Geek
di Mattia Nesto 25 Agosto 2020

Passare agosto a giocare a Paper Mario: The Origami King

E non, je ne regrette rien di aver trascorso tanto tempo con il nuovo gioco di Nintendo

Su queste pagine avete letto, spesso e volentieri, recensioni e articoli di approfondimento sui titoli per Nintendo Switch, la console giapponese che, da tre anni a questa parte, ha conquistato una fetta di mercato sempre più importante nell’ambito videoludico. Questa nostra, diciamo così, “ossessione” per i giochi Nintendo non è (solo) dovuta a una infatuazione che risale, grosso modo, alla prima metà degli anni Novanta, quanto proprio agli ultimi due/ tre anni. Già perché praticamente ogni esclusiva di Switch non solo ci ha sorpreso per il character design delizioso ma anche perché abbiamo sempre osservato delle specificità e unicità non riscontrabili nelle altre console.

Questo è accaduto anche per l’ultimo “arrivato” di casa Nintendo, ovvero Paper Mario: The Origami King. Per chi non lo sapesse i Paper Mario sono uno spin-of tra i più curiosi legati al multiverso di Super Mario: infatti sono giochi in cui, per motivazioni varie e eventuali, tutti i personaggi del mondo di Mario sono diventati degli origami, con conseguenze alle volte buffe alle volte più preoccupanti. Già solo questo dato vi è utile per capire di cosa stiamo parlando: non soltanto di un gioco “fuori di testa” ma anche e soprattutto contraddistinto da una vera e propria arte nella presentazione dei suoi protagonisti che, letteralmente, a ogni piega esprimono arte da tutti i pori.

E anche questo Paper Mario: The Origami King non ha deluso le aspettative, anzi. Tanto è vero che questo capitolo di Paper Mario è stato il nostro “compagno di viaggio” per tutto il mese di agosto. Complice infatti la portabilità di Nintendo Switch (che ricordiamo è l’unica console oggi sul mercato che si può giocare sia sulla propria tv di casa sia in giro, proprio come il vostro indistruttibile Game Boy del 1993) Paper Mario ci ha seguito dal mare alla montagna e, ogni volta che accendevamo la Switch, la magia si rinnovava: l’universo colorato e contraddistinto da una scrittura iper-spiritosa e ogni volta sopra le righe ci conquistava in tutti i modi, senza possibilità di sfuggirvi.

Paper Mario: The Origami King è un rpg con elementi platform che presenta un sistema di combattimento unico nel suo genere. Infatti i combattimenti sono gestiti tramite una sorta di piani girevoli e a scorrimento: i nemici “poggiano” su questi piani che, a piacimento, possono essere gestiti dal giocatore, in modo tale da utilizzare e sfruttare attacchi ad hoc a seconda della posizione degli stessi avversari. Utilizzando questi cerchi concentrici si potranno infatti, per esempio, effettuare salti sulla testa degli avversari così da “spiaccicarli” in un sol colpo oppure dare una solenne martellata a quattro nemici e risolvere la tenzone, letteralmente, in un colpo solo.

Tuttavia, nonostante un combat-system così particolare e funzionale, sono stati due gli elementi per cui, sul serio, ci siamo innamorati di The Origami King. La prima cosa sono le colonne sonore. Ost pazzesche, a nostro avviso, che passano, senza soluzione di continuità, dalle atmosfere medievaleggianti e fiabesche del castello di Peach ai ritmi soul e funky del Bosco Bisbiglio, che paiono essere tratti pari pari dall’intro dell’Hercules della Pixar. Ma non finisce qui.

Come abbiamo sottolineato anche poco sopra, i dialoghi e le descrizioni degli oggetti (ed anche le azioni da fare in game) hanno, fin dalle prime ore di gioco, dimostrato un livello di scrittura iper raffinato e davvero molto ispirato. Spesso e volentieri, magari spaparanzati sulla sdraio con vista lago, ci siamo ritrovati a ridere di gusto per qualche considerazione di Olivia, la nostra fatina-origami che veste il ruolo di assistente e consigliere. Ma in fondo ogni personaggio che abbiamo incontrato in Origami King ha dimostrato una personalità unica nel suo genere, un carattere proprio e un amore per le situazione paradossali e le battute che abbiamo apprezzato tantissimo.

Insomma in un mercato videoludico in cui se non si ha “il graficone pompato” e non si è “più reali del vero”, ancora una volta. Nintendo opta “per la terza via”, ovvero quella della fantasia. Fantasia che come ci insegnano i nostri cari film dello Studio Ghibli può iniziare anche da un semplice pezzo di carta. Se poi lo si piega ad arte e lo si anima con la giusta manciata di pixel ecco che l’incanto si rinnova una volta ancora. E non, je ne regrette rien di aver trascorso tanto tempo in compagnia di Paper Mario!

Paper Mario: The Origami King

Compra | amazon

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
24,99 €

Lucchetto ad impronta digitale

Ecco il lucchetto più intelligente che c'è. Per aprirlo non servono chiavi, ma basta la tua impronta digitale. Il lucchetto smart è prodotto dall'azienda cinese Xiaomi, che sforna ogni anno ottimi prodotti di elettronica di consumo. Si apre grazie al semplice tocco delle dita, perché riconosce l'impronta digitale del suo padrone. Ricordi quella volta che sei sceso dall'aereo, hai ritirato la valigia e ti sei accorto che non avevi più la chiave del lucchetto? Non succederà più. Fatto in lega di zinco e acciaio è figo, tutto liscio, senza pile da cambiare perché è ricaricabile con un comune cavetto micro USB. A leggere le specifiche tecniche può stare in standby fino ad un anno ed è anche resistente all'acqua. Infine, può memorizzare fino a 20 impronte digitali, così puoi condividerlo con altre persone o, addirittura provare ad aprirlo con le dita dei piedi. Ecco tutti i dati: Nome prodotto: NOC LOC Fingerprint Padlock Metodo di apertura: impronta digitale Materiali: lega di zinco e acciaio Lettore di impronta: semiconduttore Alimentazione ricarica: cavo Micro-USB Impronte memorizzabili: 20 Indicatore batteria scarica: punto LED Tipo batteria: 110mAh ricaricabile Livello di resistenza all'acqua: IPX7 Durata in standby: 1 anno Aperture con una ricarica: 2500 volte Dimensioni: 36mm x 18mm x 38mm Il pacchetto include 1 lucchetto. Il prodotto viene spedito dalla Cina.
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
25,00 €

Maglietta de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Maglietta in edizione limitata per il concerto di Andrea Laszlo De Simone.  
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >