Geek
di Mattia Nesto 2 Dicembre 2020

Twin Mirror è il gioco thriller di Natale

La nuova avventura grafica firmata da Dontnod Entertainment è un ottimo thriller psicologico

Così come ci insegna Dickens, mai come nel periodo delle festività natalizie, volenti o nolenti, si finisce a fare i conti con il proprio passato. Non possiamo fare altro che partire da questo assioma per parlarvi di Twin Mirror, la nuova avventura grafica della francese Dontnod Entertainment (la stessa che aveva sviluppato l’interessante ma acerbo Vampyr di cui vi avevamo parlato qui) che, ne siamo certi, sarà uno dei “giochi delle feste”. Già perché la storia con protagonista Sam, giornalista d’inchiesta fuggito dalla città natale di Basswood nella Virginia Occidentale in seguito alla chiusura della miniera locale di carbone (anche “grazie” ai suoi articoli in merito agli scandali della società mineraria), ci ha davvero colpito. Per due motivi principali: la qualità della scrittura e, l’assoluta, pesantezza morale e psicologica delle scelte che saremo chiamati a fare.

Per quanto concerne la scrittura, rispetto ai più recenti episodi di Life is Strange 2 (i creatori sono gli stessi) abbiamo notato una decisa sterzata dal punto di vista del realismo. Lo sceneggiatore Matthew Ritter ha infatti messo in piedi una vicenda dannatamente concreta, con un protagonista disilluso e in piena crisi esistenziale, che è obbligato a tornare nella sua odiata cittadina natale dopo che il suo migliore amico, nonché collega, è scomparso durante un incidente stradale. Come vi abbiamo detto all’inizio del nostro pezzo, un concetto-chiave dell’intera avventura grafica sarà quello di dover fare i conti con il proprio passato: un passato, per Sam, fatto di delusioni amorose e di un lavoro, quello del giornalista, che gli ha portato più problemi che soddisfazioni. Ecco che Twin Mirror si muove su una linea molto sottile, e elegante, che potremmo definire da thriller psicologico se fossimo in un film. Solo che qui “i protagonisti siamo noi” e a seconda delle scelte che intraprenderemo la nostra personale avventura prenderà pieghe più o meno inaspettate, più o meno dolorose, più o meno inquietanti.

Ma dicevamo di un secondo lato del videogioco che ci ha colpito: “il nostro secondo”. Infatti per tutta l’avventura saremo accompagnati dal “Doppio”, una figura che sarà sempre con noi ma che approccerà persone e situazioni in modo completamente diverso rispetto al “nostro Sam”. Questa seconda coscienza ci metterà di fronte ai principali bivi di una trama non banale: a seconda della via che prenderemo la storia si svilupperà in una certa direzione. Questo non soltanto porta il giocatore a sviluppare una sincera e genuina curiosità per una successiva partita, dove magari interpretare le opzioni di gioco in modo totalmente opposto ma, perché no, anche di fare del sano role-play, immaginando magari, come abbiamo fatto noi alla nostra prima run, un personaggio del tutto anaffettivo e non in grado di esprimere le proprie emozioni. “Ruolando” in questo modo la storia ha preso una piega super figa che, ovviamente, non vi diciamo ma che vi invitiamo a provare.

A livello di mera conta poligonale rispetto al teaser dell’E3 2018 abbiamo notato un deciso miglioramento (almeno nella versione Xbox che abbiamo provato) ma ci siamo innamorati della scrittura, finalmente matura e anche cattiva. Allontanandosi infatti a certi cliché, seppur adorabili, di Life is Strange, i ragazzi di Dontnod Entertainment hanno finalmente fatto un passo in avanti: con una sceneggiatura più matura, personaggi più credibili e un contesto di gioco coerente, Twin Mirror è un’ottima avventura per queste feste di Natale con una qualità in più. Stiamo parlando del cosiddetto “Palazzo della Memoria”, ovvero una sorta di concretizzazione della mente e dei ricordi di Sam che saremo chiamati a esplorare. E a proposito di esplorazione, diversamente da altre avventure grafiche, i “livelli” non saranno solo dei meri corridoi, ma permetteranno al giocatore di scoprire segreti per arricchire la propria visione del mondo e dare risposte più coerenti ai vari personaggi.

Con un’atmosfera di sospetti e segreti pesanti che si respira per le vie della città, un protagonista ferito da mille battaglie perse e una vicenda che, via via, prende contorni sempre più misteriosi e inquietanti, Twin Mirror, al netto di qualche sbavatura nella sceneggiatura e qualche problema legato all’ottimizzazione (alle volte mettere pausa significa dover aspettare, letteralmente, quasi dieci secondi prima di poter ripartire con il gioco), è un gioco che vi straconsigliamo. Un’avventura grafica davvero molto buona, con guizzi narrativi e una caterva di scelte pesantissime da intraprendere: noi stiamo passando le serate a scambiare opinioni con i nostri amici sui vari bivi di trama. Avete voglia di unirvi anche voi?

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
24,99 €

Lucchetto ad impronta digitale

Ecco il lucchetto più intelligente che c'è. Per aprirlo non servono chiavi, ma basta la tua impronta digitale. Il lucchetto smart è prodotto dall'azienda cinese Xiaomi, che sforna ogni anno ottimi prodotti di elettronica di consumo. Si apre grazie al semplice tocco delle dita, perché riconosce l'impronta digitale del suo padrone. Ricordi quella volta che sei sceso dall'aereo, hai ritirato la valigia e ti sei accorto che non avevi più la chiave del lucchetto? Non succederà più. Fatto in lega di zinco e acciaio è figo, tutto liscio, senza pile da cambiare perché è ricaricabile con un comune cavetto micro USB. A leggere le specifiche tecniche può stare in standby fino ad un anno ed è anche resistente all'acqua. Infine, può memorizzare fino a 20 impronte digitali, così puoi condividerlo con altre persone o, addirittura provare ad aprirlo con le dita dei piedi. Ecco tutti i dati: Nome prodotto: NOC LOC Fingerprint Padlock Metodo di apertura: impronta digitale Materiali: lega di zinco e acciaio Lettore di impronta: semiconduttore Alimentazione ricarica: cavo Micro-USB Impronte memorizzabili: 20 Indicatore batteria scarica: punto LED Tipo batteria: 110mAh ricaricabile Livello di resistenza all'acqua: IPX7 Durata in standby: 1 anno Aperture con una ricarica: 2500 volte Dimensioni: 36mm x 18mm x 38mm Il pacchetto include 1 lucchetto. Il prodotto viene spedito dalla Cina.
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >