Libri
di Mattia Nesto 8 Ottobre 2020

Incubi di provincia di Bonvi è il fumetto italiano underground al suo meglio

Arricchito da una prefazione dell’amico e sodale Francesco Guccini, l’edizione Rizzoli Lizard firmata da Bonvi è fantastica

Incubi di provincia di Bonvi era, almeno tra gli appassionati di fumetti, un vero e proprio albo feticcio il cui possesso conferiva uno status superiore agli altri. Nella “democrazia imperfetta” dei fumettisti infatti si è tutti uguali ma se, da un paio di anni a questa parte, possedevi nella tua collezione il libro di Bonvi beh, avevi qualche punto in più di carisma che non guastava. Ecco allora che la pubblicazione da parte di Rizzoli Lizard di Incubi di provincia di Bonvi, in una nuova, magnifica, edizione espansa è stata da noi accolta come una sorta di secondo Natale: finalmente anche noi potremo guadagnare quel pugno di punti di carisma in più!

 

Ma come mai tutto questo mito dietro all’albo in questione? Beh le motivazioni sono presto dette: Incubi di provincia è un vero e proprio manifesto del fumetto underground italiano, realizzato da Bonvi uno dei nomi più importanti e riconoscibili di questo movimento nato negli anni Settanta e esploso negli Ottanta.  Se infatti Bonvi è noto, notissimo al grande pubblico per essere il babbo delle strisce Sturmtruppen, forse “il fumetto” italiano per eccellenza degli anni Settanta (che ebbe un successo talmente clamoroso e assordante da finire, addirittura, in televisione nel contenitore Supergulp!), è anche l’ideatore di storie, anzi anti-storie iper corrosive e (proto) punk con protagonisti outsiders, disillusi della società e figure abbastanza inquietanti. Come scrive, benissimo, Guccini nella prefazione, quel particolare aggettivo, “provinciali” va intenso al tempo stesso in senso ristretto e allargato.

Nelle vignette e nelle storie di Bonvi è sì presente l’eterna provincia italiana, segnatamente quella emiliana, in cui apparentemente non succede mai nulla e dove “il farmacista passa le giornate al bar a giocare a carte col maresciallo”, ma c’è anche spazio, amplissimo spazio per la provincia allucinata e spaventosa, quella che, una volta che la piazza e vuota e l’osteria chiusa, si nasconde dietro le imposte, sempre sbarrate, delle case. Proprio qui si annidano gli incubi che Bonvi va a stanare e che sono concretizzati negli sguardi dei suoi protagonisti. Sguardi che ora sono vacui e spenti come i tanti che in quel periodo assumevano sostanze psicotrope ma anche infiammati e allucinati come sorte di trasposizioni novecentesche dei Demoni di Dostoevskij.

Questa doppia lettura domina le superbe strisce di Bonvi, così ricche di particolari e di animo. Si riconosce, benissimo, il segno del creatore delle Sturmtruppen praticamente in ogni scena ma c’è pure un senso di libertà maggiore, come se davvero si mettesse le mani sopra una sorta di tesoro del fumetto underground italiano. in storie come L’ora dello schizoide, per esempio, davvero si assiste a una messa in scena che, da sola, vale più di tanti libri di sociologia o di storia del costume oggi pubblicati. Bonvi è caustico e corrosivo, non risparmia niente al lettore che si trova nel ben mezzo delle parti più scoperte, come nervi, e palpitanti della società italiana anni Settanta. Una lezione, se si vuole, anche di antropologia formidabile.

Ancora una volta torniamo alla prefazione di Guccini (che si vede come sia stata scritta mossa da una concreta e bruciante voglia e non per motivi vari e eventuali) Bonvi è stato in grado di avere quello sguardo lì perché “Il suo orizzonte Bonvi se l’è disegnato da sé, tracciando una linea sul foglio. E lungo quella linea si trova l’eredità di questo maestro del fumetto italiano: la capacità di ironizzare su quello che ci è più vicino”.

Quindi questo, bellissimo, volume pubblicato da Rizzoli Lizard ci sentiamo di consigliarvi a tutti, agli aficionados di vecchia data, che non smesso di leggere e rileggere le storie di Bonvi anche dopo l’anno della sua scomparsa, il 1995 e anche ai nuovi lettori che si troveranno di fronte a fumetti ricchi di spunti super interessanti e che  sanno andare dalla fantascienza sci-fi degli anni Cinquanta sino alla contestazione politica, passando per gli Anni di Piombo e e l’eterna provincia italiana. Cosa state aspettando, non vi è venuta la voglia di leggerlo?

Incubi di provincia – Bonvi

Compra | su Amazon

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,99 €

L'universo spiegato ai miei nipoti

Le risposte di un nonno astrofisico alle domande della nipotina raccolte in questo piccolo libretto. Hubert Reeves è un grande divulgatore e questo è un libro perfetto per cominciare a scoprire i misteri dell’Universo con i propri figli e nipoti.
50,00 €

Il libro di cucina di Salvador Dalì

Nel 1973 il grande artista surrealista Salvador Dalì pubblicò un libro di cucina, intitolato Les Diners de Gala, il cui titolo è un abile gioco di parole che riguarda sia le cene di gala, sia quelle che lui e sua moglie Gala organizzavano per gli ospiti. E' un libro per un tipo di cucina opulenta. Al suo interno, 136 ricette divise in 12 capitoli, incluso quello sui cibi afrodisiaci.
11,57 €

Sad Animal Facts

Il mondo visto dal punto di vista degli animali è ricco di sfortunate verità, humor delizioso e malinconico. Un libretto con 150 disegni fatti a mano di animali, ciascuno accostato ad un fatto scientifico che lo riguarda e al suo pensiero a proposito. Si chiama Sad Animal Facts e l'autrice è l'americana Brooke Barker.  
9,50 €

Zen del Juggling

Autore: Dave Finnigan Editore: Nuovi Equilibri Un vecchio libro, del 1999, ma è un classico per gli amanti della giocoleria, è in fondo un libro per tutti, perché la vita è come un esercizio difficile di giocoleria.
31,30 €

In her kitchen

Noi tutti amiamo le nonne. Con il loro profumo di borotalco e naftalina, il grembiule sempre indosso come se fosse un’uniforme, lo sguardo eternamente dolce e affettuoso. Questo libro fotografico di Gabriele Galimberti ne racconta le cucine, i luoghi per definizione, delle nonne.
19,90 €

Chineasy, il libro per imparare il cinese

Vuoi imparare il cinese? Ci sono 200 simboli fondamentali con i quali si può capire all’incirca il 40% del cinese scritto, dai menu al ristorante, ai cartelli stradali, spot televisivi e scritte sui giornali. Per spiegare e memorizzare questi simboli c’è questo bel libro: Chineasy.
10,20 €

Il mare spiegato ai miei nipoti

Se anche a voi piace il mare e magari siete anche dei tipi scientifici o perlomeno curiosi, allora questo bel libretto può aiutarvi a conoscere meglio l'ecosistema del mare, i suoi segreti e la sua importanza. Scritto da Hubert Reeves e Yves Lancelot è un libro di divulgazione scientifica sul mare, che potete leggere con i vostri figli. Invece delle solite banalità fantasy. :-)
10,47 €

Sticky monsters

John Kenn Mortensen è un artista danese con l’ossessione per i mostri dell’infanzia. In questo splendido, tenero e terrificante galleria disegna bestie pelose, demoni terribili e simpatici, incubi a prova di bambino su dei Post-it!
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >