Natura
di Gabriele Ferraresi 17 Febbraio 2016

15 modi in cui avere un gatto ti cambia la vita

Oggi è la Festa del Gatto, e noi abbiamo messo in ordine un po’ di cose

 

Oggi, 17 febbraio è la Festa Nazionale del Gatto, ebbene sì. Istituita nel 1990 con un referendum tra i lettori della rivista Tuttogatto, nasceva in un periodo ancora pre-internes, strumento di conoscenza che nei decenni successivi sarebbe stato dominato dai gattini.

Internet is made for cats, lo sappiamo. Quello che forse non sanno gli amici che magari proprio oggi meditano sul portarsi un piccolo felino in casa, è quanto cambia la vita un peloso amico a quattro zampe.

Ma vediamo come cambia la vita averne uno.

1) È molto simpatico

Dicono sia intelligente e di certo lo è. Ma il gatto è soprattutto simpatico: tutt’altro che sempre agile, a volte è drammaticamente goffo – e questo vale soprattutto per i gatti da appartamento – o si caccia in situazioni ridicole dalle quali sarete ovviamente voi a doverlo tirare fuori (chiudersi in armadio, restare bloccato in luogo da cui non sa scendere, etc).

 

2) Finché gattino, è davvero delizioso

Siamo onesti: nessuno resiste a un gattino. I gattini giustamente dominano l’internet, e non potrebbe essere altrimenti. Ma ricordatevi sempre che questo splendido momento, in cui le amiche passano da casa vostra per vederlo durerà pochi mesi. E la tenera palla di pelo si trasformerà in quello che è davvero: un piccolo, infame predatore notturno.

 

3) Si affeziona moltissimo

Il gatto è indipendente quando vuole lui. Se no che indipendenza sarebbe? In realtà nell’esperienza di chi scrive il gatto si affeziona morbosamente al padrone (padrone = umano che pulisce lettiera, apre busta di cibo, elargisce crocchini, cambia acqua) e lo pedina in ogni dove, soprattutto nei momenti meno opportuni: con una predilezione per le sedute al cesso, dove si viene stalkerati direttamente dal bidet.

 

4) Si affeziona anche troppo

Per l’appunto, l’affetto felino si trasforma facilmente in stalking. E questo accade con una sola persona del nucleo familiare in cui il gatto è ospitato. Passeggiate sulla schiena, musate col naso umido in piena faccia, all’alba quando ci si sveglia deve miagolare per lunghissimi minuti e raccontare tutto quanto successo nella notte. In alcuni casi distruggerà le porte che tieni chiuse pur di venire a dormire con te.

 

5) Tutto si ricoprirà di pelo

Niente da fare: non c’è soluzione, se non pulire più spesso e comprare migliaia di spazzole levapeli Ikea. Il mantello del gatto ciclicamente cambia, e con lui, i vostri divani, le vostre sedie, i vostri vestiti cambieranno allo stesso modo. A volte vomiterà palle di pelo, per darvi un tocco in più alla casa, ma solitamente lo perderà e basta ovunque.

 

6) Caga moltissimo

Sorpresa! Quella tenera, buffa palletta di pelo e artigli non solo mangia come un muratore in pausa pranzo, più volte al giorno, ma ovviamente da qualche parte deve far uscire tutto il cibo che inghiotte. Quel posto è la lettiera che voi avrete approntato in un luogo sicuro della casa. Sicuro per il vostro olfatto intendo. Preparatevi.

 

7) Caga moltissimo perché mangia moltissimo

Quanto mangiano i gatti? Dipende. Ma mangiano eccome, sia cibo umido che secco. Assaggiano tutto, vogliono dare un’annusata a quello che mangiate voi, poi voi cercate di farlo assaggiare, lo rifiutano sdegnati con espressioni tipo questa, resa immortale dal meme “Culinary Conoisseur Cat disapproves of your menu choice”.

 

8) Distrugge cose o ci si sdraia sopra

Vi piace leggere un quotidiano, magari cartaceo, o che so, una rivista sul divano? Siete affezionati al vostro divano? Avete sedie o poltrone rivestite di tessuto? Se avete risposto sì a qualcuna di queste domande, preparatevi nell’ordine a: quotidiani stracciati ad artigliate, divano trasformato in tiraunghie, poltrone dilaniate.

 

9) Va ovunque

L’istinto di natura fa del gatto un esploratore, e anche in casa non si rassegna ai muri che lo circondano: deve esplorare. Che sia lo sgabuzzino, l’armadio, il cestello della lavatrice, la dispensa, il lavandino, il bidet, o scappare a velocità supersonica dalla porta quando tornate a casa la sera per un eccitante giretto sul pianerottolo, rassegnatevi. Va ovunque, e ve lo troverete ovunque. O ve lo troveranno, ovunque. Anche in altri appartamenti del palazzo.

 

10) Adora il formato A4 e le scatole di cartone

Per misteriosi motivi il mio gatto – non ho prove di altri esemplari, ma fatemi sapere la vostra esperienza – adora il formato A4. Gli date un foglio, un giornale, una brochure di quel formato, e ci si siede sopra per ore. Sulle scatole di cartone, è fin troppo facile. Diventerete delle succursali di una ricicleria, e le scatole saranno preferite a qualunque altro divertimento.

 

11) È un inguaribile feticista di scarpe e calze

Se mai sarò il direttore di un giornale per gatti, al primo numero farò un’edizione speciale intitolata PASSIONI – ANNUSARE SCARPE. Il gatto adora buttare la faccia dentro alle vostre scarpe, meglio se ve le togliete la sera, dopo una giornata al lavoro, o in cui avete percorso moltissimi km a piedi e sono intrise di un fetore disumano. Lo stesso vale per le vostre calze, più sudicie sono, meglio è.

 

12) Appena cresciuto, dorme sempre

Animale profondamente saggio, il gatto una volta cresciuto e passata la fase tenerina, diventa una bestiola narcolettica che squatterà un angolo del vostro divano dormendoci sopra per tutto il giorno. Come normale voi magari durante il giorno lavorate, ecco, non pensiate che faccia granché durante il giorno. Dorme. O fa una delle cose che trovate qui sopra per pochi minuti e poi torna a dormire.

 

13) Apre il frigorifero

Non so quanti gatti lo facciano, il mio sì: apre il frigorifero da solo, tira fuori della carne, dilania la confezione che la contiene, estrae il contenuto – solitamente salsiccia, macinato, a volte wurstel, in una occasione aveva sete ed è riuscito a bucare una bottiglia di latte – e lo spande sul pavimento, mangiandone una frazione infinitesimale. Poi pulirete voi.

 

14) Diventerete più ordinati, perché quel che c’è in giro fa una brutta fine

Piccoli oggetti lasciati in giro, o su un tavolo sono una tentazione irresistibile per il gatto. Per il felino, ci deve essere una specie di predisposizione genetica: quegli oggetti devono essere buttati a terra. Accadrà anche con oggetti di dimensioni più cospicue – orologi da polso, bracciali – o dalle caratteristiche materiali più fragili, come tazze o bicchieri.

 

15) Adora i bidet ad alta quota

Questa è valida solo se abitate dal 3° piano in su, ma il gatto adora, adora profondamente farsi il bidet in equilibrio ad altezze vertiginose, meglio se su una ringhiera o un poggiolo. Soprattutto in estate, nelle giornate soleggiate, una bella leccata ruvida alle parti intime è quello che ci vuole, quando si è in equilibrio a una ventina di metri d’altezza.

 

Insomma: è un amico, a volte un po’ infame, ma un grandissimo amico a cui vorrete per sempre molto bene

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >