Society
di Simone Stefanini 16 Maggio 2017

L’intervista ai piedi della Ferragni sul Corriere non sarebbe mai stata fatta a un uomo

Se Ryan Gosling avesse dei piedi brutti, scoppierebbe un caso internazionale? No, lo sapete benissimo.

Chiara Ferragni fotografata da Emily Weiss Into The Gloss - Chiara Ferragni fotografata da Emily Weiss

 

Viviamo strani giorni, cantava Battiato, e come fare a dargli torto, quando leggendo Style Magazine del Corriere della Sera versione digitale, troviamo un articolo in cui Andrea Passador intervista (per finta, ci tiene a specificare) i piedi di Chiara Ferragni?

Se non abitate in una zona della Luna in cui non prende il wi-fi, saprete che la donna più famosa in Italia degli ultimi tempi è Chiara Ferragni, fashion blogger e self made girl balzata agli onori della cronaca per aver ricevuto l’offerta di matrimonio da parte di Fedez in diretta durante un concerto. Cosa che di per sé dice tanto della società italiana in cui diventi famosa non perché ti sei creata un lavoro e una credibilità internazionale partendo da zero, ma perché il principe azzurro chiede la tua mano davanti a tutti.

https://www.instagram.com/p/BUJM-X_j8Iw/

 

Doverosa premessa a parte, Chiara Ferragni oltre che brava imprenditrice di se stessa è anche una bella ragazza a cui un difetto andava pur trovato e l’internet si è divertito come fanno i bulli alle medie, a dare contro i suoi piedi reputati brutti. Lo capiamo anche dalla Luna in cui il wi-fi non prende che è uno sticazzi grande come il cosmo, eppure impazzano i meme e quello che i politicamente corretti chiamano bodyshaming.

Bene, il magazine di stile del Corriere della Sera li ha portati alla ribalta facendo loro un’intervista immaginaria, dando loro la parola mutuata da quella di Andrea, il giornalista già fondatore de L’Oltreuomo, un sito a cui più volte è stato rimproverato l’approccio troppo maschilista. Basti pensare che l’articolo da cui è stata presa la lista sui pregi delle ragazze dell’est che ha fatto chiudere il programma di Paola Perego, era stata scritta sul sito di Passador.

 

Sunsets at the Griffith #AmericanDays

A post shared by Chiara Ferragni (@chiaraferragni) on

 

Nel pezzo sui piedi della Ferragni, che consideriamo sgradevole come minimo, ci sono un sacco di piccoli passi indietro in fatto di civiltà. Partiamo dal primo punto: se Ryan Gosling (attore, quindi prsona che lavora col proprio corpo) avesse dei piedi brutti, scoppierebbe un caso internazionale? La risposta è no e lo sapete benissimo, basterebbe solo questo per bollare l’articolo come sessista e passare oltre.

Nel pezzo di scrittura creativa, Passador crea una personalità crepuscolare ai suddetti piedi, che si sentono estranei al mondo della moda, lettori e dunque intelligenti, assumendo di fatto che bionda modella = stupida di default. Nel 2017 fa venire i brividi.

Questi luoghi comuni, condivisi da migliaia di ragazzine, fanno male soprattutto a loro, che magari si sentono più intelligenti di Chiara Ferragni e decidono di diventare ingegneri aerospaziali, oppure chirurghe di fama mondiale, per poi apparire una sera a una cena di gala e venir prese in giro per i propri piedi in tutto il mondo.

È quello che sta accadendo e il pezzo di Passador è la riprova che per fare un passo avanti, le cose vanno cambiate a partire dai dettagli.

 

✨ #AmericanDays

A post shared by Chiara Ferragni (@chiaraferragni) on

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >