Perché Tik Tok è il peggior social di sempre

Se siete amanti dei social avrete sicuramente notato la notorietà che ha riscosso Tik Tok, il social cinese che permette agli utenti di creare brevi video musicali modificando la velocità di esecuzione e aggiungendo filtri. A quanto pare si dice che inizialmente l’app aveva scopi educativi: chi la scaricava poteva imparare o insegnare alcune materie e i video avevano una durata dai tre ai cinque minuti. Ovviamente non ha avuto successo. Si decide di cambiare target e si punta sui teenager. E fu così che nacque l’app che conosciamo (s)fortunatamente tutti.

Breve guida a Tik Tok per i meno esperti

Nonostante la popolarità c’è chi non ha sottomano la funzionalità di quest’app. Lo scopo di questa è quello di mettere in evidenza i social e la musica. I video sono visibili, seppur limitatamente, anche se non si ha un profilo Tik Tok e tutto è possibile grazie alla condivisione su altri social come Instagram. In tutta la sua semplicità, su Tik Tok gli adolescenti esprimono la loro creatività divertendosi da soli o in compagnia. Oggi Tik Tok è un’app che viene usata dalle aziende, in collaborazione con i vari influencer, per promuovere un determinato prodotto senza spendere cifre esorbitanti.

L’app si usa facilmente: si crea un account e il gioco è fatto. Il tutto è immediato, si registra un video e poi si edita il tutto aggiungendo scritte e filtri. Per far sì che il profilo ottenga popolarità ci sono delle vere e proprie linee guida come ad esempio il saper scegliere il nome giusto e il momento giusto per la pubblicazione del video. Sembra che ci siano degli orari specifici per far sì che il video ottenga più visualizzazioni.

Per carità, per essere dei veri tik tokers bisogna avere fantasia e immaginazione poiché non è da tutti creare coreografie al momento e il tutto a tempo di musica. Secondo alcune ricerche statunitensi l’app ha portato gioia nei giovani al contrario di chi usa ancora il vecchio e caro Facebook. Con Tik Tok si può diventare addirittura qualcuno. A quanto pare c’è gente che diventa popolare facendo video mentre balla in bagno. Immaginatevi tra dieci anni una conversazione del tipo:

“Cosa fai nella vita?”

“Il tik toker, è un lavoro duro ma si fa”. 

Lo spirito italiano si distingue sempre per creatività e originalità: si dice che nel 2019 gli italiani si siano distinti per la creatività rispetto ad altri paesi. Questo perché a portare avanti questa piattaforma non sono solo gli adolescenti ma anche personaggi noti e politici. Sicuramente è questo uno dei problemi che rendono Tik Tok una delle app più odiate. Per queste persone vengono studiate strategie di marketing che permettono di creare dei target mirati che li rendono popolari.

Perché Tik Tok è il peggior social di sempre?

I profili trash di Instagram e simili sono pieni di video esilaranti che esaltano questi personaggi. A questo punto viene da pensare che il problema siamo noi: perché il Tik Tok degli esordi non ha riscosso successo? Perché noi siamo amanti dei prodotti spazzatura.

Il problema non è solo questo. Ci sono state delle proteste da parte di alcuni genitori per quanto riguarda la legge sulla privacy poiché alcuni video contenevano messaggi sessuali e i linguaggi usati da alcuni erano inappropriati. Sicuramente per alcuni l’app ha avuto conseguenze negative e sono state fatte delle proteste a riguardo. Infatti se usate l’applicazione per due ore consecutive scatterà un allarme che vi porta a smettere di usarla.

Come per ogni social, Tik Tok crea dipendenza e questo si era capito. in più, vengono diffusi dati di minorenni e immagini che possono portare, nella peggiore dei casi, alla pedopornografia. Sicuramente non è l’unica app: prendete Instagram, quante foto esplicite contiene? Però, a differenza di Tik Tok, l’app di proprietà di Zuckerberg banna la foto se questa ha richiami sessuali espliciti, ed è sicuramente un punto a favore. L’ultima notizia negativa in tal senso vede il suicidio in diretta dell’ex veterano Ronnie McNutt, il cui video gira ancora su Tik Tok perché caricato all’interno di altri video più innocui, in modo da nasconderlo a tutti tranne che agli utenti. Di certo, alcune politiche del social vanno riviste preso.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >