Tech
di Giulio Pons 29 agosto 2018

Deep Angel, l’app che ti cancella le persone dai video

Un programma che grazie all’intelligenza artificiale rimuove automaticamente le persone (e altro) da foto e video.

Guardatevi il video di presentazione che sembra uscito Black Mirror e poi ne parliamo.

Lo dico subito per evitare equivoci: l’app da scaricare sugli store non c’è, questa è una app nel senso più ampio del termine, cioè un programma. Si chiama Deep Angel e cancella automaticamente persone, oggetti, cani, gatti, macchine e altro ancora dalle foto. E’ un progetto di ricerca del MIT, il prestigioso Istituto di tecnologia del Massachusetts, che utilizza l’intelligenza artificiale per individuare gli oggetti da rimuovere e sostituirli con pattern presi dall’intorno della zona modificata.

La cosa innovativa è la sua capacità di individuare i soggetti da rimuovere in base ad una parola: il comando “cancella le persone”, infatti, non ha bisogno di altro, a differenza di altri prodotti simili che si usano in videomaking che richiedono comunque di selezionare manualmente il profilo dell’oggetto. Come si vede nel video, il risultato è imperfetto, soprattutto su sfondi complessi o dove c’è poca informazione da replicare. Ma è l’effetto complessivo che lascia stupiti e impressiona, siamo ormai passati ad un livello più alto di effetti speciali, dove la manipolazione dei video e degli audio verrà sempre più spesso automatizzata e quindi resa più veloce e sempre più alla portata di tutti, non solo per gli addetti ai lavori.

Un esempio del funzionamento di Deep Angel MIT - Un esempio del funzionamento di Deep Angel

Matt Groh, uno degli autori del lavoro, racconta che il progetto è in realtà un mix di arte, tecnologia e filosofia il cui scopo è far ragionare le persone sull’assenza e sul vuoto, anche se è evidente che l’aspetto più impressionante è la semplicità con cui tutto sembra possibile e possiamo immaginare un prossimo futuro in cui tutti saranno in grado di rimuovere le persone direttamente dalla fotocamera del cellulare, sarà più semplice falsificare la realtà e produrre fake news, ma così finalmente nelle foto delle vacanze al mare ci saremo solo noi sulla spiaggia.

Se volete provare con una vostra foto, andate sul sito del progetto ospitato dal Mit.

 

 

CORRELATI >