Libri
di Giulio Pons 29 Settembre 2017

Nasci, cresci e posta: i social network sono pieni di bambini

E’ giusto che anche i bambini usino i social network? Bisogna tenerli fuori? Va bene postare le foto dei propri figli? Tante domande e tanti consigli.

La presenza dei social network nella vita quotidiana è ormai una realtà imprescindibile per tutti, basta fare un giro in metropolitana. Lo è per gli adulti e lo è ancora di più per i ragazzi. Sempre più spesso lo è anche per i bambini. Essere sui social e costruire la propria immagine di sè, caricare foto, ricevere gratificazione dai like, sono processi che abbiamo sperimentato tutti. Ma è giusto che anche i bambini usino i social?

Il libro “Nasci, cresci e posta – I social network sono pieni di bambini, chi li protegge?” analizza il mondo dei social network mettendo al centro i bambini e adolescenti, e cercando di capire come proteggerli, perché oltre agli ovvi vantaggi dati dalla comodità e dalla potenza del mezzo tecnologico, bisogna sottolineare che ci sono parecchi problemi, giusto per citarne alcuni: possono venire attaccati e offesi, possono accedere a contenuti per adulti, si abituano a non parlare, non sviluppano empatia, possono costruire relazioni finte e così evitare ostacoli che prima o poi nella vita dovranno affrontare.

Tutto ciò il genitore non lo sa, forse lo intuisce, ma per un po’ di quiete in casa spesso gli lasciano fare, lo lasciano comodo sul divano o da solo in cameretta a giocare con le app senza sapere nulla di più.

nasci cresci posta social network simone cosimi  Compralo su Amazon - Copertina del libro “Nasci, cresci e posta” di Simone Cosimi e Alberto Rossetti, illustrazione di Stefano Maria Girardi

Simone Cosimi e Alberto Rossetti, i due autori – spaziando dal giornalismo alla psicologia – spiegano i meccanismi e raccontano i “trucchi”, a cominciare dai regolamenti delle privacy policy, dove basta dichiarare un’età finta per entrare, spiegano i meccanismi di appagamento dei nostri figli e segnalano i pericoli e infine smascherano gli interessi commerciali delle aziende proprietarie dei network.

La soluzione per noi genitori è la più ovvia: educare, è la regola che vale nella vita virtuale come in quella vera. E’ necessario che i genitori, più consapevoli degli strumenti, affianchino i figli nell’uso dei social network e insieme capiscano quello che stanno facendo: li guidino nell’uso corretto, decidano insieme cosa scrivere, cosa postare, perché ormai s’è capito che non c’è più differenza tra reale e virtuale. Così come non lasciamo che nostro figlio di 10 anni esca da solo la sera, così è giusto non lasciarlo da solo nei social.

Infine, ci sono anche alcuni suggerimenti per chi è affetto da sharenting, cioè per chi è bulimico nel pubblicare le foto dei propri figli e su chi punta ad usare delle app spia per tenere sotto controllo la figlia adolescente.

Produci, consuma, crepa” cantavano i CCCP un sacco di tempo fa, l’uomo incastrato nel mondo moderno e nel lavoro. “Nasci, cresci, posta” è la versione aggiornata per i bambini di oggi, anche essi incastrati in meccanismi più grandi.

Compra | su Amazon

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

50,00 €

Il libro di cucina di Salvador Dalì

Nel 1973 il grande artista surrealista Salvador Dalì pubblicò un libro di cucina, intitolato Les Diners de Gala, il cui titolo è un abile gioco di parole che riguarda sia le cene di gala, sia quelle che lui e sua moglie Gala organizzavano per gli ospiti. E' un libro per un tipo di cucina opulenta. Al suo interno, 136 ricette divise in 12 capitoli, incluso quello sui cibi afrodisiaci.
19,90 €

Chineasy, il libro per imparare il cinese

Vuoi imparare il cinese? Ci sono 200 simboli fondamentali con i quali si può capire all’incirca il 40% del cinese scritto, dai menu al ristorante, ai cartelli stradali, spot televisivi e scritte sui giornali. Per spiegare e memorizzare questi simboli c’è questo bel libro: Chineasy.
5,99 €

L'universo spiegato ai miei nipoti

Le risposte di un nonno astrofisico alle domande della nipotina raccolte in questo piccolo libretto. Hubert Reeves è un grande divulgatore e questo è un libro perfetto per cominciare a scoprire i misteri dell’Universo con i propri figli e nipoti.
31,30 €

In her kitchen

Noi tutti amiamo le nonne. Con il loro profumo di borotalco e naftalina, il grembiule sempre indosso come se fosse un’uniforme, lo sguardo eternamente dolce e affettuoso. Questo libro fotografico di Gabriele Galimberti ne racconta le cucine, i luoghi per definizione, delle nonne.
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
10,43 €

The Gashlycrumb Tinies

In Inghilterra è un grande classico, firmato dall’illustratore Edward Gorey. Nelle tavole del libricino, troviamo le lettere dell’alfabeto illustrate da bambini morti. Nel senso: ogni lettera è accostata a un bambino con quell’iniziale, morto in circostanze tragiche. Per dire una cosa banale, si potrebbe dire che si tratta di immagini che sembrano uscite dall’immaginario di Tim Burton, ma avrebbe poco senso. Il bello è perdersi per qualche secondo nelle vicende di questi poveri bambini.  
21,16 €

Un anno al vetriolo. Los Angeles Police Department, 1953

Ottantacinque foto della polizia di L.A. del 1953 diventano racconti scritti da uno dei più grandi scrittori americani viventi, un po' duro e crudo, per fare un viaggio all'inferno nella città degli angeli.
15,30 €

Fumetto Paper girls vol.1

Il fumetto Paper Girls, il primo volume di 144 pagine è uscito il 25 agosto 2016 per BAO Publishing e si candida a essere il perfetto incontro tra Ghostbusters e Stranger Things. Paper Girls è infatti una serie scritta e disegnata da Brian K. Vaughan e Cliff Chiang, che va a collocarsi tra i Goonies, Stand By Me e la Guerra dei mondi, ma con una particolarità non da poco: stavolta le esploratrici in sella alle BMX sono tutte ragazze. Un Sacro Graal per tutti i retromaniaci amanti del vintage, che si candida a diventare un nuovo cult.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >