Society
di Elisabetta Limone 30 Aprile 2020

Solidarietà Italia-Cina: gli scambi reciproci tra i primi due paesi colpiti dal virus

L’Italia è stato il primo stato occidentale colpito dal COVID-19, mentre la Cina è stata la prima nazione al mondo a ritrovarsi a gestire l’epidemia. Quando questi due paesi si sono ritrovati in piena emergenza, le manifestazioni di solidarietà non si sono fatte attendere. In particolare, l’Italia di recente è stata oggetto di diverse dimostrazioni di amicizia che hanno riguardato la fornitura di mascherine, ventilatori polmonari e altri dispositivi di sicurezza, ma anche l’invio di medici e infermieri stranieri arrivati per lavorare con i colleghi italiani. Un ruolo di primo piano è stato assunto dalla Cina, che ha messo a disposizione la sua esperienza e ha donato materiale medico. Vediamo di analizzare più nel dettaglio quali sono stati i principali scambi intercorsi tra questi due paesi.

La Cina arriva in soccorso dell’Italia

Gli ottimi rapporti tra Italia e Cina si sono tradotti in autentica solidarietà nell’affrontare l’emergenza COVID-19. La Cina ha infatti subito mostrato di avere a cuore la situazione italiana. Diversi carichi di aiuti contro il coronavirus sono stati inviati dalla Croce rossa cinese e dal governo, portando in Italia bancali di ventilatori, respiratori, elettrocardiografi, mascherine e altri presidi medico-sanitari. È stato offerto all’Italia anche il know how maturato dalla Cina sul coronavirus e veicolato da una task-force di 9 medici specialisti guidati dal vicepresidente della Croce Rossa cinese, Yang Huichuan, e dal professore di rianimazione cardiopolmonare, Liang Zongan. Non sono state solo le istituzioni cinesi ad aver sostenuto l’Italia, ma hanno partecipato concretamente anche le associazioni filantropiche. A marzo 2019 il China-Italy Philanthropy Forum aveva posto le basi per promuovere la solidarietà internazionale, che di fronte alla contingente emergenza ha dato prova di grande reattività. I filantropi cinesi hanno raccolto aiuti e acquistato in Cina beni necessari per gestire l’emergenza, mentre quelli italiani si sono coordinati con l’Ambasciata italiana in Cina sostenendo, anche finanziariamente, il ponte aereo per il trasferimento degli aiuti.

I casi di solidarietà reciproca tra i due paesi

Nell’emergenza COVID-19 la Cina e l’Italia si sono mostrate vicine, strette in una relazione di vicendevole supporto, come testimoniato da numerosi episodi. Per esempio, l’organizzazione italiana Ai.Bi – Amici dei Bambini, attiva dal 2008 in Cina come ente autorizzato all’adozione internazionale e dal 2013 in supporto alle attività della Casa di accoglienza “Vittorino Colombo” di Xi’an, è stata recentemente ringraziata dal CCCWA – China Centre for Children’s Welfare and Adoption per il lavoro svolto nel reperire materiale medico per l’emergenza Coronavirus negli istituti per l’infanzia cinesi. Grazie all’Ai.Bi e al contributo di realtà imprenditoriali italiane che hanno sostenuto la causa come Pisa, la storica orologeria di Milano, sono stati raggiunti cinque istituti cinesi e sono state raccolte oltre 30mila mascherine durante la fase più critica. La reciproca solidarietà che lega Italia e Cina è testimoniata anche dal comportamento di Fk Group di Dalmine nel bergamasco. Durante la piena emergenza in Cina, l’azienda ha inviato all’impresa partner cinese, la Pgm System, in tempi record e a prezzo di costo, i macchinari destinati al taglio dei tessuti per realizzare camici chirurgici monouso, donando anche duemila mascherine. Ora che l’emergenza si è spostata in Italia, la Pgm System sta ricambiando gli aiuti, si è dichiarata pronta ad aiutare e ha già inviato 750 mascherine. Dal mondo del vino, invece, arriva il progetto Ganbei, che mira a raccogliere fondi per acquistare materiale sanitario in Cina e a trasferirlo con un ponte umanitario in Italia, sensibilizzando soprattutto il mondo vitivinicolo.

In un momento difficile per il nostro paese, la solidarietà tra gli Stati sta avendo un ruolo importante e nel prossimo futuro sarà ancora più centrale per riuscire tutti insieme a sconfiggere il virus.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >