Society
di Lorenzo Mannella 30 Novembre 2015

Paperelle di gomma contro l’ISIS: ecco perché queste foto demenziali hanno senso

L’ironia è (quasi) sempre un’arma utilissima nella lotta contro il terrorismo

La bandiera del duck state imgur - La bandiera del Duck state, lo Stato islamico photoshoppato con le paperelle

 

La battaglia contro lo Stato islamico si combatte anche su internet, ormai lo sappiamo. Ma non ci saremmo mai aspettati di vedere messa in atto un’idea assurda come quella proposta da un utente di 4chan, il sito web dove puoi postare praticamente qualsiasi cosa: “Perché non ridicolizziamo l’immagine dell’ISIS rimpiazzando le facce su TUTTE le foto di propaganda con delle paperelle di gomma?” Ecco, lo hanno fatto veramente.

 

 

L’idea di photoshoppare le classiche papere gialle per la vasca da bagno sui volti dei miliziani dell’ISIS ha preso piede sulla rete, rimbalzando da 4chan a Reddit, Twitter e Facebook nel corso dell’ultima settimana. Un utente ha raccolto le immagini meglio riuscite in una gallery dal titolo ‘creates the duck state’. Dentro ci trovate un po’ di tutto, con uno stile demenziale che ha dell’assurdo.

L’ironia è un’arma che viene utilizzata molto spesso per combattere lo Stato islamico sul web. Per esempio, un gruppo di hacker ha oscurato un sito di propaganda dell’ISIS riempiendolo di banner che pubblicizzano il Viagra. In quel caso l’azione è stata un successo, ma in altre occasioni gli hacker hanno mancato completamente l’obiettivo, colpendo bersagli che non avevano nulla a che fare con i terroristi. A pensarci bene, l’innocuo passatempo di postare foto ridicole sui social potrebbe essere la scelta vincente.

 

Duck state imgur

 

Un po’ come è successo con gli abitanti di Bruxelles, che hanno risposto in modo insolito all’invito della polizia a non rivelare sui social network dettagli delle operazioni antiterrorismo in corso nella capitale. Soluzione? Postare foto di gattini. In poco tempo, l’hashtag #BrusselsLockdown si è trasformato in una raccolta di immagini deliranti.

Insomma, immaginate un flusso di informazioni sensibili come “ho visto la polizia che entra in quel palazzo, che succede?” o “ci sono posti di blocco, non mi fanno parcheggiare!” che d’improvviso viene sommerso da foto di gattini inutili e fuorvianti. È l’esatto contrario di #PorteOuverte, l’hashtag nato con lo scopo di indicare le case pronte ad accogliere persone in fuga durante la notte degli attentati a Parigi.

 

Guerriglieri del Duck state imgur

 

Purtroppo, l’ironia non può essere l’unica soluzione alla minaccia dell’ISIS. Esistono anche proposte decisamente fuori dagli schemi come quella avanzata dal fisico Carlo Rovelli: appoggiare il progetto di creazione dello Stato islamico. In poche parole, “normalizzare” le ambizioni dell’ala più moderata – se così si può definire – dell’organizzazione e spingerla verso la costruzione di una struttura più stabile e riconosciuta dai governi occidentali. Già, uno stato vero e proprio con cui trattare.

Scrive Rovelli: “Parlare con i nemici è sempre cosa difficile. Ma è la cosa giusta. L’Is è più debole di come lo si dipinge, la sua forza è solo la poca voglia altrui di andarlo ad abbattere. Dipingerli come mostri irrazionali è solo miope. Se si sono proclamati ‘stato’ è perché la loro aspirazione è uno stato. Nel momento in cui intravedessero la possibilità di realizzarlo, la carica eversiva si affievolirebbe e i deliri millenaristici perderebbero peso.

Per adesso tenetevi strette le paperelle.

FONTE | The Guardian

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >