Geek
di Mattia Nesto 22 Settembre 2020

Cinque motivi per comprare Super Mario 3D All-Stars per Nintendo Switch

Per festeggiare i 35 anni di Super Mario ecco una collection con tre titoli capolavoro

Quando un paio di settimane fa Nintendo, tramite un direct a sorpresa, ha annunciato l’imminente uscita di Super Mario 3D All-Stars, la collection per Nintendo Switch contenente Super Mario 64, Super Mario Sunshine e Super Mario Galaxy, i videogiocatori di tutto il mondo sono, letteralmente, saltati dalle sedie. Un po’ perché Mario 64, Sunshine e Galaxy rappresentano tre fra i giochi più importanti e belli mai realizzati con protagonista l’idraulico rossoblu, un po’ perché Nintendo ha fatto sapere che la collezione sarà disponibile, sia nella versione fisica che in quella digitale, fino al prossimo 31 marzo 2021.

Ovvia, perciò, la ricorsa, abbastanza folle ad accaparrarsi almeno una copia. Noi ce l’abbiamo fatta e abbiamo passato lo scorso fine settimana a esplorare in lungo e in largo questa tripletta di gioconi. Vi forniamo allora cinque motivi per mettervi la fotta giusta nell’acquisto.

Baia Pirata e Abisso Acquatico in Super Mario 64

C’è stato un tempo, neppure così distante, in cui ogni singolo gioco platform o action aveva, quasi per legge, un livello acquatico. E dire che praticamente nessun videogiocatore ha mai veramente amato questi livelli in cui la mobilità è, per forza di cose, limitata, spesso la telecamera (specialmente con i primi giochi in 3d) andava dove voleva e in cui i nemici potevano attaccarci da ogni direzione (se state pensando all’infame livello de La Sirenetta in Kingdom Hearts con il superboss Ursula avete avuto il ricordo giusto).

Eppure un gioco faceva differenza, a cominciare dalla colonna sonora. Già perché il livello acquatico di Super Mario 64, anzi i livelli acquatici chiamati Baia Pirata e Abisso Acquatico, non sono solo assoluti capolavori di level design ma anche la dimostrazione di come si potesse realizzare delle aree di gioco coerenti e non infami già nel 1996. Molti di noi ci hanno perso, letteralmente, almeno un paio di vite nell’Abisso Acquatico e nell’esplorazione della Baia Pirata, tra il sottomarino di Bowser, il murenone che spunta dal galeone e i mille segreti delle mappe di gioco. Solo a parlarne ci viene già voglia di (ri)giocarlo.

 

La vacanza infinita di Super Mario Sunshine

Definire Super Mario Sunshine un capitolo particolare nella legacy di Mario è dire poco. “Schiacciato” nel ruolo di prosecutore della saga dopo l’incredibile Mario 64 per Nintendo 64, il capitolo per Game Cube è stato vissuto dai giocatori con sentimenti contrastanti: a molti, moltissimi è piaciuto tanto per il mood tanto differente dall’avventura precedente e per la natura quasi open-world mentre altri l’hanno giudicato nettamente insufficiente dal punto di vista della ricchezza e stratificazione del gameplay, fino a definirlo come un Super Mario “apocrifo”, sì insomma quasi uno non-ufficiale.

Il nostro giudizio è differente. Ammettiamo che guardando dal di fuori la Super Mario 3D All-Stars, Sunshine è senza ombra di dubbio il membro debole del party tuttavia questo è tutt’altro che un brutto gioco, anzi. Al di là dello stile unico quello che fino dal 2002 ci aveva colpito del gioco era il suo dichiararsi come una vera e propria vacanza per Mario. Per noi è una specie di Link’s Awakening di Mario, ovvero un capitolo tropicale e vacanziero non principale ma certamente di grandissimo gusto

 

La colonna sonora di Super Mario Galaxy

Super Mario Galaxy è il primo Super Mario che si è avvalso per le ost del contributo di un’orchestra di cinquanta elementi. In questo senso, Shigeru Miyamoto è riuscito a realizzare, almeno dal punto di vista musicale (ma vedremo non solo) il migliore Mario della storia grazie a una colonna sonora d’eccezione, che punteggia ad arte i vari pianeti che andremo a visitare durante la nostra avventura. Avere in più la possibilità, tramite la conversione su Switch, di giocare Galaxy da televisione ci ha permesso di godere pienamente delle soluzioni orchestrali del titolo. E i nostri padiglioni auricolari sono andati, immediatamente, in sollucchero!

 

Tre gusti is meio che uàn

Lungi dal voler essere bollati come fanboy ciechi di casa Nintendo, vogliamo ricordare come quest’operazione non sia tutta rosa&fiori, anzi. Si tratta infatti di una semplice conversione, per altro molto pigra dal punto di vista delle ri-skin delle texture in Super Mario 64, che ci ha fatto storcere il naso in più punti. Scordatevi un livello qualitativo come il recente Link’s Awekening (di cui abbiamo discusso qui), per ricordarlo ancora: questi non sono remake, neppure per sogno. Qui si tratta di un semplice porting, quindi nulla di sconvolgente. Tuttavia proprio il fatto di avere proposto questo tipo di offerta, con questi tre, capitali, titoli ci ha fatto scattare la molla. Super Mario 64, Sunshine e Galaxy sono la storia del videogioco incarnata, non solo quella di Super Mario e poterli portare sempre con sé sulla Nintendo Switch beh è una gran figata, senza ombra di dubbio.

 

Galaxy non è il migliore Mario di sempre ma forse il miglior videogioco di tutti

Ok, l’abbiamo scritto davvero tuttavia non abbiamo paura nel ribadire il concetto: Super Mario Galaxy (che noi intendiamo in inscindibile combo con Super Mario Galaxy 2, inspiegabilmente lasciato fuori dalla collection) è non solo un titolo magnifico ma, almeno parlando di puro gameplay, uno dei migliori in termini assoluti, se non proprio “il” migliore. La possibilità infatti di giocare con la tridimensionalità di un cosmo super curato in ogni aspetto, regala veramente lo step successivo al platform 3d.

Se Super Mario 64, infatti, è stato il primo vero platform in tre dimensioni, almeno compiuto, Super Mario Galaxy è il primo platform cosmico, in cui ogni aspetto è curato alla perfezione e dove il gameplay si attesta come unica e sola “ragiona d’essere”. Ogni pianeta, fosse anche poco più grande di un asteroide, nasconde sempre un piccolo segreto e ruotando la camera si scoprono delle combinazione veramente rivoluzionarie. Già da solo un titolo così fa la Storia del medium: se poi lo unite ad altri due come Mario 64 e Sunshine l’aggettivo “imperdibile” per questa collection è un semplice eufemismo.

 

Super Mario 3D All Stars

Compra | su Amazon

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

25,00 €

Maglietta de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Maglietta in edizione limitata per il concerto di Andrea Laszlo De Simone.  
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
24,99 €

Lucchetto ad impronta digitale

Ecco il lucchetto più intelligente che c'è. Per aprirlo non servono chiavi, ma basta la tua impronta digitale. Il lucchetto smart è prodotto dall'azienda cinese Xiaomi, che sforna ogni anno ottimi prodotti di elettronica di consumo. Si apre grazie al semplice tocco delle dita, perché riconosce l'impronta digitale del suo padrone. Ricordi quella volta che sei sceso dall'aereo, hai ritirato la valigia e ti sei accorto che non avevi più la chiave del lucchetto? Non succederà più. Fatto in lega di zinco e acciaio è figo, tutto liscio, senza pile da cambiare perché è ricaricabile con un comune cavetto micro USB. A leggere le specifiche tecniche può stare in standby fino ad un anno ed è anche resistente all'acqua. Infine, può memorizzare fino a 20 impronte digitali, così puoi condividerlo con altre persone o, addirittura provare ad aprirlo con le dita dei piedi. Ecco tutti i dati: Nome prodotto: NOC LOC Fingerprint Padlock Metodo di apertura: impronta digitale Materiali: lega di zinco e acciaio Lettore di impronta: semiconduttore Alimentazione ricarica: cavo Micro-USB Impronte memorizzabili: 20 Indicatore batteria scarica: punto LED Tipo batteria: 110mAh ricaricabile Livello di resistenza all'acqua: IPX7 Durata in standby: 1 anno Aperture con una ricarica: 2500 volte Dimensioni: 36mm x 18mm x 38mm Il pacchetto include 1 lucchetto. Il prodotto viene spedito dalla Cina.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >