Society
di Simone Stefanini 6 Settembre 2017

Vinci un stage con Carpisa, l’annuncio che ha fatto arrabbiare tutti

Il concorso è vincolato all’acquisto di una borsa da donna e la richiesta è enorme: elaborare un intero piano di comunicazione per il lancio di un nuovo prodotto

 vinciconcarpisa

Concorso Carpisa, vinci uno stage. Un messaggio che potrebbe far gola a molti disoccupati, dal momento che il premio del contest è uno stage della durata di un mese, retribuito con 500 €, presso l’ufficio Marketing & Advertising dell’azienda a Napoli.

Cosa c’è che non va? Un bel po’ di cose in realtà. La prima è che la candidatura è vincolata all’acquisto di una borsa da donna della collezione autunno inverno 2017/2018, e già l’uscita non è delle più felici. Perché mai per candidarmi a uno stage dovrei comprare una borsa da donna?  A naso, sembra sia un modo per restringere il target alle sole ragazze, categoria già di per sé meno protetta a livello lavorativo e sociale.

Addentriamoci nello specifico: cosa dovrebbe fare la candidata per poter essere esaminata da una imprecisata giuria? Si parte male con la descrizione: possono partecipare al concorso Carpisa tutti i consumatori finali maggiorenni di età compresa tra i 20 e i 30 anni residenti in Italia. Consumatori finali, sembra una cazzo di condanna a morte.

 

 vinciconcarpisa

 

Dopo aver comprato la borsa, il (la) candidato (candidata) dovrà elaborare un piano di comunicazione per il lancio sul mercato della Capsule Collection Carpisa, quella firmata da Penelope e Monica Cruz, che se sapessero di questo scherzetto magari si incazzerebbero pure.

Avete presente che significa elaborare un piano di comunicazione?

  • definizione dei punti di forza e il messaggio del prodotto
  • analisi del posizionamento del brand
  • evidenza degli obiettivi del lancio
  • definizione del target di riferimento
  • definizione del budget
  • dettaglio delle tattiche ed elenco delle azioni di comunicazione

Un lavoro che, come spiega bene Carlotta Silvestrini in questo articolo, le agenzie affidano di solito a un team formato da 6-8 professionisti: “un analista, due strategist, un project manager, almeno un grafico, almeno un advertiser“. Inoltre, il bando scade il 6 settembre e il lavoro richiesto necessita di almeno 4 mesi di lavoro, per un costo che si aggirerebbe intorno ai 25.000 € come minimo.

In sostanza, Carpisa vuole che tu compri una borsa inutile e che in seguito tu gli elabori tutta la strategia comunicativa per il lancio di un nuovo prodotto, per vincere uno stage nell’ufficio marketing napoletano e metterti in tasca la bellezza di 500 €. Nessuna certezza di assunzione successiva. Non bisogna essere usciti fuori dalle 7 stagioni di Mad Men per capire che l’azienda, grazie a questo contest, potrà sfruttare le idee dei candidati per imbastire una campagna pubblicitaria a spese ridotte.

 

 vinciconcarpisa

 

Dall’analisi di Carlotta Silvestrini (digital rebranding strategist), escono fuori questi dati:

“Pianoforte Holding, di cui fa parte Carpisa, ha chiuso il 2016 con un fatturato che ha superato i 300 milioni di euro, un EBITDA di 35 milioni e utile ante imposte di oltre 12 milioni (Fonte). In particolare Carpisa (Kuvera SpA) chiude il 2016 con € 146.208.362,00 (Fonte).”

Possibile che un’azienda in piena salute debba usare tali mezzucci, vincolando i candidati all’acquisto di un prodotto e all’elaborazione di un piano strategico che necessita ore ed ore di lavoro, solo per tentare di partecipare a uno stage in un ufficio marketing nella città col reddito pro capite tra i più bassi d’Italia? Evidentemente sì, andando incontro a uno dei trend più vergognosi, lo sfruttamento dei lavoratori.

 

FONTE | Linkedin

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >