Society
di Simone Stefanini 8 Gennaio 2018

4 regole per migliorare la tua comunicazione

Al giorno d’oggi, sia nel lavoro sia nelle relazioni interpersonali, la comunicazione è tutto. Ecco come migliorarla

tutorial comunicazione

Anno nuovo, vita nuova? Spesso non è proprio così, ma in questi tempi confusi e spesso infelici, chi si ferma è perduto. La comunicazione il mezzo più importante per esprimere le vostre necessità e i vostri diritti, per manifestare sentimenti o semplicemente per andare a fare la spesa. La comunicazione, in effetti, è tutto. Quella dal vivo torna ad essere indispensabile nell’era dei bozzoli iperconnessi che parlano quasi esclusivamente per servizi di messaggeria.

Spesso chi svolge un mestiere creativo, parla con i colleghi o i clienti tramite email o telefonate e dà per scontato che la sua arte parli da sola, senza bisogno di troppe spiegazioni. In realtà, oggi più che mai, i lavori vengono presi da chi sa comunicare meglio, sa vendersi meglio di altri, a parità di bravura.

La comunicazione quindi diventa un elemento chiave della meritocrazia, se non del saper stare al mondo. Ognuno deve imparare il modo per veicolare le proprie opinioni senza possibilità di fraintendimento o di debunking, che significa in pratica l’essere sbugiardati. Saper parlare efficacemente del proprio lavoro è un ottimo punto di partenza per diventare veri professionisti.

Abbiamo adattato 4 regole per migliorare la vostra comunicazione, scritte da Jessica Stewart per My Modern Met, 4 strategie che vi rendono in grado di spiegare chiaramente, sinteticamente e rapidamente il vostro lavoro e i vostri obiettivi.

Fai pratica col tuo Discorso da ascensore

 

 

L’elevator pitch è il tipo di discorso che farebbe un imprenditore se si trovasse per caso chiuso in ascensore con un investitore. In quel caso il protagonista dovrebbe riuscire ad essere quanto più chiaro e sintetico possibile, per riuscire a convincere l’investitore a investire su di lui. In pratica, in un minuto dovrà riuscire a spiegare tutto ed essere pure molto convincente.

Bene, questo stratagemma che funziona nel mondo degli affari, può essere agilmente adattato anche al resto del mondo del lavoro (e a volte anche alle relazioni interpersonali). È molto utile sapere ciò che vuoi raggiungere, saper spiegare le tue caratteristiche uniche per venderti al meglio, concentrandoti sul come e sul perché. È importante capire il tuo target di riferimento e saper usare le parole giuste per descrivere come il tuo lavoro (o la tua persona) si inserisce in tale nicchia. Dopo aver fatto pratica del tuo discorso da ascensore, assicurati di concludere l’affare, che si tratti di ottenere un numero di telefono o un appuntamento. Hai solo un minuto, non devi strafare: tira fuori tutti i tuoi assi e lascia che il tuo interlocutore ne rimanga incuriosito tanto da volerne sapere di più, che abbia voglia di rivederti.

 

Abbi fiducia in te stesso

 

La fiducia nei propri mezzi non deve mai confondersi con la spavalderia o l’arroganza. L’arroganza di sicuro scoraggerà il tuo interlocutore dal voler parlare con te, a nessuno piacciono i secchioni boriosi. La fiducia in se stessi invece è una qualità da imparare e coltivare nel tempo. Ecco alcuni mezzi per esprimere correttamente la fiducia, senza eccedere né sembrare spaventato:

Linguaggio del corpo: non esprimere lo stereotipo dell’artista bohemien curvo e dimesso, non ti aiuterà ad entrare in sintonia con gli interlocutori. Sii accessibile, tieni un linguaggio del corpo aperto, stai seduto dritto, niente braccia incrociate, piegati leggermente verso i tuoi interlocutori per comunicare loro che sei interessato a ciò che stanno dicendo.

Contatto visivo: insieme agli arti, gli occhi devono essere attenti. Prima regola, non guardare mai il telefono, mai. Anche rivolgere lo sguardo in basso è segno di insicurezza, mancanza di conoscenza o addirittura disinteresse. Guarda le persone negli occhi quando parli e quando ti parlano, con il giusto entusiasmo, senza sembrare stalker o pazzoide.

Parole di riempimento: se sei una persona che usa spesso i filler durante un discorso, parole come cioè, praticamente, quindi oppure prende lunghe pause in cui emette suoni come uhmm, sembrerai sempre il ragazzino che alle medie durante l’interrogazione, cerca di allungare il brodo perché non sa niente. A questo proposito, meglio imparare a mente un discorso previamente scritto su carta, servirà da base per tenere a bada il nervoso.

Sappi quando è il momento di ascoltare

 

Una comunicazione è efficace quando è come una partita a tennis, con la palla che viene passata avanti e indietro. Un errore da non commettere mai è quello di monopolizzare la conversazione. Le persone che hai davanti possono essere venute pure alla tua mostra, al tuo concerto, al tuo negozio, questo non significa che vogliano implicitamente diventare tappezzeria ed essere esclusi dalla conversazione. Tutti vogliono sentirsi importanti durante la comunicazione. Ricorda che ascoltare non è semplicemente non parlare, è soprattutto fare proprio il ragionamento degli altri, capirlo, interpretarlo o chiedere chiarimenti se dei passaggi non sono stati compresi. Tutti apprezzano una persona che sa anche ascoltare.

 

Rispetta tutti allo stesso modo

 

Non ci sono scuse per trattare gli altri con arroganza o con poca gentilezza. Tutti possono aver avuto una giornata pesante e non puoi davvero sapere che impatto potrà nella tua vita la persona che ti sta davanti. Non importa con chi tu stia parlando, mostra sempre il dovuto rispetto.

 

 

FONTE | My Modern Met

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": PASSIFLORA, PEPERONCINO, MELANZANA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Passiflora Cerulea La passiflora è avvolgente, come un partner impetuoso, i suoi rami rampicanti circondano qualsiasi supporto possano incontrare. Governata da Venere, è usata negli incantesimi d’amore per dominare la passione. Il suo profumo intenso, infatti si accentua la sera conquistando così ogni tuo senso. Nella simbologia floreale ha virtù protettive, posizionata dinnanzi un ingresso evita intrusione. Peperoncino Peter Pepper Noto per la sua forma fallica, il Peperoncino Peter Pepper vi sorprenderà con il suo carattere deciso, il sapore aromatico e un grado di piccantezza adatto anche ai palati più delicati. L’attitudine erotica esplode in una rapida fioritura bianca per dare poi presto spazio ai suoi frutti. Adatto alla coltivazione in balcone, nella tradizione popolare è infatti una pianta da possedere per realizzare rituali di seduzione. Melanzana Bellezza Lunga Dimenticati della classica emoji perchè quello che stai per piantare è una “bellezza lunga”. La Melanzana contenente nel tuo kit avrà un aspetto fiero della sua struttura: eretta, alta almeno 30 cm, con frutti polposi e pronti per essere gustati in estate. Come ogni spasimante che si rispetti, prima di donarsi al tuo palato ti porterà in dono dei fiori. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >