Perché Facebook sta chiedendo di caricare foto in cui siamo nudi

Le foto verranno codificate e verrà evitata la loro diffusione su Facebook e Messenger

La foto ha valore solo esemplificativo donnamoderna - La foto ha valore solo esemplificativo

 

In una scuola superiore nel modenese, circa sessanta ragazze minorenni hanno riempito una chat di WhatsApp con centinaia di immagini a sfondo sessuale, autoscatti sexy e foto nude che sono finite in rete, con tutti i pericoli che potete immaginare. Le ragazze si sono fidate delle amiche che le hanno condivise e la cosa, come accade su internet, si è diffusa rapidamente e capillarmente. Sono immagini di minorenni, quindi chi ne entra in possesso può essere accusato di detenzione di materiale pedo pornografico. Questa è purtroppo una delle tante notizie che riguardano materiale vietato ai minori messo a circolare sui social.

Il fenomeno per il quale un individuo metta online foto o video sessualmente compromettenti di conoscenti si chiama revenge porn, ed è sempre più diffuso, vista la facilità con cui si possono riprendere o fotografare nudi o atti sessualmente espliciti con gli smartphone, materiale che poi può essere facilmente hackerabile o usato in maniera non opportuna da chi ne entra in possesso. Come sappiamo, una volta che le foto o i video sono stati caricati su siti porno o pubblicati in pagine cui si accede solo con password, sarà molto difficile rimuoverli e ben presto possono diventare di dominio pubblico, con le conseguenti ripercosse psicologiche sulle vittime di tale abuso.

 

 cyberbulling

 

A questo proposito, Facebook ha deciso di contrastare il revenge porn chiedendo ai propri utenti le loro foto nude. Messa così sembra una fake news e invece abbiamo appreso dal Guardian che Facebook sta provando in Australia la nuova tecnologia di riconoscimento  fotografico per bloccare sul nascere la diffusione di foto pornografiche o sexy segnalate dagli utenti come rubate.

Vediamo di spiegare meglio: se il vostro ex partner o chi ne sia entrato in possesso, decide di ricattarvi promettendo di divulgare le vostre foto sexy oppure se avete il sospetto che siano state condivise senza il vostro consenso, potrete inviare a Facebook le immagini incriminate, che saranno trasformate in impronta digitale virtuale che sarà usata per identificare e bloccare immediatamente la diffusione delle immagini su Messenger e Facebook.

In questa prova, gli utenti dovranno riempire un questionario sulla sicurezza online, poi verrà chiesto loro di caricare le foto che vogliamo non circolino su Messenger e una commissione notificherà l’inserimento del materiale (senza guardarlo). Una volta arrivata la notifica, un operatore avrà accesso alla foto e la digitalizzerà col tag, in modo da prevenire future condivisioni del materiale. La foto sarà scansionata in modo che anche futuri caricamenti con altri tag saranno riconoscibili. In sostanza, quella foto su Messenger non dovrebbe girare più.

Anche se può sembrare strano condividere volontariamente una propria foto erotica o pornografica a sconosciuti, la ricerca tecnologica di Facebook sembra il miglior modo per evitare il diffondersi a macchia d’olio del revenge porn e di tutti quegli abusi che commettiamo se guardiamo una foto o un video condiviso online senza il consenso dei protagonisti, che si istantaneamente trasformano in vittime, senza se e senza ma.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
70,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >