Geek
di Mattia Nesto 13 Maggio 2021

New Pokémon Snap – Il 1999 in un flash

La nuova esclusiva di casa Nintendo a tema Pokemon è un gioco tanto vetusto quanto divertente che ci riproietta nel 1999.

Forse molti di voi non erano neppure nati. Poi c’è chi, come noi, nel 1999 era abbastanza grande (o piccolo) da ricordarsi cosa volesse dire essere un* appassionat* di Pokemon in quell’anno. Un anno che, nel giro di pochi mesi, aveva visto la febbre dei “mostri tascabili” invadere ogni angolo del pianeta, ogni lembo della nostra vita: dalle merendine con il famoso medaglione di cioccolato bianco fino al film omonimo, i Pokemon avevano conquistato ogni cosa. E così, quasi sottotraccia, giunse sugli scaffali dei negozi di videogiochi un titolo molto particolare. Stiamo parlando di Pokemon Snap per Nintendo 64.

Questo videogioco era interamente basato su una meccanica tanto semplice quanto immediata: fare foto ai Pokemon. Più belle, ricche di dettagli e bizzarre più si ottenevano punti. Il titolo, introvabile in Italia, nel corso degli anni è diventato una sorta di gioco mitico, e quando Nintendo ha annunciato di rilanciarne una nuova versione, siamo letteralmente, come direbbe Guido Meda, saltati sul divano. Ed eccoci qui ora, dopo un numero abbastanza imbarazzante di ore di gioco, a dirvi che New Pokémon Snap, al netto di un sistema di gioco che definire vetusto è un eufemismo, è un gran bel titolo che ci ha fatto rivivere la fine del millennio in maniera vivida e intensa.

Spiegarvi che cosa sia New Pokémon Snap per Nintendo Switch è davvero molto semplice. Si tratta infatti di un titolo che ricalca fedelmente il gioco del 1999, ovvero un videogioco di fotografia dei Pokemon, niente di più niente di meno. Sappiamo perfettamente che per chi non è appassionato del brand questa definizione potrebbe suonare quasi ridicola, ma se amate i pocket monster questo game è un must to have. Avremo la possibilità di osservare le creature nel loro habitat naturale, alle prese invece che con le solite lotte all’ultimo sangue, con azioni e comportamenti di tutti i giorni, capaci di sbalordirci, proprio come fossimo tornati bambini all zoo, quando si osserva un piccolo Pichu sbucare da un cespuglio e osservarci curioso.

Oggettivamente adorabili questi esemplari di Pichu e Grookey  Oggettivamente adorabili questi esemplari di Pichu e Grookey

Ambientato sull’isola di Lentil il gioco presenta una progressione non ripida, che accompagna il giocatore per mano alla scoperta di nuovi meccanismi. Durante le nostre sessioni di fotografia non avremo un movimento libero ma ci sposteremo su dei “binari”, un percorso pre-impostato. Ecco perché la rigiocabilità di un dato “livello” è praticamente connaturato a New Pokémon Snap, durante il primo viaggio di esplorazione di un habitat non riusciremo a catturare su pellicola ogni tipo di esemplare della fauna endemica. Senza considerare le creature nascoste (alcune davvero camuffate per benino) anche i Pokemon più “a fuoco” non saranno semplici da fotografare in modo ottimale. Già perché non soltanto dovremo immortalare i mostri tascabili, ma lo dovremo fare anche in modo che essi siano al centro dell’obiettivo, magari intenti in qualche azione specifica (ad esempio cibarsi di bacche, spiccare il volo, tuffarsi in acqua) oppure in gruppo, così da accrescere il nostro punteggio di valutazione.

Una foto più primaverile di questa voi l’avete mai fatta?  Una foto più primaverile di questa voi l’avete mai fatta?

Ecco che allora, con un meccanismo tanto semplice quanto intrigante, il titolo diventa un perfetto passatempo per staccare dal lavoro o anche per alternare a titoli che ci tengono più sulle spine (come quel Resident Evil Village di qui vi abbiamo parlato qui).  Sicuramente dal punto di vista meramente tecnico, ancora una volta, i Pokemon non sono riprodotti in maniera scintillante. Non ci si discosta poi troppo dal motore grafico di Spada e Scudo (qui la nostra recensione) e la sensazione di trovarsi davanti a un gioco comunque “vetusto” è sempre palpabile.

Dodrio è sempre fiero ogni cosa faccia  Dodrio è sempre fiero ogni cosa faccia

Ma il punto non è questo, almeno per un titolo del genere. New Pokémon Snap ha come obiettivo quello di rilassare il giocatore, mettendolo di fronte certamente a delle sfide, ma sempre col sorriso sulla fronte. Sicuramente ci sarà chi affronterà Snap come un hardcore-gamer, quindi intento a voler aumentare il punteggio a dismisura, ma siamo certi non sia questo il cuore del titolo. Tanto è vero che la modalità online, che ci permette di premiare le foto più belle degli utenti, va proprio in questa direzione. In New Pokémon Snap non si è più bravi perché si fanno più foto o si immortalano più pokemon, ma ci si diverte perché si passa ore ore in compagnia di quelle creature che, dal 1998 in avanti, almeno in Italia, sono entrate nelle nostre vite. E lo si fa non da soli ma assieme a centinaia di migliaia, se non milioni, di giocator* di tutto il mondo. Gotta Friends ‘Em All.

E in fondo New Pokémon Snap è un po’ come un pezzo dei Kings of Convenience: quando sai che è in uscita una nuovo ti ritrovi a pensare “Ma dai, sul serio, ancora, come potrà funzionare ancora?”. E poi, una volta ascoltato, ti ritrovi a canticchiarlo e a ringraziarlo perché, se tutto va bene, è già primavera.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
24,99 €

Lucchetto ad impronta digitale

Ecco il lucchetto più intelligente che c'è. Per aprirlo non servono chiavi, ma basta la tua impronta digitale. Il lucchetto smart è prodotto dall'azienda cinese Xiaomi, che sforna ogni anno ottimi prodotti di elettronica di consumo. Si apre grazie al semplice tocco delle dita, perché riconosce l'impronta digitale del suo padrone. Ricordi quella volta che sei sceso dall'aereo, hai ritirato la valigia e ti sei accorto che non avevi più la chiave del lucchetto? Non succederà più. Fatto in lega di zinco e acciaio è figo, tutto liscio, senza pile da cambiare perché è ricaricabile con un comune cavetto micro USB. A leggere le specifiche tecniche può stare in standby fino ad un anno ed è anche resistente all'acqua. Infine, può memorizzare fino a 20 impronte digitali, così puoi condividerlo con altre persone o, addirittura provare ad aprirlo con le dita dei piedi. Ecco tutti i dati: Nome prodotto: NOC LOC Fingerprint Padlock Metodo di apertura: impronta digitale Materiali: lega di zinco e acciaio Lettore di impronta: semiconduttore Alimentazione ricarica: cavo Micro-USB Impronte memorizzabili: 20 Indicatore batteria scarica: punto LED Tipo batteria: 110mAh ricaricabile Livello di resistenza all'acqua: IPX7 Durata in standby: 1 anno Aperture con una ricarica: 2500 volte Dimensioni: 36mm x 18mm x 38mm Il pacchetto include 1 lucchetto. Il prodotto viene spedito dalla Cina.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >