Society
di Pietro Raimondi 9 marzo 2016

La favolosa cucina di cartone di una mamma imprenditrice filippina

Quando il genio compensa la mancanza di mezzi

La cucina di cartone di Audrey, prima e dopo  La cucina di cartone di Audrey, prima e dopo

 

La gestrice di Ava’s Kitchen, piccolo e caratteristico negozietto di alimentari fatti in casa vicino a Manila, Filippine, ha avuto una figlia di nome Audrey circa un anno fa. Mamma Rodessa, in preda al tipico istinto materno-fotografico, oltre a una classica serie di scatti dell’amata bimba, ha pubblicato su Facebook la sua incredibile cucina giocattolo realizzata interamente in cartone.

 

 

Dunque, mentre mamma si prende cura della sua pasticceria e spedisce in tutto il mondo prodotti per l’allattamento abbastanza curiosi, Audrey ha il suo minilocale in cui passare le ore.

 

 

Con tanto di lavagnetta per il menu del giorno, computer portatile e telefono con cui prendere le prenotazioni, la cucina di Audrey nasce interamente da ingegnose soluzioni di recupero.

Lo scheletro di scatole di cartone è stato ricoperto con adesivi di vinile colorato, per il lavandino sono bastati una vecchia biella e una confezione di sapone, poi c’è l’immancabile telefono-macchinina, tutti gli arnesi da cucina che non tagliano e sull’esterno la chicca definitiva: l’insegna “Audrey’s Cafè & Restaurant”.

FONTE | Metro

CORRELATI >