Society
di Simone Stefanini 18 Luglio 2018

Dovreste essere più gentili coi quarantenni

Tra vent’anni, i giovani di oggi saranno i “vecchi di merda” di domani e la storia si ripeterà. Ecco perché cercare un dialogo coi quarantenni sarebbe importante

Oggi ho visto un meme che mi ha fatto riflettere più del necessario, forse perché mi ha colpito sul vivo. Ve lo mostro:

 Facebook

Il solito cliché per cui a 40 anni, se fai il giovane sembri un vecchio che fa il giovane mentre se non ami le mode giovani sembri Clint Eastwood in Gran Torino sulle prime fa ridere, poi un paio di riflessioni te le fa fare, specie all’indomani della chiamata per il nuovo sito d’informazione di Enrico Mentana dedicato ai giovani under 33.

In questi ultimi anni di internet la dittatura della gioventù è evidente, sono gli under 30 (ma facciamo anche under 25) che producono i linguaggi social, il modo di comunicare, l’arte, la cultura e rappresentano al 100% la vita ai tempi di Facebook. Soni i buttafuori, quelli attenti al dress code, metaforico o meno ed è tutto giusto.

Pensate agli ex giovani che usano Facebook per inviarsi i vari Buongiornissimo Kaffè: che pena, vero? Fin qui siamo tutti d’accordo, non a caso nella bolla in cui viviamo siamo diventati esteti dediti al piacere dannunziano, incapaci di relazionarci con ciò che è alieno alle nostre abitudini. Come abbiamo avuto modo di appurare, ciò che viene discriminato sui social presto viene discriminato anche nella realtà e l’opinione distorta del quarantenne sul social rischia di avere pesanti conseguenze sulla vita reale.

 

 

Per chiarire il concetto, qui sotto vi elenco qualche situazione in cui il quarantenne diventa un vecchio da ridicolizzare:

  • Quando ascolta musica giovane
  • Quando va a ballare
  • Quando ha smesso di andare a ballare
  • Quando ascolta musica datata
  • Quando si lamenta della musica giovane
  • Quando loda una band sei suoi tempi
  • Quando scrive sui social imitando il linguaggio giovanile
  • Quando scrive sui social col proprio linguaggio
  • Quando sbaglia la grammatica
  • Quando scrive troppo bene
  • Quando sbaglia un emoji
  • Quando pensa che gli originali siano meglio dei remake
  • Quando va a letto troppo presto
  • Quando va a letto troppo tardi
  • Quando fa un lavoro normale
  • Quando fa (ancora) un lavoro creativo
  • Quando perde il lavoro e si lamenta
  • Quando si sposa
  • Quando posta foto dei figli
  • Quando fa serata
  • Quando l’hangover non passa più
  • Quando sostituisce la vacanza a Ibiza con quella alla SPA
  • Quando non capisce più la politica
  • Quando non capisce più il mondo che ha attorno
  • Quando si chiude nella retromania consolatoria

Lista arrotondata per difetto, le voci sarebbero praticamente infinite e, a parte quelle specifiche riguardanti i social, potrebbero appartenere ad ogni epoca, da quella in cui i quarantenni erano definiti matusa a oggi, in cui sono più prosaicamente definiti vecchi di merda. Fa parte della vita, non ce la dobbiamo prendere, l’abbiamo fatto anche noi quando era il nostro turno e anche se il cliché “prima però c’era più rispetto” è vero come la muerte, non è quello il punto.

Il centro della questione è: cosa deve fare un quarantenne per partecipare attivamente alla società senza essere messo ai margini? Che non sia più giovane l’abbiamo capito, però non è neanche vecchio. Il 40enne medio ha ancora 30 anni alla pensione (metaforica) e non accade raramente che si trovi in condizione di disagio economico. Purtroppo per lui, quando si facevano i soldi negli anni ’80 era ancora piccolo e ha iniziato a lavorare seriamente durante gli anni della crisi. Non molti 40enni hanno avuto il piacere di comprarsi la casa e stanno come avvoltoi ad attendere quella dei genitori, mentre l’orologio biologico corre.

Questo significa che chi ha voluto fare figli li ha già fatti e magari la relazione è andata male, con conseguenti avvocati, alimenti, sangue amaro etc., ma anche le famiglie felici non arrivano scialle alla fine del mese e qui non siamo in America che i figli si tolgono di casa a 16 anni: i giovani spesso vanno mantenuti fino all’indipendenza, che potrebbe non arrivare mai.

 

 

La vita dei 40enni è una bella merda, spesso e volentieri. Non ci sono le agevolazioni dedicate ai giovani, non c’è l’assistenzialismo per gli anziani, chi è senza lavoro non ha reali possibilità di trovarne un altro perché nessuno assume a cuor leggero un 40enne e chi è ha la fortuna di lavorare nello stesso posto da 10-20 anni si trova invischiato senza facoltà di carriera in una routine devastante (della quale deve anche ringraziare).

Quando ci si domanda cascando dal pero come mai l’Italia (o il mondo) sia diventata così cattiva (razzista, omofoba, culturalmente regredita etc.), dobbiamo mettere sulla bilancia il trattamento riservato ai quarantenni, un tempo colonna portante dell’economia della nazione, adesso una classe disagiata come poche, senza riferimenti ideologici, col futuro alle spalle, che tira a campare come può e intanto si arrabbia.

Invece di prendere per il culo i quarantenni sarebbe opportuno cercare un dialogo serio, perché se c’è una cosa sicurezza nella vita è che i ventenni di oggi saranno i quarantenni tra vent’anni e basta perdere di vista l’orologio per un attimo per accorgersi che il tempo è passato e da Instagram Star siete diventati vecchi di merda, con tutto quel che ne consegue: la vita vera fuori dalla bolla.

 

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2019"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2019”. Bag bianca cotone con illustrazione nera di Andrea De Luca.  
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >