Society
di Simone Stefanini 13 Giugno 2018

I peggiori fan con cui vi può capitare di discutere

I fan sono quasi sempre fastidiosi. Lo sappiamo perché lo siamo tutti, di qualcosa o di qualcuno. Ecco alcuni esempi di persone con le quali ragionare è impossibile

Amici, vi sarà capitato almeno una volta di stare a litigare con perfetti sconosciuti sui social e di fare una figuraccia davanti a tutti per aver tentato di convertire chi non la pensava come voi. Quello è il caso in cui siete fan insopportabili, totalmente dedicati alla causa come dei Talebani di Geova di Scientology. Non ammettete contraddittorio, schiumate dalla bocca, emettete fumo denso dalle narici, vi si gonfia una vena importante e adottate lo sguardo della tigre tanto caro a Rocky 3-4. Entrate in loop come androidi malfunzionanti che ripetono sempre le solite parole, non importa se il vostro interlocutore tenti di ricondurvi a ragione con tutta una serie di ragionamenti competenti, articolati e interessanti, non lo ascoltate davvero, vi fornisce solo benzina che alimenta il fuoco eterno dell’antipatia a pelle. Ecco alcuni esempi lampanti.

 

Juventus

Il classico dei classici: se fate il tifo per la Juventus, a ogni discussione in merito a presunti furti, partite vinte a culo, arbitri collusi e quant’altro risponderete con “Voi siete sotto”, “Quanti scudetti avete vinto?”, “Quanto rosicate?” o formule più colorite. Nessuna possibilità di replica, ok siete bravi solo voi.

 

M5S

Le discussioni politiche sui social sono totalmente inutili perché le posizioni si polarizzano ancora di più e non c’è modo di confrontarsi civilmente. I fan del Movimento 5 Stelle in questo caso hanno le risposte preconfezionate senza chance di contraddittorio: “E allora il PD?”,”Renzi non era nemmeno eletto”, “Quanto rosicate?”, “Radical chic”, “Buonisti”, “Complotto”, “Lasciateli lavorare”, “Hanno tutti contro”. Non è per niente facile così.

 

Dio

Un personaggio fantasy che da generazioni ha un fan club potentissimo, in grado di influenzare la vita degli esseri viventi a tutti i livelli. Nel caso di una discussione con i fan di Dio (o di tutti gli altri dei disponibili sul mercato), essi risponderanno con frasi dell’Antico Testamento, scritte dall’Ufficio Stampa di Dio almeno 2000 anni fa, epoca in cui la donna era un suppellettile, le dispute si risolvevano col sangue e in ogni caso, Israele era il popolo eletto. Abbandonate il “confronto” finché siete in tempo.

 

Westworld / Twin Peaks

I fan delle serie tv criptiche, che generano un milione di teorie e non si risolvono linearmente, sono terribili. Hai voglia a dirgli che una serie tv, essendo un prodotto di intrattenimento, possa esser fruita anche in modo superficiale, giusto per, senza dover leggere libri di approfondimento o stare attenti anche al minimo movimento di camera, e quindi possa risultare noiosa per il pubblico generalista. Invece di provare a fare un passo laterale, vi risponderanno che non capite niente, che non siete culturalmente adeguati, che è meglio se guardate Il Segreto, che non siete critici cinematografici (mentre loro sì?). Dispiace rispondere che alla fine si vive bene lo stesso.

 

Radiohead / Pearl Jam 

Da quanto tempo queste due band monumentali non fanno un disco interamente decente? Anni? Decenni? Se però lo fai notare ai fan, apriti cielo. Queste due band sono una religione e non si discutono, neanche quando fanno tour sperimentali e noiosissimi in cui anche i fan di cui sopra aspettano solo le hit da cantare fino a farsi seccare la voce. Questa cosa però non la ammetteranno mai. Fingeranno di sapere tutte le parole del nuovo singolo orribile, salteranno di gioia durante lati B o pezzi mai suonati prima per manifesta inferiorità. Poi arrivano Black o Creep e devono farsi un tranquillante in vena per non esplodere di gioia e non urlare “Finalmente, cazzo, ci voleva tanto?”.

 

Il militare

“I giovani di oggi sono tutti stronzi e gli ci vorrebbe il militare”.  Boh, magari se li reputate così ,ci sono un sacco di fattori da analizzare, molti dei quali in voi stessi, che non possono solo essere ricondotti alla mancata leva obbligatoria. Se non sbagliamo fu tolta anche per i molti scandali sessuali, di violenza o di bullismo che hanno rovinato tanti ragazzi. Leggere di più potrebbe essere una cosa interessante, ma perché non date il buon esempio ed iniziate voi?

 

Vasco

Eh oh. Parlarne sarebbe ridondante, vedi Radiohead / Pearl Jam ma con meno proprietà linguistica.

 

Ai miei tempi

“Ai miei temi era tutto migliore: niente cellulari, niente tatuaggi, niente musica di merda, niente africani, niente omosessuali, niente droga, si rigava dritto e ci si divertiva con poco.” Bravo, torna ai tuoi tempi e non romperci i coglioni.

 

 

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 VERDE

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W verde, con illustrazione completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >