Society
di Simone Stefanini 8 Marzo 2019

“Gli hipster sono tutti uguali”: ragazzo protesta per l’uso della sua foto, ma non era lui

Una figura atroce e tante risate

Ci sono notizie migliori delle altre, non c’è alcun dubbio. Questa, ad esempio, è eccezionale: il MIT Technology Review ha scritto una un articolo dettagliato dal titolo L’effetto hipster: perché gli anticonformisti finiscono per somigliarsi tutti. È interessante, vi consigliamo di leggerlo con attenzione, però questo è solo l’incipit della storia.

Come immagine di copertina dell’articolo, è stata usata una foto dell’archivio Getty Images che ritrae un ragazzo con camicia fashion/70s/boscaiolo, papalina di lana in testa, barba e sguardo tipico del “non me ne frega niente”. Un tipico hipster per come lo intende la comunità, un po’ artista, un po’ trasandato, fondamentalmente icona di un look che ha preso piede in tutto il mondo. Non siamo ancora arrivati alla linea comica. Eccola.

Un lettore imbestialito ha scritto alla rivista: “La vostra mancanza di etica giornalistica nel modo in cui avete riportato queste assurdità non accreditate e l’uso diffamatorio della mia foto usata senza permesso, esigono una risposta e, naturalmente, sto perseguendo un’azione legale nei vostri confronti.”

Caspita, proprio il ragazzo della foto. Ma è possibile che sia entrato a far parte dell’archivio Getty senza esserne al corrente?

 

Subito i redattori si sono attivati per risolvere la questione, che sembrava si basasse su un fatto abbastanza comico di per sé: un hipster che vuole denunciare un giornale che l’ha chiamato hipster. In realtà, chi ha editato il pezzo sa benissimo che la foto è stata usata in pieno accordo con l’agenzia che l’ha venduta, quindi il direttore creativo della testata si è rifiutato di cedere ai ricatti del lettore arrabbiato.

Dopo aver scritto direttamente a Getty Images per avere il nominativo del modello usato nella foto, quelli di MT Technology Review hanno avuto la conferma che non fosse lo stesso che aveva protestato. Allora hanno risposto all’hipster arrabbiato e lui ha chiosato la figura di guano con: “Oh, penso abbiate ragione, non sono io.”

Noi, osservatori di questo piccato fraintendimento, abbiamo riso molto.

FONTE | cbc.ca

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >