Society
di Simone Stefanini 11 dicembre 2017

I disturbi mentali comodamente spiegati con le graffette

I disturbi e i disordini mentali sono spesso argomenti tabù. In questo modo possiamo parlarne davanti a un’opera di design

 boredpanda

 

Esistono disturbi  e disordini mentali di tanti tipi quanti sono gli esseri umani sulla Terra, dal momento che nessuno è normale e la normalità in realtà è pura fantascienza. Alcuni, più persistenti e codificati di altri, sono entrati nel lessico comune di chi “soffre di disagio”, ma i disturbi della mente sono ben più complicati e seri delle parole usate (e abusate) per descriverli.

L’artista Eisen Bernardo li ha descritti visivamente con le graffette, quegli oggettini metallici che si usano per tenere insieme due fogli di carta e che MacGyver usava per costruire bombe atomiche.

Qui sotto potete vedere ansia, depressione, disordine ossessivo-compulsivo, stress post-traumatico, disordine bipolare, disturbo dissociativo dell’identità, abuso di sostanze e disordine alimentare, tutti spiegati con le graffette. Un modo semplice, pop e di design per parlare di argomenti spesso tabù.

 

CORRELATI >