Society
di Sandro Giorello 16 Dicembre 2015

Sono andato al raduno nazionale di Star Wars senza sapere nulla di Star Wars

Andare al raduno Nazionale di Star Wars a Roma e rischiare di prenderle

Star-wars-raduno-nazionale  Come non sai chi sono? Ti uccido allora (ph. Daniele Pomposiello)

 

Provate a camminare a San Lorenzo ascoltando John Williams: i pilastri della tangenziale vi sembreranno le gambone dei camminatori AT-AT, la macchina che pulisce le strade l’astronave di Boba Fett e pure il panzerotto che gocciola ‘nduja venduto davanti all’Ex Dogana vi ricorderà il Millenniun Falcon. Insomma, in un attimo tutto può diventare una scena di Star Wars. Ma io di Star Wars non ne so niente: non conosco nemmeno uno dei sei film e molto probabilmente non andrò a vedere il settimo che esce oggi. Ho visto Balle Spaziali, tutti gli episodi di Lego Star Wars (bellissimi), mio cugino aveva X Wing sul PC. Stop. Tutti i nomi dei personaggi che cito in questo articolo li ho trovati su Google.

 

raduno-nazionale-Star-Wars  Un nazista (ph. Daniele Pomposiello)

 

Quando arrivo all’Ex Dogana non c’è quasi nessuno. Chiacchiero con Costantino, uno dei fotografi presenti che mi mette subito in guardia: “non sai niente di niente? Ti consiglio di stare attento che qui son permalosi sull’argomento”. Cominciamo bene. Sul muro proiettano filmati LOL a tema stormtrooper, nell’altra sala un’orchestra di fiati sta facendo il soundcheck, tanti bambini si sfidano con le spade laser. C’è un giapponese vestito da prete ma ha sottobraccio un casco di Darth Vader. Un altro con le scarpe da ginnastica, i pantaloni della tuta, una specie di maglia da calcio e una maschera di Darth Vader tutta schiacciata. Il dj, che sembra un incrocio tra la principessa Leila ed il producer Gonjasufi – ma poi Costantino mi spiegherà che non è un personaggio di Guerre Stellari, semplicemente ha deciso di vestirsi così – mette musica tratta dai film, spesso remixata in chiave dubstep.

 

Star-Wars-raduno-nazionale-  Il dj (ph. Costantino Volpe)

 

Le principesse sono tutte affascinanti. Una si è presentata mezza nuda creando non pochi problemi logistici, un’altra ha i capelli raccolti, tipo girella Motta, ma è vestita da Darth Vader e la cosa mi confonde un po’. Ci sono principalmente tre tipi di girelle: quelle poco sopra il collo, quelle che coprono le orecchie, quelle più in alto ancora che fanno un po’ Minnie. Poi ci sono le principesse senza girelle, quelle con la coda di cavallo, con lo chignon e con altre pettinature ancora. Tutte bellissime, sia chiaro.

 

Star-wars-raduno-nazionale  Le tipe con le girelle (ph. Costantino Volpe)

 

Quando nella sala del dj faccio notare a chi mi sta a fianco che il pezzo che stiamo ascoltando, in realtà, è di Jurassic Park (Shazam conferma) vengo guardato malissimo un po’ da tutti. Ed io che ero venuto con l’obiettivo di scoprire la storia di Guerre Stellari chiedendola direttamente ai suoi “protagonisti” presenti in sala (in particolare mi interessa quel punto dove si scopre che Darth Vader è il padre di Luke Skywalker ma i due, nonostante il legame famigliare, si menano lo stesso). Devo rivedere il mio piano.

Provo allora a farmela spiegare da un bambino stormtrooper: “Nel primo ci sono due Jedi, uno è il padawan e uno è il maestro. Il maestro si chiama Qui gon jinn, il padawan Obi-Wan Kenobi. Obi-Wan, con dei conoscenti, va su tipo una postazione e poi, senza che se ne accorgano, i conoscenti muoiono perché la navicella esplode. Intanto Qui gon jinn e Obi-Wan Kenobi stanno andando per ordine del Senatore Palpatine, un cattivo che fa finta di essere buono, il suo vero nome è Darth Sidious. Poi i jedi, con la forza avvertono che i cattivi hanno un piano per far costringere la regina di fare un trattato e, sempre con la forza, capiscono anche che la vogliono ammazzare”. Non mi è sembrato il caso di chiedergli anche di come è andata tra Darth Vader e suo figlio.

 

spade-laser  Tutti per uno, uno per tutti (ph. Daniele Pomposiello)

 

Un capitolo a parte meritano le spade laser. Noto una certa euforia: “Questa sono nove anni che ce l’ho e non era ancora uscita di casa, non puoi capire”,  commenta un cosplayer. Ce ne sono a croce, di quelle allungabili o addirittura doppie tipo bastone. Ne ho anche trovata una che funziona solo se collegata alla presa di corrente, in pratica puoi attaccarla al muro di casa e no, i combattimenti non li fai.

Decido che è meglio andare a casa, la situazione inizia a degenerare. L’orchestra ormai sta suonando i pezzi dei Blues Brothers, un tipo intervistato per una TV dichiara che era più bello quando Star Wars lo conoscevano in pochi (cioè prima che uscisse?), un paio di stormtrooper si mettono in posa tenendosi la fronte a vicenda come se stessero per vomitare e c’è un Darth Vader che da dieci minuti buoni è chino su una sigaretta che non riesce a rollare, ma si ostina ad indossare la maschera lo stesso. Esco e mi imbatto in un ragazzo che sembra un enorme Spongebob bluastro. Uno mi risponde: “È Ian Solo, è il comandante del Millennium Falcon che viene catturato da Boba Fett tramite ‘na specie de tradimento con un suo amico, che lo tradisce appunto, e viene congelato in una lastra di metallo e consegnato a Jabba The Hutt, che era poi quello a cui doveva molti soldi”. Ok non importa.

 

star-wars-raduno-nazionale-2  Spongebob (ph. Daniele Pomposiello)

 

Fuori dal cancello dei ragazzi vestiti normali mi chiedono com’è la festa. Io gli dico che ci sono quasi tutti personaggi e poi c’è un’orchestra che suona tutte le musiche dei film. Sfodero la mia conoscenza su John Williams e gli faccio notare che quella che stiamo sentendo in lontananza è il tema principale dell’episodio IV. “Si la conosciamo, ovvio”. Ok, ci ho provato.

Per la cronaca, per un spada laser media ci vogliono almeno tre pile. Così dice il bambino stormtrooper.

 

Star-wars-raduno-sub-zero  Sub zero di Mortal Kombat (ph. Costantino Volpe)

 

star-wars-raduno-roma  Why you’re so serious? (ph. Costantino Volpe)

 

Star-wars-raduno-roma-4  Sullo sfondo il bambino Stormtrooper (ph. Daniele Pomposiello)

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >