Society
di Gabriele Ferraresi 1 Dicembre 2016

Come commentare il referendum qualunque sia il risultato finale

Comunque vada, prepariamoci a chiacchiere da bar peggio che nei mesi scorsi: sgusciate via dalle chiacchiere con questo manuale

Pregevole illustrazione  Pregevole illustrazione

 

Visualizziamo il futuro: lunedì mattina sapremo com’è andato referendum costituzionale del 4 dicembre. Che vinca il o il No a noi importa il giusto, principalmente perché non ne possiamo più e da tempo, è tutto tremendo, a parte la canzone di Bello FiGo, quella ci era piaciuta. Il resto mica tanto: ma il risultato ce lo troveremo di fronte lunedì mattina. Inevitabile.

Ma Dailybest ha pensato a voi, care lettrici e cari lettori, che volete sgusciare via da ogni confronto lunedì mattina davanti alla macchinetta del caffè.

Ecco così manuale di conversazione in 10 pratiche mosse per praticare autentico jujitsu dialettico con i vostri avversari alla macchinetta del caffè. Ricordate che nella filosofia orientale alla base di questa raffinatissima arte di difesa dagli scocciatori referendari si sostiene che “il morbido vince sempre sul duro”.

“Ah caro mio, adesso viene il bello!”
Adesso quando? Adesso adesso, stamattina? Adesso che chiunque abbia vinto ci saranno regolamenti di conti – politici – inimmaginabili per il cittadino medio? Considerato che al cittadino medio i regolamenti di conti politici interessano quanto una gatta di polvere sotto il letto matrimoniale, è un adesso di relativa importanza. Aprite la bustina, mescolate il caffè.

“Ma tanto non cambia niente, il Paese è fermo…”
Qualunquistata con cui il vostro interlocutore potrebbe chiedervi “Va be’, ma dimmi dei numeri, sennò sono chiacchiere” e infatti sì, sono proprio chiacchiere da bar! Per cui non vi serve alcun dato a suffragare un’opinione che zittirà gli astanti, lasciandoli meditabondi sui loro cappuccini col cuore. Prendete la porta, annodando la sciarpa, con sguardo intenso.

“Adesso si potrà parlare di cose davvero importanti”
Il cuore pulsante del benaltrismo, amiche e amici, utile in ogni occasione! Ma quali sono esattamente queste altre cose importanti? Dove sono? Chi le decide? Come si fa a far diventare le cose importanti? Che importa! Sappiate che a questo punto il diagramma del pensiero potrà portarvi su disoccupazione, lavoro dei giovani, scuola, industria, debito pubblico. Yawn.

“Eh, non ci può fidare più dei sondaggi”
Colpetto cerchiobottista mica male questo, che permette di spostare la conversazione dal risultato, qualunque esso sia, alle colpe. Dare la colpa a qualcuno è sempre divertente e svia l’attenzione, per cui date la colpa a qualche sondaggista. Di solito c’è sempre qualche sondaggista che sbaglia, chissà chi sbaglierà a questo giro. Ordinate con calma un caffè ristretto.

“Finalmente ci han fatto votare per qualcosa!”
E quando tornerete a casa, date a un grillino questa carezza gentista: e dite lui che questa è la carezza referendaria. Con tutta la passive aggressiveness di cui siete capaci gettate in pasto alla folla questa affermazione importante, dura, che vi farà emergere come tutori della democrazia autentica, quella dove si vota. Colpo da maestri questo, se il giorno prima non andate a votare.

“Tanto alla fine paghiamo sempre noi”
Paghiamo cosa, di preciso? Il conto del bar? Le camicie stirate in lavanderia? Il radicchio in offerta al supermercato? Comunque paghiamo “noi”, e i “noi” quando vi trovate in un bar, sono un grande, potente, rabbioso inconscio collettivo cui non importa un fico secco di niente, ma solo dei soldi che deve pagare in tributi e balzelli. Tutti odiano pagare le cose.

“Che brutta campagna che han fatto… per fortuna è finita”
Un po’ il classico “ne usciamo tutti sconfitti“, peraltro vero in questa occasione, in cui mai come per il referendum costituzionale ne sono usciti tutti male, sia la coalizione del Sì, che del No, in una guerra di propaganda che solo in alcuni romanzi distopici avevamo potuto scrutare in anticipo. Puntate sul relax, sulla gratificazione futura.

“Adesso comunque, figurati se non si mettono d’accordo”
Di nuovo: chi, come, quando, perché si metterà d’accordo e su cosa? La secolare tradizione di un Paese che negozia tutto emergerà chiaramente. Fate in questo caso leva sull’italianità: l’italianità è un valore molto importante quando vi trovate in un bar, valore condiviso e apprezzato, soprattutto dal barista. Opzione meno valida in caso di bar gestito da cinesi.

“E adesso di cosa parliamo?”
Affermazione importante, nel giorno in cui tra l’altro ci sarà una cosa ben più importante di cui discutere, ovvero l’ultimo episodio della più bella serie tv degli ultimi tempi: WestWorld. In ogni caso, buttatela in caciara così, con un sorriso, al lunedì mattina la gente ha già le palle girate che deve andare a lavorare. Leggerezza e cazzeggio, sempre.

“Va be’, ma a Capodanno allora cosa fate?”
Scacco matto.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

70,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >