Society
di Simone Stefanini 9 Dicembre 2015

7 abilità che la tecnologia renderà obsolete nel 2016

Tutto quello che abbiamo imparato a fare ormai è in via di estinzione

macchina-per-scrivere russellproctor - L’arte perduta della dattilografia

 

Abbiamo passato una vita a imparare cose, dai tempi dell’asilo fino al mondo del lavoro, acquisendo una mole di abilità che fanno di noi dei supereroi in miniatura. Abbiamo guadagnato street credibility sul campo, ci siamo destreggiati tra colloqui e commercialisti, tra affitti da pagare e appuntamenti galanti. Siamo diventati adulti, abbiamo finalmente trovato le nostre sicurezze e quando ormai il più sembrava fatto, cambia tutto di nuovo.

La vita nel 2016 è un continuo corso d’aggiornamento e un sacco di cose che abbiamo imparato, ormai non servono più a niente, soppiantate dal loro corrispettivo tecnologico.

L’unica sicurezza è che la iGen, la generazione nata dopo gli anni ’90 è molto più aperta di noi alle novità e nasce in un regime di tecnologia acquisita, quindi di sicuro sente meno il gap che accusiamo noi nati negli ’80 o prima.

Ad esempio, qui sotto ci sono 7 abilità che i trentenni conoscono bene e che stanno per diventare preistoria.

 

1) Scrivere in corsivo

renzi-buona-scuola Il Post - Neanche Renzi scrive più in corsivo.

Come vedete, nemmeno il Premier Renzi scrive più in corsivo. E voi, quando avete scritto in corsivo l’ultima volta? A pensarci, anni e anni di scuola e di bella calligrafia per poi dover reimparare a scrivere sulla tastiera QWERTY senza sembrare dei perfetti inetti che cercano le lettere girando a caso l’indice sui tasti. Siamo diventati veloci nel digitare, maestri nell’aprire link e scrivere password criptate, ma davanti a un fogli di carta bianco, non sappiamo quasi più scrivere.

 

2)  Spedire lettere

Il-Postino culturaeculture - Il Postino legge una lettera a Neruda.

Sembra strano, eppure più diventiamo esperti nell’aprire email, nel separare lo spam dalle comunicazioni interessanti, nel mettere in CC: i nostri contatti oppure nell’aprire fogli di lavoro interattivi, meno siamoo capaci di fare una cosa semplice semplice come scrivere una lettera a mano, affrancarla, scrivere il mittente al posto giusto e l’indirizzo dalla parte opposta della busta. Da quanto tempo non scrivete una cartolina, anche solo d’auguri di Natale? Ecco.

 

3) Leggere la mappa

TuttoCitta87-718451 corriere - Il mitico TuttoCittà, senza il quale negli anni ’80 eri totalmente perso.

Diciamocela tutta, da quando ogni smartphone è diventato anche un navigatore, non sappiamo più leggere una cartina stradale. Ci facciamo guidare passivamente dalla voce amica, ci facciamo dire dove dobbiamo girare, qual è la strada in cui non si paga, dove sono gli autovelox e dove sono le aree di servizio. Ma questo è il meno. Siamo capaci di usarlo anche a piedi, per andare da un isolato a un altro. Se tutt’un tratto il gps sparisse, tornare a TuttoCittà sarebbe drammatico.

 

4) Andare in biblioteca

fumetto1 bibliotecasalaborsa - Un libro di 1000 pagine sta in un ebook da nemmeno un mega.

Un’altra abitudine che sta morendo, quella di andare in biblioteca a prendere in prestito dei libri. Sì, quelli di carta, con le parole scritte dentro. Perché leggere leggiamo, anche più di prima, ma lo facciamo sullo schermo del computer, dello smartphone, del tablet o dell’ebook reader. E leggiamo di tutto, in fretta, introiettando rapidamente le nozioni per poi leggerne altre. Sempre di fretta, con gli occhi più stanchi.

 

5) La comunicazione faccia a faccia

La conversazione, come l’abbiamo sempre intesa è sempre meno frequente. Troppi impegni, poco tempo a disposizione per le chiacchiere e troppe possibilità tecnologiche di dialogo, senza nemmeno l’impiccio di spostarsi dal letto. I social, le chat, le app di incontri, i forum. Abbiamo tutto ciò che serve per non dover parlare a voce mai più. Che con certi scocciatori in giro non è male per niente.

 

6) Scattare foto che non siano selfie

selfie cyberteologia - Sai che foto profilo ci viene?

Non c’è più nessuna necessità di scattare foto al panorama, senza piazzare il nostro bel faccione davanti. Tutti in giro con i selfie stick, per mostrare al mondo che ci stiamo divertendo e perché no, per prendersi qualche complimento gratuito sui social. Il selfie ha anche aggiornato la traduzione dell’autografo di fronte al personaggio famoso. Ormai, se non hai una foto con lui non sei nessuno.

 

7) La pazienza e la capacità di attenzione

tumblr_mvxxogtX1W1qz6z2wo1_400 tumblr - In che senso?

Oggi arrivano molti più stimoli che in passato, a una velocità esorbitante. Pensate allo stream eterno di Facebook o a tutte le serie tv coi sottotitoli che guardiamo continuamente. ADSL e fibra sempre più veloci per non dover attendere nemmeno un secondo, e quando il computer s’impalla o cade la linea internet per qualche minuto, diventiamo rabbiosi come cani idrofobi e ci attacchiamo al 4G con il telefono. Non riusciamo più a prenderci il tempo per guardare un film senza dare un’occhiata allo smartphone almeno una volta. La pazienza è una dote in via d’estinzione, così come la concentrazione. Ecco, su questo punto dovremo lavorare di più.

FONTE | Mashable

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
70,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >