Society
di Simone Stefanini 16 Novembre 2017

10 nomi migliori di Mossa del Cavallo per un partito politico

Mossa del Cavallo è il nome del partito di Giulietto Chiesa e Antonio Ingroa. Sicuri che il proletario conosca gli scacchi? Ecco 10 nomi più pertinenti.

 best5

 

È un mondo difficile, diceva quel burocrate di Tonino Carotone. Futuro incerto, specialmente in politica, con tutto un nuovo proliferare di piccoli partiti e movimenti che ricordano da vicino gli effetti del proporzionale anni ’80, tanto caro alla DC.

Giulietto Chiesa e Antonio Ingroia per esempio hanno  un nuovo soggetto politico di sinistra o presunta tale, e l’hanno chiamato Mossa del Cavallo.

“Lo abbiamo chiamato “Mossa del Cavallo” per far capire che bisogna scavalcare questi partiti inetti e/o corrotti, o entrambe le cose” dice Chiesa, ma gli italiani sapranno giocare a scacchi? Modestamente, se si parla della Mossa del Cavallo ci viene in mente il dressage, lo sport olimpionico in cui il cavallo deve imparare a comportarsi a modo.

Dal momento che la sinistra ha già i suoi bei problemi, perché dargliene un altro? Non sarebbe meglio uno dei nomi qui sotto, di cui l’italiano si fa un’idea senza dover ricorrere a Kasparov contro Karpov?

 

1) La mossa del giaguaro

Un partito supercafone per gente che non deve chiedere mai, che riunirebbe tutti quelli che affollano i cinepanettoni sotto Natale. Con un nome così ti prendi il 70% alle prossime elezioni e governi vent’anni tranquillo. Premier: il Piotta.

 

2) Compagni di Ventura

 sport

L’operaio, l’umile, il vinto, è abituato a perdere. Votare un partito che vuole vincere le elezioni sarebbe controproducente per lui, che si troverebbe catapultato in un universo che non gli appartiene. Chi meglio di Gian Piero Ventura può sponsorizzare questo status quo?

 

3) Italia sì Italia no

L’Italia dei qualunquisti, di Sanremo e dei cachi, di quelli che gli va bene tutto, basta lo sostenga la maggioranza, che non si interessano mai di politica ma criticano sempre, che leggono solo i titoli degli articoli e sbagliano la punteggiatura.

 

4) Antani

La supercazzola, da sempre il miglior stratagemma che un politico ha per scrivere i propri discorsi, infarcendoli di epiteti, avverbi e aggettivi inutili, desueti e spesso senza contesto, per confondere l’umile e deciderlo a votare per uno più istruito di lui. In memoria di Ugo Tognazzi, vate.

 

5) La nuova casa della sinistra scacchista operaista metallurgica ferita nell’onore (LNCSSOMFO)

L’operaio, questo soggetto da sempre facente parte della categoria dei tapini, potrebbe rispecchiarsi nello sguardo di chi ha perso tutto, proprio della maschera interpretata da Giancarlo Giannini nel film della Wertmüller. E giù lacrime.

 

6) Fronte popolare Giudeo v. Fronte popolare di Giudea

Se l’intento è quello di frammentare ancora di più il bacino d’utenza della sinistra, allora perché non creare un nome che sia già scisso? Come nella popolare gag dei Monty Python in Brian di Nazareth, il peggior nemico di un partito non è il suo nemico naturale, ma il suo simile.

 

7) Facebook

 geek.com

Ci siamo tutti dentro, no? Mark Zuckerberg sta tentando di comprare l’internet e di farlo diventare tutto Facebook, così da avere sotto controllo l’umanità. Siccome non siamo in grado di contrastarlo in alcun modo, perché non abbandonarci alla sua dittatura per l’eternità?

 

8) Movimento 6 Stelle

 lastampa

Luigi Di Maio premier rimane, ma con una stella in più, per soddisfare i delusi del movimento. Sesta stella a destra, questo è il cammino, e poi dritto fino al mattino, poi la strada la trovi da te, porta alla penisola che non c’è.

 

9) La Rabbia Saudita

Fate anche voi parte di quella fazione che è di sinistra ma, che non è razzista ma, non è contro gli omosessuali ma, non è contro una donna Presidente del Consiglio ma? Allora potete unirvi alla Rabbia Saudita, un partito di forconi e incazzati di destra che credono di essere di sinistra.

 

10) Casamarx

Home is where the heart is, dicono gli anglosassoni. Perché anche l’elettorato operaio della sinistra non può avere la sua casa, la sua Nina Moric, il suo palestrato che prende i giornalisti a testate, la sua marcia su Roma e via dicendo? Casamarx, e facciamo contenti tutti.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": PASSIFLORA, PEPERONCINO, MELANZANA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Passiflora Cerulea La passiflora è avvolgente, come un partner impetuoso, i suoi rami rampicanti circondano qualsiasi supporto possano incontrare. Governata da Venere, è usata negli incantesimi d’amore per dominare la passione. Il suo profumo intenso, infatti si accentua la sera conquistando così ogni tuo senso. Nella simbologia floreale ha virtù protettive, posizionata dinnanzi un ingresso evita intrusione. Peperoncino Peter Pepper Noto per la sua forma fallica, il Peperoncino Peter Pepper vi sorprenderà con il suo carattere deciso, il sapore aromatico e un grado di piccantezza adatto anche ai palati più delicati. L’attitudine erotica esplode in una rapida fioritura bianca per dare poi presto spazio ai suoi frutti. Adatto alla coltivazione in balcone, nella tradizione popolare è infatti una pianta da possedere per realizzare rituali di seduzione. Melanzana Bellezza Lunga Dimenticati della classica emoji perchè quello che stai per piantare è una “bellezza lunga”. La Melanzana contenente nel tuo kit avrà un aspetto fiero della sua struttura: eretta, alta almeno 30 cm, con frutti polposi e pronti per essere gustati in estate. Come ogni spasimante che si rispetti, prima di donarsi al tuo palato ti porterà in dono dei fiori. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >