Natura
di Simone Stefanini 26 Gennaio 2017

Il serpente Ziggy Stardust e altri animali che hanno preso i nomi dalle celebrità

 livescience

 

Abbiamo trovato su My Modern Met un articolo che mischia la biologia con la cultura pop e ce ne siamo subito innamorati. Lo sapevate che esiste un serpente che si chiama Ziggy Stardust, come il famoso personaggio portato sul palco da David Bowie?

Il suo nome ufficiale è Parafimbrios lao ed è uno dei 163 nuovi serpenti scoperti nel sudest asiatico, ma tutti lo chiamano Ziggy Stardust per via della sua testa dai colori iridescenti, proprio come i capelli e il trucco di Bowie negli anni ’70. Curioso, ma non è certo l’unico animale ad essere chiamato come un personaggio famoso.

 

 My Modern Met

Qui sopra potete ammirare un pesce nativo delle Hawaii, che è stato chiamato Tosanoides Obama in onore dell’ex Presidente Barack Obama e del suo luogo di nascita.

 

 My Modern Met

Per un Presidente che va, uno che viene, e con lui un animale guida. Questa falena si chiama Neopalpa Donaldtrumpi a causa del suo “parrucchino biondo” in testa, che sembra in tutto e per tutto l’acconciatura di Donald Trump.

 

 My Modern Met

Restando in ambito di super cattivoni, ecco un raro esemplare di Aghathidium Vaderi, uno scarafaggio bombato, il cui esoscheletro ricorda la maschera del  villain più iconico del regno fantascientifico, Darth Vader direttamente dalla saga di Star Wars.

 

 My Modern Met

Ancora fantascienza con questa strana lucertola dal nome ufficiale di Tylototriton anguliceps ma conosciuta come Tritone Klingon, perché la forma della sua testa ricorda quella della specie famosa in Star Trek.

 

 My Modern Met

Questo strano ragno indiano, anche carino a patto che non soffriate di aracnofobia, si chiama Eriovixia Gryffindori e prende il nome dal cappello che sceglie la casata degli apprendisti maghi alla scuola di Hogwarts. Come saprete, Harry Potter l’ha frequentata ed è stato messo in team coi Grifondoro.

 

 My Modern Met

 

Musica! Questo tafano australiano (meglio detto mosca cavallina) si chiama Scaptia Beyonceae in onore di Beyonce, per i suoi colori che mischiano il giallo oro con il nero, proprio come i capelli e i vestiti della cantante americana spiccano spesso sulla sua pelle di ebano.

 

 

 My Modern Met

La vespa che vedete si chiama Aleiodes Shakirae e proviene dall’Ecuador. Deve il nome alla cantante Shakira perché i “fianchi” dell’animale si muovono costantemente, proprio come quelli della cantante colombiana quando muove i suoi famosi passi di danza.

 

 My Modern Met

Sul fondo della barriera corallina in Indonesia è stato scoperto questo crostaceo, rinominato Leucothoe Eltoni perché quando l’oceanografo l’ha visto al microscopio , ha notato che le sue appendici erano enormi rispetto al corpo, un po’ come le scarpe di Elton John quando cantava Pinball Wizard.

 

 My Modern Met

Il grande Freddy Mercury dei Queen, o meglio, i grandi baffi  del cantante hanno ispirato il nome di questo raro isopode degli abissi marini, chiamato appunto Cirolana mercuryi.

 

 My Modern Met

Dopo una vita passata tra le conigliette di Playboy, il grande capo della rivista per soli uomini Hugh Hefner ha ispirato il nome di un coniglio, il Sylvilagus Palustris Hefneri.

 

FONTE | My Modern Met

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >