovare abilità, debolezze e punti di forza del nemico di turno.

Già i nemici, ovvero le creature. Ancora una volta Capcom, con uno stile più cartoonesco dei capitoli precedenti, fa un grande lavoro, portando sullo schermo enormi dodo e simil-dinosauri, stupendi da vedere e tutti contraddistinti da abilità differenti, animazioni uniche ma, soprattutto, approcci molteplici. Se infatti vi state aspettando una specie di “passeggiata di salute” potete pure scordarvelo: qui siamo comunque in un Monster Hunter “ufficiale” e dovrete sempre stare attenti alla wyvern che vi si parerà di fronte.

Si combatte, certo, ma non mancheranno i momenti pucciosi  Si combatte, certo, ma non mancheranno i momenti pucciosi

Con un frame-rate che in portabilità si stabilizza sui 27-30 al secondo, Monster Hunter Stories 2 è il jrpg da portare in spiaggia o montagna. Ore ore di divertimento assicurato anche sotto il sole..

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
24,99 €

Lucchetto ad impronta digitale

Ecco il lucchetto più intelligente che c'è. Per aprirlo non servono chiavi, ma basta la tua impronta digitale. Il lucchetto smart è prodotto dall'azienda cinese Xiaomi, che sforna ogni anno ottimi prodotti di elettronica di consumo. Si apre grazie al semplice tocco delle dita, perché riconosce l'impronta digitale del suo padrone. Ricordi quella volta che sei sceso dall'aereo, hai ritirato la valigia e ti sei accorto che non avevi più la chiave del lucchetto? Non succederà più. Fatto in lega di zinco e acciaio è figo, tutto liscio, senza pile da cambiare perché è ricaricabile con un comune cavetto micro USB. A leggere le specifiche tecniche può stare in standby fino ad un anno ed è anche resistente all'acqua. Infine, può memorizzare fino a 20 impronte digitali, così puoi condividerlo con altre persone o, addirittura provare ad aprirlo con le dita dei piedi. Ecco tutti i dati: Nome prodotto: NOC LOC Fingerprint Padlock Metodo di apertura: impronta digitale Materiali: lega di zinco e acciaio Lettore di impronta: semiconduttore Alimentazione ricarica: cavo Micro-USB Impronte memorizzabili: 20 Indicatore batteria scarica: punto LED Tipo batteria: 110mAh ricaricabile Livello di resistenza all'acqua: IPX7 Durata in standby: 1 anno Aperture con una ricarica: 2500 volte Dimensioni: 36mm x 18mm x 38mm Il pacchetto include 1 lucchetto. Il prodotto viene spedito dalla Cina.
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >