maroni lega nord che guevara
Society
di Gabriele Ferraresi 3 Ottobre 2016

Sì, la Lega Nord ha utilizzato Che Guevara in un volantino

“La rivoluzione ha cambiato colore”, passando dal rosso al verde. Breve storia della fascinazione leghista per il guerrigliero e rivoluzionario argentino

anteprima_lega_maroni maroni lega nord che guevara  Tutto vero, non è un’allucinazione

 

Refrattaria a qualunque regola scritta e non scritta, al bon ton, al politicamente corretto, la Lega Nord si è sempre guadagnata titoli di giornali e voti alle elezioni attraverso una comunicazione spregiudicata, che fa storcere il naso ai salotti buoni ma nelle valli funziona alla grande.

Oggi poi, che la Lega Nord ha cambiato pelle dall’epoca Bossi a quella Salvini, non ci sono più limiti.

L’ultimo esempio? L’ha twittato Roberto Maroni

 

Troppo grande il salto da Che Guevara alla Lega Nord e al Movimento Giovani Padani? Chissà…

Più che un salto infatti è un warp situazionista talmente folle da arrivare quasi a incuriosire più che a indignare. Ma indigna noi, al target cui è destinato quel messaggio è probabile che il nome Che Guevara dica qualcosa di confuso, al massimo una frase sul diario di qualcuno, qualche citazione fumosa buona per tutto, dai Baci Perugina alla maglietta da vendere a Pontida, o comunque “rivoluzioni, Sudamerica, quelle cose lì”.

Anche perché quella per Che Guevara è una fascinazione tutto sommato non nuova per la Lega, che da sempre cerca di vestirsi da forza rivoluzionaria, sovversiva, in grado di scardinare gli equilibri tradizionali del potere.

Mentre insomma… non scherziamo: la Lega Nord è il partito che esiste da più tempo in Parlamento. Ha governato per anni, anni, in coalizione con il resto del centro destra. Fa finta di essere arrivata stamattina la Lega Nord, ma è in pianta stabile in quel di Roma Ladrona da più di vent’anni.

È una forza rivoluzionaria a parole – pensiamo alle fantomatiche “migliaia di fucili” di Bossi, altri tempi, era il 2008 – ed è bravissima far rivoluzioni da poltrona. Niente di male in tutto questo, è la naturale evoluzione di una forza politica che nelle elezioni dal 1987 a oggi ha preso i voti che vedete nel grafico qui sotto. Basterebbe solo ricordarsene e non fare la faccina stupita ogni volta.

 

schermata-2016-10-03-alle-17-17-22 Demos.it

 

Ma eravamo alla fascinazione della Lega Nord e dell’entourage verde padano per il rivoluzionario Che Guevara: se qualcuno addirittura inseriva il Che nel pantheon leghista commentando “È stato il primo leghista della storia“, Matteo Salvini per esempio raccontava a La Zanzara tempo fa di andarci addirittura in giro da ragazzo con la spilla del Che. “Sono stato capolista dei comunisti padani, ero comunista. Non rinnego nulla. E oggi faccio sempre battaglie dalla parte degli ultimi e degli operai e dei meno fortunati. Oggi la Lega fa battaglie che una volta erano di sinistra, più del Pd. Andavo in giro – ricorda Salvini – con una spilletta di che Guevara insieme alla bandiera dei Paesi Baschi, per solidarietà agli indipendentisti”.

E pure qui a livello di warp situazionista, siamo messi bene. Ma anche Maroni, che prima della Lega Nord ha avuto un passato di estrema sinistra in Democrazia Proletaria per cui ha simpatizzato fino al 1979 – ma la cosa migliore penso sia sempre ricordarlo ai tasti di un organo Hammond, più che per il suo contributo alla politica italiana degli ultimi vent’anni – a volte ha citato Che Guevara, ma in fondo, nulla di strano.

C’è forse questo equivoco sugli “ultimi” giusti dalla parte di cui stare… perché ci sono gli “ultimi” del Che e quelli di Salvini, che forse non so, non so se siano proprio proprio gli stessi. Ma nell’epoca del post-politico, del post-tutto, questo è un ragionamento che è inutile fare: meglio mettersi a contare i retweet.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": PASSIFLORA, PEPERONCINO, MELANZANA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Passiflora Cerulea La passiflora è avvolgente, come un partner impetuoso, i suoi rami rampicanti circondano qualsiasi supporto possano incontrare. Governata da Venere, è usata negli incantesimi d’amore per dominare la passione. Il suo profumo intenso, infatti si accentua la sera conquistando così ogni tuo senso. Nella simbologia floreale ha virtù protettive, posizionata dinnanzi un ingresso evita intrusione. Peperoncino Peter Pepper Noto per la sua forma fallica, il Peperoncino Peter Pepper vi sorprenderà con il suo carattere deciso, il sapore aromatico e un grado di piccantezza adatto anche ai palati più delicati. L’attitudine erotica esplode in una rapida fioritura bianca per dare poi presto spazio ai suoi frutti. Adatto alla coltivazione in balcone, nella tradizione popolare è infatti una pianta da possedere per realizzare rituali di seduzione. Melanzana Bellezza Lunga Dimenticati della classica emoji perchè quello che stai per piantare è una “bellezza lunga”. La Melanzana contenente nel tuo kit avrà un aspetto fiero della sua struttura: eretta, alta almeno 30 cm, con frutti polposi e pronti per essere gustati in estate. Come ogni spasimante che si rispetti, prima di donarsi al tuo palato ti porterà in dono dei fiori. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
25,00 €

Maglietta de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Maglietta in edizione limitata per il concerto di Andrea Laszlo De Simone.  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >