TV e Cinema
di Marco Villa 24 Marzo 2016

Chi è Aziz Ansari, il miglior comico del momento innamorato dell’Italia

Un po’ Woody Allen, un po’ voce generazionale: il comico più talentuoso dei nostri tempi

aziz-ansari  Aziz Ansari in un’immagine promozionale della sua serie Master of None

 

Se il nome Aziz Ansari non vi dice nulla, tranquilli. Certo, negli Stati Uniti riempie con i suoi show posti come il Madison Square Garden, ma in Italia il suo nome non è ancora arrivato. In compenso, nel nostro paese è arrivato lui, che da mesi fa avanti e indietro tra New York e città più o meno grandi della penisola.

 

#BudsInSicilia (photo by Big Bud aka @ericwareheim)

Una foto pubblicata da @azizansari in data:

 

Aziz Ansari è un classe 1983, nato in South Carolina da genitori indiani. L’informazione sembra puramente descrittiva, ma in realtà è fondamentale per inquadrare tutto il suo lavoro, sempre focalizzato sull’equilibrio tra il presente statunitense e le radici Tamil. I suoi esordi nel mondo dello spettacolo sono segnati da alcuni cortometraggi, prima di un passaggio su MTV. La svolta arriva nel 2009, quando va in onda il primo episodio di Parks and Recreation su NBC: creata dagli autori di The Office, è ambientata in un ufficio pubblico di una fittizia cittadina dell’Indiana: un posto di lavoro surreale e pieno di personaggi assurdi, tra cui spicca Tom Haverford, funzionario di medio livello che si autonomina trendsetter e cercatore di nuove tendenze. Un personaggio sempre sull’orlo del non-sense, che si inventa in continuazione neologismi per descrivere cose quotidiane come i piatti di un pranzo.

 

Parks and Recreation va in onda per sette stagioni, diventando una delle comedy di riferimento dell’intero panorama televisivo, portando la protagonista e autrice Amy Poehler ad affermarsi definitivamente e a conquistare un Golden Globe. Non è l’unica a mettersi in luce: Nick Offerman, interprete del burbero repubblicano Ron Swanson, si impone come uno dei caratteristi più efficaci, mentre Chris Pratt conquista il mondo di blockbuster come Jurassic World. Aziz Ansari sceglie invece la strada del racconto generazionale, mettendo se stesso al centro del proprio lavoro. Iniziano gli spettacoli di stand-up comedian, in spazi sempre più grandi, che confluiscono poi nel finale più scontato e adatto: una serie tv ideata e interpretata dallo stesso Ansari.

 

Si chiama Master of None e a produrla non poteva che essere Netflix, nel suo instancabile lavoro di talent scouting. La serie racconta di Dev un trentenne di New York che fa i conti con la propria età, mentre cerca di far decollare la propria carriera di attore e di trovare una stabilità sentimentale. La grande bravura di Aziz Ansari sta nell’essere riuscito a creare un personaggio universale, pur partendo dal proprio vissuto: nella serie, la componente autobiografica è evidente, visto che molte vicende del protagonista possono essere sovrapposte a quelle dell’interprete. Come se non bastasse, i genitori di Aziz interpretano i genitori di Dev. Un cerchio che si chiude, insomma. Nonostante tutti questi incroci e legami con la vita di Ansari, Master of None riesce a parlare anche a chi abita dall’altra parte dell’Oceano e ci riesce perché racconta nevrosi, ansie e passioni che sono tipiche di tantissimi trentenni. L’ossessione per gli smartphone, la convinzione che la risposta a qualsiasi domanda sia un app o una ricerca su Google, l’infatuazione intermittente per argomenti o hobby, fino all’impossibilità di eliminare del tutto una componente puerile. Se questa descrizione vi ha fatto pensare anche solo per un attimo a Woody Allen, sappiate che non si tratta di una bestemmia. Anzi. Master of None si è imposta come una delle grandi novità della scorsa stagione, dando ulteriore spinta al nome di Ansari e allargandone il pubblico grazie alla diffusione globale di Netflix.

 

 

E l’Italia? L’Italia si pone proprio all’incrocio tra realtà e finzione, visto che rappresenta la passione sia di Aziz Ansari, sia del suo personaggio Dev, che ama cucinare pasta e sogna di trasferirsi da noi. In attesa di sapere come andranno le cose per Dev, di certo c’è che Aziz sta passando tantissimo tempo in Italia: soggiorni più o meno lunghi, puntualmente documentati su Instagram. Non aspettatevi foto particolarmente originali o con chissà quale significato: in Italia, Aziz fotografa cibo e città, ovvero i soggetti che fotograferebbe qualsiasi statunitense in vacanza.

Eppure, anche in questi scatti così turistici e banali, Aziz riesce a mettere del suo: dalle smorfie distrutte dopo il troppo cibo, agli scatti più pettinati e in posa, di nuovo non si riesce a cogliere la differenza con uno qualsiasi dei suoi personaggi. Sembrerà strano, ma il suo bello sta proprio qui. Un po’ come Lena Dunham, la bravissima creatrice di Girls, Aziz Ansari non può essere certo considerato il cantore di un’epoca, né si autoproclama la voce assoluta della sua generazione. Di sicuro, però, è una voce della sua generazione.

 

Here we go! First stop…. PIZZA. 📸: @katieparla #bigbudlilbud via @ericwareheim

Una foto pubblicata da @azizansari in data:

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
25,00 €

Maglietta de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Maglietta in edizione limitata per il concerto di Andrea Laszlo De Simone.  
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >