internet odia laura boldrini
Society
di Gabriele Ferraresi 26 Luglio 2016

Perché un pezzo di internet odia Laura Boldrini?

La Presidente della Camera ha più hater di chiunque altro: abbiamo provato a capire come mai

boldrini_anteprima Laura Boldrini Facebook

 

Ci sono soggetti che sembrano incanalare meglio di altri l’odio, anche e soprattutto online: uno di questi soggetti è un essere umano, si chiama Laura Boldrini ed è la Presidente della Camera dei Deputati.

Ma perché? Perché proprio lei riesce a catalizzare tutto questo odio, perché – purtroppo per lei – ci riesce meglio di tanti altri? È un po’ che me lo chiedo, forse è una domanda che dovremmo farci tutti. Vediamo.

Perché è una donna? Sì. Perché è una donna, in un Paese tutto sommato arretrato culturalmente e politicamente sul piano dei diritti civili e dell’uguaglianza di genere? Sì. Perché è una donna che occupa una posizione di potere riservata tradizionalmente agli uomini? Sì. Perché per un’area politica nebulosa, che va dal complottismo a 5 Stelle, all’emulazione fallita del fascismo delle destre italiane, è l’incarnazione del buonismo* più deteriore? Sì.

Perché più apertamente di altri si è schierata dalla parte dei migranti? Sì. Perché non fa nulla per rendersi simpatica? Ma perché dovrebbe, viene da rispondere: cosa deve fare, uno spettacolo comico o rappresentare un’istituzione? E in ogni caso, sì, anche per quello: almeno per una fetta di opinione pubblica minoritaria, ma molto rumorosa soprattutto online.

Una minoranza rumorosa aizzata dai titoli de Il Giornale [qui una query per farvi un’idea del certosino lavoro di titolazione] e di Libero [altra query per farvi un’idea] per esempio, da titoli di articoli che più che votati al clickbait, sono votati all’hate-bait, destinato a innescare l’odio di fan base Facebook composte da un pubblico che non chiede di meglio che lo sfogatoio, la character assassination, di menare a colpi di tastiera un elemento dello scenario politico italiano.

Ma che cosa odia davvero quel pubblico? Forse non lo sa nemmeno lui, ma non ha molta importanza: anche perché i quotidiani e le loro fan base sono solo un anello, una parte di un hating che affonda nelle fan page spazzatura di Facebook, e che nell’informazione tradizionale credo abbia solo marginalmente a che fare.

Andando ad analizzarle meglio le ragioni di questo odio chiunque si accorge che sono per prima cosa completamente irrazionali, completamente: eppure sono tangibili, le leggiamo, le vediamo tradotte sui social media – soprattutto Facebook – ogni giorno, e sono tangibili tanto più quando Matteo Salvini sale con una bambola gonfiabile su un palco e dice che è la sosia di Laura Boldrini. Ed è accaduto davvero, non è fantascienza, è successo.

 

 

La disgustosa bravata di Salvini però è solo la punta di un iceberg: quella che abbiamo visto in video è la rappresentazione ignorante, grottesca e sessista di un iceberg che galleggia nell’internet italiano da anni, fatto di contenuti diffamatori, meme, notizie bufala costruite intorno a false dichiarazioni che il personaggio Laura Boldrini per una fetta di internet avrebbe potuto rilasciare. Non l’ha mai fatto? Ma non importa, l’importante è odiare.

Ci sono pagine e pagine di bufale costruite intorno a lei: su bufale.net ne conto raggruppate un’infinità, idem su Butac, ovvero Bufale un tanto al chilo, anche lì, il paradiso del falso – ma del plausibile – per un certo tipo di pubblico. Ed è così da anni, anni, ormai: chi si ricorda più l’altra leggendaria bufala apertamente sessista, della Boldrini nuda in vacanza? Era l’aprile del 2013: se possibile le cose sono ancora peggiorate da allora.

*Ah: quelli che ce l’hanno col buonismo sono i nuovi fascisti, e io sono tanto d’accordo

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >