Musica
di Simone Stefanini 26 Ottobre 2018

L’album dei Maneskin e X Factor che succhia l’anima

L’album dei Maneskin risente delle troppe anime che spesso vengono affibbiate ai cantanti che escono da X Factor

Durante il ritorno dei Maneskin in diretta tv al primo live di X Factor, i 4 ragazzi hanno annunciato l’uscita del loro primo, attesissimo album e non voglio mentirvi, non ho atteso la mezzanotte per metterlo in streaming su Spotify, perché a quell’ora c’era Strafactor, programma ben più interessante di quello precedente, noioso fino alla morte.

Ah X Factor!, Il programma in cui se ci vai con una tua impronta ben definita tentano di snaturarti perché  non si sa mai come vanno le cose nella vita, magari c’è un’alluvione e a te cantautore col chitarrino toccherà cantare la trap oppure spalare il guano a son di arembì e balletti. No, non va così nella vita vera, se qualcuno ha già un’anima propria, viva dio.

Detto questo, i Maneskin sono la riprova che si può fare musica diversa in Italia, anzi, se ne possono fare di tutti i tipi e usare l’album come un best of di canzoni che non hanno niente a che spartire l’una con l’altra se non nell’abbondare del nome Marlena. L’album dei Maneskin s’intitola Il ballo della vita e conta 12 brani in soli 34 minuti di musica, probabilmente per venire incontro all’attenzione drasticamente ridotta dei teenager. Mi interessa analizzare pezzo per pezzo perché la questione non è solamente musicale, ma strutturale.

New Song: pezzo in inglese, classico funky rock con una bella melodia e un ritornello che fa muovere il culo come fosse un Bruno Mars a braccetto coi RHCP. Sono preso, supera le mie aspettative.

Torna a casa: primo pezzo in italiano, prima Marlena dell’album. Lentone che sembra un po’ Guerriero di Mengoni, ballad che funziona, commuove e ci presenta Marlena, il nome che significa libertà artistica. Ok, ma nessun legame col pezzo precedente, tanto che l’album sembra già una compilation.

L’altra dimensione: il terzo pezzo mi fa storcere la bocca più che al povero Stephen Hawking (che amava le battute). Di nuovo Marlena, che alla fine dell’album vi avrà rotto i coglioni più dei singoli di Rovazzi, ma la musica non è né funky né lenta, bensì una cosa mezzo latina/patchanka/Manu Chao/Gogol Bordello come fosse suonata da Alvaro Soler per un effetto bolle su tutto il corpo.

Shit Blvd: altro pezzo in inglese che funziona ben meglio di quelli in ita, di nuovo il funk che ok, è trito e ritrito ma almeno gira. Nessun legame coi pezzi in italiano, nessun indizio di Marlena, e per ora la chiameremo felicità.

Fear for Nobody: inglese, funky, più movimentato del precedente, fatto anche questo con lo stampino ma almeno trova legami con gli altri pezzi in inglese, che funzioneranno anche meno come singoli ma almeno hanno un senso insieme.

Le parole lontane: come volevasi dimostrare. Di nuovo in ita, di nuovo un lento drammatico, tipicamente pop, che non c’entra un cazzo con tutto l’album ascoltato finora, alla faccia del percorso organico. Torna Marlena, e con essa le bestemmie.

Immortale: pezzo in ita che strizza l’occhio al rap e alla trap grazie all’apporto di Vegas Jones. Autotune, ritmi elettronici, un oggetto non identificato, privo di senso ma molto accattivante per gli under 13.

Lasciami stare: altro ita, che inizia come un pezzo qualsiasi dei RHCP e a un certo punto dice “Scrivo le canzoni esprimo la mia mente, voi poveri coglioni chiusi con le manette” che mi fa venire la voglia di chiedergli come si permette?

Are You Ready?: pezzo in inglese con l’accento giamaicano e il reggaeton, che mi sembra sia messo lì per farci capire quanto siano istrionici, in realtà più offensivo del “coglioni” di prima, perché l’appropriazione culturale dell’accento fake è fastidio puro.

Close to the top: hard rock, ma certo, mancava nella lista delle cose da fare prima di finire l’album. Ritmo, energia, sembrano i Maneskin delle audizioni di X Factor, quelli che la produzione artistica ha rovinato.

Niente da dire: torna l’italiano, funky electro innocuo con basetta elettronica e Marlena, anche stavolta con bestemmia incorporata. Non capisco dove quale direzione vogliano prendere i quattro ragazzi, né quanta colpa abbiano loro per le scelte scellerate nell’album. Per il resto, mi dice quanto il titolo.

Morirò da Re: il singolone che ci ha fatto conoscere Marlena e che ci è stato somministrato fino alla morte, tanto che se sulle prime nutrivo dubbi sulla sostanza, oggi ne conosco tutti i pertugi e gli anfratti. Chiedimi se sono felice.

Fine.

Un disclaimer e un consiglio non richiesto, entrambe pratiche antipatiche: benché mi sia già trovato a parlare dei Maneskin, non ho niente di personale coi 4 ragazzi che stanno vivendo uno dei momenti più belli della loro vita. Ne parlo solo perché il fenomeno è enorme e l’arroganza con cui hanno scelto di mostrarsi all’esterno altrettanto. Dopo tutto si parla di una band che ha già un film biografico nei cinema, prima ancora di aver pubblicato il quarto inedito. Non discuto che i 4 si vogliano bene e amino suonare, ma il progetto dietro questo album sembra inesistente: le canzoni sono slegate, parlano linguaggi diversi e sembrano esattamente come le puntate di X Factor in cui una volta a un concorrente tocca il lento di Tiziano Ferro e la volta dopo gli AC/DC, alla faccia della voglia di esprimere qualcosa di personale, che abbia un’anima propria e un percorso organico.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 VERDE

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W verde, con illustrazione completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": PASSIFLORA, PEPERONCINO, MELANZANA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Passiflora Cerulea La passiflora è avvolgente, come un partner impetuoso, i suoi rami rampicanti circondano qualsiasi supporto possano incontrare. Governata da Venere, è usata negli incantesimi d’amore per dominare la passione. Il suo profumo intenso, infatti si accentua la sera conquistando così ogni tuo senso. Nella simbologia floreale ha virtù protettive, posizionata dinnanzi un ingresso evita intrusione. Peperoncino Peter Pepper Noto per la sua forma fallica, il Peperoncino Peter Pepper vi sorprenderà con il suo carattere deciso, il sapore aromatico e un grado di piccantezza adatto anche ai palati più delicati. L’attitudine erotica esplode in una rapida fioritura bianca per dare poi presto spazio ai suoi frutti. Adatto alla coltivazione in balcone, nella tradizione popolare è infatti una pianta da possedere per realizzare rituali di seduzione. Melanzana Bellezza Lunga Dimenticati della classica emoji perchè quello che stai per piantare è una “bellezza lunga”. La Melanzana contenente nel tuo kit avrà un aspetto fiero della sua struttura: eretta, alta almeno 30 cm, con frutti polposi e pronti per essere gustati in estate. Come ogni spasimante che si rispetti, prima di donarsi al tuo palato ti porterà in dono dei fiori. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >