internet odia laura boldrini
Society
di Gabriele Ferraresi 26 Luglio 2016

Perché un pezzo di internet odia Laura Boldrini?

La Presidente della Camera ha più hater di chiunque altro: abbiamo provato a capire come mai

boldrini_anteprima Laura Boldrini Facebook

 

Ci sono soggetti che sembrano incanalare meglio di altri l’odio, anche e soprattutto online: uno di questi soggetti è un essere umano, si chiama Laura Boldrini ed è la Presidente della Camera dei Deputati.

Ma perché? Perché proprio lei riesce a catalizzare tutto questo odio, perché – purtroppo per lei – ci riesce meglio di tanti altri? È un po’ che me lo chiedo, forse è una domanda che dovremmo farci tutti. Vediamo.

Perché è una donna? Sì. Perché è una donna, in un Paese tutto sommato arretrato culturalmente e politicamente sul piano dei diritti civili e dell’uguaglianza di genere? Sì. Perché è una donna che occupa una posizione di potere riservata tradizionalmente agli uomini? Sì. Perché per un’area politica nebulosa, che va dal complottismo a 5 Stelle, all’emulazione fallita del fascismo delle destre italiane, è l’incarnazione del buonismo* più deteriore? Sì.

Perché più apertamente di altri si è schierata dalla parte dei migranti? Sì. Perché non fa nulla per rendersi simpatica? Ma perché dovrebbe, viene da rispondere: cosa deve fare, uno spettacolo comico o rappresentare un’istituzione? E in ogni caso, sì, anche per quello: almeno per una fetta di opinione pubblica minoritaria, ma molto rumorosa soprattutto online.

Una minoranza rumorosa aizzata dai titoli de Il Giornale [qui una query per farvi un’idea del certosino lavoro di titolazione] e di Libero [altra query per farvi un’idea] per esempio, da titoli di articoli che più che votati al clickbait, sono votati all’hate-bait, destinato a innescare l’odio di fan base Facebook composte da un pubblico che non chiede di meglio che lo sfogatoio, la character assassination, di menare a colpi di tastiera un elemento dello scenario politico italiano.

Ma che cosa odia davvero quel pubblico? Forse non lo sa nemmeno lui, ma non ha molta importanza: anche perché i quotidiani e le loro fan base sono solo un anello, una parte di un hating che affonda nelle fan page spazzatura di Facebook, e che nell’informazione tradizionale credo abbia solo marginalmente a che fare.

Andando ad analizzarle meglio le ragioni di questo odio chiunque si accorge che sono per prima cosa completamente irrazionali, completamente: eppure sono tangibili, le leggiamo, le vediamo tradotte sui social media – soprattutto Facebook – ogni giorno, e sono tangibili tanto più quando Matteo Salvini sale con una bambola gonfiabile su un palco e dice che è la sosia di Laura Boldrini. Ed è accaduto davvero, non è fantascienza, è successo.

 

 

La disgustosa bravata di Salvini però è solo la punta di un iceberg: quella che abbiamo visto in video è la rappresentazione ignorante, grottesca e sessista di un iceberg che galleggia nell’internet italiano da anni, fatto di contenuti diffamatori, meme, notizie bufala costruite intorno a false dichiarazioni che il personaggio Laura Boldrini per una fetta di internet avrebbe potuto rilasciare. Non l’ha mai fatto? Ma non importa, l’importante è odiare.

Ci sono pagine e pagine di bufale costruite intorno a lei: su bufale.net ne conto raggruppate un’infinità, idem su Butac, ovvero Bufale un tanto al chilo, anche lì, il paradiso del falso – ma del plausibile – per un certo tipo di pubblico. Ed è così da anni, anni, ormai: chi si ricorda più l’altra leggendaria bufala apertamente sessista, della Boldrini nuda in vacanza? Era l’aprile del 2013: se possibile le cose sono ancora peggiorate da allora.

*Ah: quelli che ce l’hanno col buonismo sono i nuovi fascisti, e io sono tanto d’accordo

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": PASSIFLORA, PEPERONCINO, MELANZANA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Passiflora Cerulea La passiflora è avvolgente, come un partner impetuoso, i suoi rami rampicanti circondano qualsiasi supporto possano incontrare. Governata da Venere, è usata negli incantesimi d’amore per dominare la passione. Il suo profumo intenso, infatti si accentua la sera conquistando così ogni tuo senso. Nella simbologia floreale ha virtù protettive, posizionata dinnanzi un ingresso evita intrusione. Peperoncino Peter Pepper Noto per la sua forma fallica, il Peperoncino Peter Pepper vi sorprenderà con il suo carattere deciso, il sapore aromatico e un grado di piccantezza adatto anche ai palati più delicati. L’attitudine erotica esplode in una rapida fioritura bianca per dare poi presto spazio ai suoi frutti. Adatto alla coltivazione in balcone, nella tradizione popolare è infatti una pianta da possedere per realizzare rituali di seduzione. Melanzana Bellezza Lunga Dimenticati della classica emoji perchè quello che stai per piantare è una “bellezza lunga”. La Melanzana contenente nel tuo kit avrà un aspetto fiero della sua struttura: eretta, alta almeno 30 cm, con frutti polposi e pronti per essere gustati in estate. Come ogni spasimante che si rispetti, prima di donarsi al tuo palato ti porterà in dono dei fiori. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 CUORE GRIGIO CHIARO

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W new silver (Grigio Chiaro), con illustrazione "Cuore" del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >