Society
di Ale Tilt 22 Luglio 2015

Cose che succedono a Milano quando fa caldo

Un elenco di cose che succedono quando l’estate africana arriva a Milano.

A Milano fa caldo. Non sempre, non è la California. A Milano fa caldo in questi giorni. Tanto. Dopo qualche estate gentile che aveva fatto la grazia di far sudare pesantemente solo per qualche giorno, quest’anno è arrivata la morte sotto forma di patina appiccicosa di sudore che si forma sulla pelle nell’esatto istante in cui si appoggia il piedi sul pavimento uscendo dalla doccia.

Ok, è estate ed è giusto così, non c’è bisogno di ripeterlo, ma il lamento quotidiano e continuo è uno dei sacrosanti diritti sanciti dalla Dichiarazione dei Diritti dell’Uomo.

Oggi però non vogliamo fare un post pieno di bestemmie e proteste (a proposito: appuntarsi di fare un post pieno di bestemmie e proteste contro il caldo), ma un post scientifico per studiare a fondo tutti quei fenomeni paranormali che si verificano a Milano quando la temperatura supera i 25 gradi per venti giorni consecutivi.

Perché a Milano con il caldo succedono cose. Succedono queste cose.

– A Milano il caldo è diverso: a Milano c’è l’umidità.
– A Milano si appannano gli occhi, non gli occhiali, gli occhi direttamente.

 

giphy

 

– Le maglie con il doppio colore sudore in zona ascella e schiena e pancia.
– Le ragazze che svengono ovunque, anche la Madonnina non è stata bene.
– Il caffè con ghiaccio come bevanda cittadina.
– I pakistani con i piedi e le rose nelle fontane.
– Gli anziani nei centri commerciali.
– L’abbronzatura muratore da t shirt, maglia ufficiale del milanese al mare.

 

bad_tan_funny_badtans.com_0016

 

– Il crimine che ti sale quando prendi la bottiglietta dal frigo da portare in ufficio ma si trasforma in un tè bollente appena la tiri fuori dalla borsa.
– La doccia dopo la doccia dopo la doccia e poi magari esco.
– Nessun pudore, se c’è un ventilatore tutti davanti a braccia aperte.
– Fare la foto del telecomando dell’aria condizionata a 16 gradi.
– Il caldo dà alla testa e se uno rallenta la coda nel traffico, è subito aria da omicidio.

 

tumblr_m8ggfd9mpi1r6fkiko1_500

– La 90 senza aria condizionata.
– La 90 con l’aria condizionata nuovo hotel a ore di Milano.
– Alzarsi dal divano in pelle e strapparsi via la pelle dalle gambe.
– I profughi vicino a Centrale in evidente stato di morte, cosa volete che vi rubino? L’afa?
– La puzza di morte in Darsena e i turisti con i piedi dentro.
– I topi che si fanno il bagno nella piscina in Argelati (“A Milano le piscine sono tutte sporche” frase da fuorisede).

 

giphy-1

– Gli abbinamenti improbabili: canotta da basket, shorts militari e Nike fluo.
– Momenti di alto erotismo quando le ragazze si strofinano addosso lattine ghiacciate.
– La puzza della barba degli hipster.
– Tutti poveri e senza lavoro ma poi week-end tutti in Liguria a Portofino, taaaac.
– Qualcuno ha messo un ombrellino per riparare la Madonnina.
– Potrai anche parcheggiare sotto un ponte ma stai sicuro che il Sole sarà sopra la tua auto, chiusa.

 

uu4

E infine noi milanesi che odiamo il caldo, poi piove due minuti e giù tutti a rompere il cazzo.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >