Society
di Simone Stefanini 16 Novembre 2017

10 nomi migliori di Mossa del Cavallo per un partito politico

Mossa del Cavallo è il nome del partito di Giulietto Chiesa e Antonio Ingroa. Sicuri che il proletario conosca gli scacchi? Ecco 10 nomi più pertinenti.

 best5

 

È un mondo difficile, diceva quel burocrate di Tonino Carotone. Futuro incerto, specialmente in politica, con tutto un nuovo proliferare di piccoli partiti e movimenti che ricordano da vicino gli effetti del proporzionale anni ’80, tanto caro alla DC.

Giulietto Chiesa e Antonio Ingroia per esempio hanno  un nuovo soggetto politico di sinistra o presunta tale, e l’hanno chiamato Mossa del Cavallo.

“Lo abbiamo chiamato “Mossa del Cavallo” per far capire che bisogna scavalcare questi partiti inetti e/o corrotti, o entrambe le cose” dice Chiesa, ma gli italiani sapranno giocare a scacchi? Modestamente, se si parla della Mossa del Cavallo ci viene in mente il dressage, lo sport olimpionico in cui il cavallo deve imparare a comportarsi a modo.

Dal momento che la sinistra ha già i suoi bei problemi, perché dargliene un altro? Non sarebbe meglio uno dei nomi qui sotto, di cui l’italiano si fa un’idea senza dover ricorrere a Kasparov contro Karpov?

 

1) La mossa del giaguaro

Un partito supercafone per gente che non deve chiedere mai, che riunirebbe tutti quelli che affollano i cinepanettoni sotto Natale. Con un nome così ti prendi il 70% alle prossime elezioni e governi vent’anni tranquillo. Premier: il Piotta.

 

2) Compagni di Ventura

 sport

L’operaio, l’umile, il vinto, è abituato a perdere. Votare un partito che vuole vincere le elezioni sarebbe controproducente per lui, che si troverebbe catapultato in un universo che non gli appartiene. Chi meglio di Gian Piero Ventura può sponsorizzare questo status quo?

 

3) Italia sì Italia no

L’Italia dei qualunquisti, di Sanremo e dei cachi, di quelli che gli va bene tutto, basta lo sostenga la maggioranza, che non si interessano mai di politica ma criticano sempre, che leggono solo i titoli degli articoli e sbagliano la punteggiatura.

 

4) Antani

La supercazzola, da sempre il miglior stratagemma che un politico ha per scrivere i propri discorsi, infarcendoli di epiteti, avverbi e aggettivi inutili, desueti e spesso senza contesto, per confondere l’umile e deciderlo a votare per uno più istruito di lui. In memoria di Ugo Tognazzi, vate.

 

5) La nuova casa della sinistra scacchista operaista metallurgica ferita nell’onore (LNCSSOMFO)

L’operaio, questo soggetto da sempre facente parte della categoria dei tapini, potrebbe rispecchiarsi nello sguardo di chi ha perso tutto, proprio della maschera interpretata da Giancarlo Giannini nel film della Wertmüller. E giù lacrime.

 

6) Fronte popolare Giudeo v. Fronte popolare di Giudea

Se l’intento è quello di frammentare ancora di più il bacino d’utenza della sinistra, allora perché non creare un nome che sia già scisso? Come nella popolare gag dei Monty Python in Brian di Nazareth, il peggior nemico di un partito non è il suo nemico naturale, ma il suo simile.

 

7) Facebook

 geek.com

Ci siamo tutti dentro, no? Mark Zuckerberg sta tentando di comprare l’internet e di farlo diventare tutto Facebook, così da avere sotto controllo l’umanità. Siccome non siamo in grado di contrastarlo in alcun modo, perché non abbandonarci alla sua dittatura per l’eternità?

 

8) Movimento 6 Stelle

 lastampa

Luigi Di Maio premier rimane, ma con una stella in più, per soddisfare i delusi del movimento. Sesta stella a destra, questo è il cammino, e poi dritto fino al mattino, poi la strada la trovi da te, porta alla penisola che non c’è.

 

9) La Rabbia Saudita

Fate anche voi parte di quella fazione che è di sinistra ma, che non è razzista ma, non è contro gli omosessuali ma, non è contro una donna Presidente del Consiglio ma? Allora potete unirvi alla Rabbia Saudita, un partito di forconi e incazzati di destra che credono di essere di sinistra.

 

10) Casamarx

Home is where the heart is, dicono gli anglosassoni. Perché anche l’elettorato operaio della sinistra non può avere la sua casa, la sua Nina Moric, il suo palestrato che prende i giornalisti a testate, la sua marcia su Roma e via dicendo? Casamarx, e facciamo contenti tutti.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >