Society
di Lorenzo Mannella 24 Novembre 2015

Il calciatore Simone Zaza scambiato per un terrorista su Facebook

Una foto di Simone Zaza è stata usata in un post su Facebook che dice cose completamente false

Simone Zaza  Lui è Simone Zaza e fa il calciatore, non il terrorista

 

La strage di Parigi ti colpisce anche in modo indiretto. Su Facebook gira lo screenshot di un post datato 17 novembre con la foto di un uomo e il testo: “Lui è Abdlekader Mesbah, uno degli attentatori di Parigi. 1 Mi piace = 1 Pugno”. I like arrivano a quota 582. Non ci vuole molto per capire che quell’uomo è Simone Zaza, attaccante della nazionale italiana e della Juventus. E no, non è uno degli attentatori della capitale francese.

 

Meme su Simone Zaza  Lo screenshot della foto fasulla che sta circolando su Facebook

 

Per la cronaca, Mesbah non è neppure uno degli attentatori di Parigi. È semplicemente un nome a caso (e il cognome di un altro calciatore). Il post puzza di fake – o di meme – e ti viene subito da pensare che sia semplicemente un messaggio condito di humor nero di pessimo gusto. Tuttavia, almeno 582 persone hanno messo mi piace e l’effetto cassa di risonanza non si è fatto attendere.

L’account Twitter di Calciatori Ignoranti è stato tra i primi a riprendere la foto, il 18 novembre. I suoi follower conoscono il calcio e hanno capito subito che quello nella foto era Zaza. In giro per Facebook si trova un’altra versione della foto che smonta la bufala dell’attentato precisando che quello non è un terrorista, ma un attaccante della nazionale italiana. E invita a pensare prima di condividere.

 

Il debunking della foto di Simone Zaza  Qualcuno sta provando a smontare la bufala sui social

 

L’immagine che smonta la bufala di Zaza fa addirittura pensare che sia stata creata durante gli attentati di gennaio alla redazione di Charlie Hebdo per rispondere allo stesso meme. Il calciatore è identificato come ‘attaccante del Sassuolo’, ruolo che ha ricoperto prima del passaggio alla Juventus nel luglio 2015. Potrebbe anche essere una semplice svista calcistica, ma il fatto è che smontare le bufale è un lavoro durissimo che spesso produce pochi risultati positivi.

Un esempio? Questa foto di una terrorista nella vasca da bagno responsabile degli attacchi di Parigi ha fatto il giro del mondo, finendo sulle prime pagine dei giornali. In realtà è una donna marocchina di 32 anni, Nabila Bakkatha. Una sua amica avrebbe venduto le foto ai giornalisti approfittando della somiglianza con la vera attentrice Hasna Aït Boulahcen.

Insomma, le bufale non girano solo su Facebook. In risposta al caso di Bakkatha, il blog di giornalismo Valigiablu ha diffuso una guida per la verifica di foto e video postati sui social. È una cassetta degli attrezzi digitale che raccoglie una serie di strumenti utilissimi per esaminare le informazioni virali nei minimi dettagli.

 

 

Ma come fai a contrastare i meme e le informazioni fasulle quando diventano una massa di luoghi comuni trasmessi in diretta TV? Per esempio, un servizio di La7 sulla periferia romana titolato “A Tor Pignattara comanda l’islam” – andato in onda una settimana dopo la strage di Parigi – sta diffondendo un’immagine distorta delle persone musulmane.

Purtroppo ci sono dei meccanismi psicologici che spingono alcune persone ad avere paura dei rifugiati e dei fedeli di religioni diverse dalla propria. Che si tratti di un meme su Facebook o di un servizio TV con la colonna sonora del Gladiatore, la cosa più importante da fare è trattenersi dal buttare benzina sul fuoco. Prima di condividere contate fino a diecimila.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 VERDE

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W verde, con illustrazione completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 GRIGIO CHIARO

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W new silver (Grigio Chiaro), con illustrazione completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >