Libri
di Sandro Giorello 26 Febbraio 2016

Oggi il protagonista di American Psycho sarebbe il miglior amico di Zuckerberg

Il romanzo di Bret Easton Ellis compie 25 anni e l’autore si è immaginato come sarebbe se dovesse riscriverlo oggi

american-psycho Independent.co.uk - Christian Bale nel ruolo di Patrick Bateman nel fim di Mary Harron

 

25 anni fa usciva American Psycho, il romanzo culto di Bret Easton Ellis. Per chi non l’avesse letto o non conoscesse il famoso adattamento cinematografico di Mary Harron uscito nel 2000, è la storia della doppia vita di Patrick Bateman: yuppie di Wall Street di giorno, serial killer di notte.

In occasione dell’anniversario, Ellis ha scritto per l’americano Town & Country un lungo articolo dedicato al suo personaggio, in cui ipotizza che tipo di lavoro farebbe se la storia fosse ambientata nel nostro presente.

“Lavorerebbe nella Silicon Valley” – racconta Ellis – “vivrebbe a Cupertino facendo ogni tanto una capatina a San Francisco o, più in basso, nel Big Sur al Post Ranch Inn. Diventerebbe uno dei migliori amici di Zuckerberg, pranzerebbe con lui al French Laundry, oppure con Reed Hastings al Manresa di Los Gatos. Indosserebbe felpe con cappuccio e sedurrebbe le ragazze su Tinder”.

a-s townandcountrymag.com - American Psycho

 

Ellis poi si diverte ad infierire su Bateman descrivendolo come un “ricco, ben vestito, incredibilmente curato e bello ma moralmente in bancarotta, totalmente isolato e pieno di rabbia, sfarzosamente vuoto. Un giovane senza direzione, un manichino che vive sperando che, qualcuno, chiunque, lo salvi da se stesso”. Lo scrittore però ci tiene a specificare che non c’è mai stato l’intento di delineare un determinato momento degli anni ’80 o un’intera generazione.

 

a-s-2 townandcountrymag.com - American Spycho

 

Ellis racconta che tutta la rabbia e la cattiveria delle pagine di American Psycho rappresentano bene la frustrazione del periodo in cui le ha scritte: si era appena trasferito a Manhattan e, nonostante avesse già pubblicato due libri acclamati come Meno di zero e Le regole dell’attrazione, viveva una fase poco positiva della sua vita. Quel momento così incerto, ai suoi occhi, veniva ben rappresentato dalla deriva morale delle persone che lavoravano nell’alta finanza.

“Per molti versi Bateman era la peggiore rappresentazione di me stesso” – conclude – “il mio incubo, una persona che detestavo ma per cui, al tempo stesso, provavo una certa empatia. Allo stesso modo in cui Bateman criticava correttamente la società americana pur facendone parte”.

 

FONTE |  independent.co.uk

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

19,90 €

Chineasy, il libro per imparare il cinese

Vuoi imparare il cinese? Ci sono 200 simboli fondamentali con i quali si può capire all’incirca il 40% del cinese scritto, dai menu al ristorante, ai cartelli stradali, spot televisivi e scritte sui giornali. Per spiegare e memorizzare questi simboli c’è questo bel libro: Chineasy.
5,99 €

L'universo spiegato ai miei nipoti

Le risposte di un nonno astrofisico alle domande della nipotina raccolte in questo piccolo libretto. Hubert Reeves è un grande divulgatore e questo è un libro perfetto per cominciare a scoprire i misteri dell’Universo con i propri figli e nipoti.
15,30 €

Fumetto Paper girls vol.1

Il fumetto Paper Girls, il primo volume di 144 pagine è uscito il 25 agosto 2016 per BAO Publishing e si candida a essere il perfetto incontro tra Ghostbusters e Stranger Things. Paper Girls è infatti una serie scritta e disegnata da Brian K. Vaughan e Cliff Chiang, che va a collocarsi tra i Goonies, Stand By Me e la Guerra dei mondi, ma con una particolarità non da poco: stavolta le esploratrici in sella alle BMX sono tutte ragazze. Un Sacro Graal per tutti i retromaniaci amanti del vintage, che si candida a diventare un nuovo cult.
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
10,47 €

Sticky monsters

John Kenn Mortensen è un artista danese con l’ossessione per i mostri dell’infanzia. In questo splendido, tenero e terrificante galleria disegna bestie pelose, demoni terribili e simpatici, incubi a prova di bambino su dei Post-it!
25,00 €

Il libro di ricette italiane illustrato da Olimpia Zagnoli

Questo libro contiene 140 ricette di piatti italiani, scritte in francese e arricchite di tante belle illustrazioni di Olimpia Zagnoli. Con molto amore. Olimpia Zagnoli è un’illustratrice italiana diventata famosa negli Stati Uniti, dove ha avuto l’onore di illustrare le prestigiose pagine del New York Times e del New Yorker. Ha girato video musicali e firmato copertine di libri, ha lavorato per Taschen e non sembra volersi fermare più.  
10,43 €

The Gashlycrumb Tinies

In Inghilterra è un grande classico, firmato dall’illustratore Edward Gorey. Nelle tavole del libricino, troviamo le lettere dell’alfabeto illustrate da bambini morti. Nel senso: ogni lettera è accostata a un bambino con quell’iniziale, morto in circostanze tragiche. Per dire una cosa banale, si potrebbe dire che si tratta di immagini che sembrano uscite dall’immaginario di Tim Burton, ma avrebbe poco senso. Il bello è perdersi per qualche secondo nelle vicende di questi poveri bambini.  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >