Clubhouse: il nuovo social dal sapore radiofonico

Il social esclusivo al quale si può accedere solo su invito è diventato popolarissimo grazie a Elon Musk.

Prima mi è arrivato il messaggio di una ragazza che m’invitava a usarlo, poco dopo, aprendo Facebook, ho trovato lo stato di un mio amico che ne parlava. Incuriosito, sono andato a googolare e ho notato come tutti gli articoli a riguardo fossero stati pubblicati solamente qualche ora prima. Di cosa sto parlando? Di Clubhouse.

Che cos’è Clubhouse? Al di là del nome che può vagamente ricordare una rivista porno anni 80, Clubhouse è un social dal format radiofonico creato dall’imprenditore californiano Paul Davison e dall’ex dipendente di Google Rohan Seth. Valutata più di 100 milioni di dollari già a pochi mesi dalla sua nascita, quando contava poco meno di 1500 iscritti, il successo dell’app è frutto dell’illuminante campagna di marketing avviata dagli sviluppatori. A differenza degli altri social come Snapchat o TikTok che, con risultati diametralmente opposti, hanno cercato di coinvolgere il maggior numero di persone in tutto il mondo, Clubhouse ha fin da subito puntato sull’elitarietà della sua utenza. Ancora oggi per iscriversi alla piattaforma è necessario ricevere un invito da un utente registrato, il compagno che ha già superato la selezione all’ingresso e, dall’interno del locale, urla al buttafuori di farci passare. Un metodo un po’ massonico, forse, ma che nelle intenzioni dovrebbe creare una community esclusiva e selezionata.

Foto di Dailybest  Foto di Dailybest

L’app mette al centro del suo mondo le parole, anzi i racconti, le voci dei propri tellers (come si chiameranno gli utenti di Clubhouse?), sottraendosi quasi totalmente al dominio dell’immagine e ponendosi quindi in un contesto diametralmente opposto a quello di Instagram. Ma oltre al medium, la differenza sostanziale dagli altri social sta nell’apporto temporale richiesto, nella velocità di fruizione. L’app è stata strutturata in stanze tematiche selezionate per ogni utente da un algoritmo basato sulle preferenze che abbiamo impostato in partenza, anche se la sezione interessi a mio avviso potrebbe essere migliorata (non ho trovato il giardinaggio). Gli iscritti posso decidere se entrare in una room per partecipare attivamente prenotando un intervento ( attraverso un tasto che mima una mano alzata) o limitarsi ad assistere alle discussioni. In pratica si tratta di un vero e proprio dibattito live, per questa sua natura, richiede tempi più dilatai e (in teoria) un maggiore approfondimento dei topic.

E questo boom a cosa è dovuto? A Elon Musk, ovviamente. Il fondatore di Tesla domenica 31 gennaio ha fatto capolino nel social come “ospite” nella stanza dell’imprenditore informatico Marc Andreessen, in men che non si dica, 5000 utenti, per la maggior parte nuovi iscritti, si sono riversati nella room in una specie di flash mob virtuale. L’improvvisata del genio americano ha ovviamente fatto impennare il valore in borsa di Clubhouse, balzata nella classifica delle app più scaricate in tutto il mondo senza essere ancora disponibile per dispositivi Android. Come si suol dire in questi casi: Stonks!

Stonk rising meme  Stonk rising meme

I presupposti sembrano ottimi, Clubhouse unisce la sincera voglia di raccontarsi dei podcast, dei quali in un certo senso rappresenta la variante interattiva, col genuino spirito di confronto che ha sempre animato i forum. Che sia un fenomeno dell’hype o la nuova frontiera dei social ve lo racconteremo nelle prossime settimane.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >