Society
di Chiara Longo 24 Marzo 2016

Walter Nudo è tornato e vuole essere un rocker bello, maledetto e intenso

Karateka, pugile, uomo di spettacolo, naufrago sull’Isola, imitatore, musicista: il ritorno di un uomo che ha fatto tutto

Walter Nudo  Un intenso Walter Nudo

 

Da appassionata di folk rock americano, mentre gironzolavo tra i video di Eddie Vedder, Bruce Springsteen e uno stralcio di colonna sonora di Sons of Anarchy, ho scoperto che in Italia abbiamo un interprete non solo musicale ma anche iconografico di questo genere: non sto parlando di un cantautore indipendente con la chitarra in spalla, ma nientepopodimenoche di Walter Nudo. Walter Nudo e rock americano? Facciamo un passo indietro.

Se per qualche motivo a me inspiegabile non siete aggiornati sulla caratura di questo eclettico personaggio, niente paura, vi raccontiamo noi i punti salienti della sua fulgida carriera. Walter Nudo è nato in Canada da genitori italiani, ma ha vissuto sempre a Genova dove ha intrapreso contemporaneamente la carriera di karateka e pugile e quella di uomo dello spettacolo, dove per uomo dello spettacolo intendiamo veramente tutto lo spettacolo esistente.

Studia recitazione a Los Angeles e a Roma, ma per mantenersi fa anche lo spogliarellista; raggiunge la popolarità grazie ad alcune ospitate al Maurizio Costanzo, e alla fine arriva anche a condurre uno show con Michelle Hunziker, Colpo di Fulmine, in cui un mezzo stalker è autorizzato a seguire una preda e a portarla fuori a cena. Wikipedia riporta che nell’anno in cui Nudo arrivò alla conduzione del programma ci fu un drastico calo di ascolti che portò alla chiusura dello stesso, ma con questo non vogliamo insinuare nulla.

 

Ancora un intenso Walter Nudo  Ancora un intenso Walter Nudo

 

In ogni caso entra nel cuore delle italiane per il suo aspetto bello e maledetto, e dopo aver recitato nella crème de la crème della fiction italiana (Incantesimo e Carabinieri, tra gli altri), decide di portare il suo talento a un livello superiore, per l’esattezza all’altezza dei pettorali, che gli fanno vincere la primissima edizione de L’Isola dei Famosi, in cui si distingue per alcune perle di saggezza come “Mangia tutto quello che la natura ti offre”. Qualche mese fa il suo agente Lele Mora aveva dichiarato di aver comprato diversi call center per farlo vincere, ma anche con questo non vogliamo insinuare nulla.

Nel 2011 una nuova straordinaria abilità si manifesta, ovvero quella di scrittore: ispirato da “l’abbraccio invisibile della mistica Natuzza Evoloscrive il libro “Ho alzato lo sguardo” sulla ritrovata fede. (Natuzza Evolo fu una mistica rinchiusa in manicomio per isteria dalla stessa Chiesa Cattolica negli anni ’40 e sconfessata successivamente tramite un’analisi ematica dal CICAP, ma con questo, nuovamente, non vogliamo insinuare nulla).

 

Un intenso Walter Nudo? Un intenso Walter Nudo  Un intenso Walter Nudo? Un intenso Walter Nudo

 

Poi tra qualche film in Italia e in America, affina le sue skills a Tale e quale show, riuscendo nell’impresa di imitare Cher ed Elvis e sembrare un transessuale in entrambe le occasioni. Nel 2015 ha una parte accanto a Sharon Stone nella serie tv “Agent X”, che viene cancellata dopo una stagione: malpensanti, starete mica insinuando qualcosa?

Quindi tra attore, imitatore, sportivo e scrittore una carriera da cantante deve essere sembrata a Walter Nudo un’idea brillante per completare il curriculum o, almeno per variare le pubblicazioni sulla sua pagina Facebook fatte soprattutto di selfie accompagnati da bollettini meteorologici, video a caso e foto di addominali risalenti al 2003.

Oggi c è’ il sole a milano. Yes man Che figata !

Pubblicato da Walter Nudo su Giovedì 17 marzo 2016

 

E così arriviamo al suo primo singolo da solista, anche se scopriamo che sin dal 2007 Walter Nudo si esibisce con la sua band con un repertorio di cover. L’inedito si chiama “Take me”, di cui vi riportiamo un estratto del testo, che nonostante sia in inglese non è per nulla difficile da capire anche da chi non se ne intende, questo anche grazie alla pronuncia di Walter Nudo, che definiremo basic.

 

Scein da pla ghitar
finchin abauc iu beibe
en ue iu a
ranin daun
fil mor toz
a linel bret uen
iu chem ecros
a si iu eniue
sins da dei
is uenin ir
v’ s’lver uei
aim tra tu discraib
dis filin insaid
ai chenno meik i beibe
ba luk in ior ais
plis forghiv mi
aim no de strongh
gia strusci d uords
ded a gu so
teik mi rai tu d mon
teik mi e no let mi go
sciò mi ders no fir
plis sciò mi nau uod is lov

 

Eccetera eccetera. Il brano è un bel pezzone pop con le chitarre acustiche e la cassa in quattro, un po’ Lumineers un po’ campo scout, e assomiglia ad almeno altre quattro canzoni che ho in testa.

Ma ciò che colpisce davvero è il video. Da una parte Walter Nudo sembra dire “Beccatevi sto sogno americano, poracci” cavalcando una Harley Davidson, bellissimo e dannatissimo, dall’altro sembra un riassunto della sua intera carriera per come la conosciamo fino ad ora.

Ma analizziamo il video passo per passo. Tanto per cominciare, nel suo personale Into The Wild, Walter Nudo si mostra davanti a una chiesa con una chitarra (non che gliela si veda veramente suonare, ma come sopra, non vogliamo insinuare nulla) a sottolineare il suo carattere di uomo di fede.

Intorno al minuto e mezzo, avvicina alcune persone mostrando loro un disegno. Episodio posto lì a ricordare il suo ruolo in “Colpo di fulmine”? Poi attraversa i deserti più aridi e soleggiati del Messico, forse per ricordare gli stenti che ha dovuto sopportare sull’isola. Infine, si ferma tra un cactus e un sasso a ballare (come in Tale e quale) e indicare il cielo proprio sulle parole “Take me back to the moon”. Intensissimo.

 

moon

 

Ma quale sarà il prossimo passo di Walter Nudo? Nel video di “Take me”, alla fine, abbandona sulla terra arida un disegno raffigurante una bambina. Difficile fare previsioni, ma potrebbe essere un suggerimento occulto dell’ultimo tassello mancante a Walter Nudo, uomo di multiforme ingegno, che può e deve padroneggiare tutte le arti: la carriera da pittore.

 

disegno

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >