Tech
di Lorenzo Mannella 9 Dicembre 2015

Mettere il punto in fondo ai messaggini ti fa sembrare un mostro

Lo dice la scienza, fidatevi

Willy meme  Quello che dici mi interessa molto. Davvero

 

A scuola ti insegnano che in fondo a ogni frase ci vuole un bel punto. Ma nella vita la punteggiatura è tutta un’altra cosa: quando scambiamo messaggi testuali con altre persone, chiudere ogni periodo con il “.” dà alla conversazione un tono freddo e poco sincero. Che siate d’accordo oppure no, c’è uno studio dell’università di Binghamton (New York) che ha condannato l’utilizzo del punto nella messaggistica istantanea.

Il verdetto sulla pessima fama del punto in fondo ai messaggini (SMS, chat e così via) è il risultato di un’indagine su 126 studenti di Binghamton. Ai volontari è stato chiesto di leggere alcuni scambi di messaggi tra due utenti, fatti da una domanda del tipo “Ugo mi ha dato il suo biglietto extra. Vieni con noi?” e una risposta di una singola parola come “Ok, Certo, Sì, Yeah” declinata in due forme: con e senza punto conclusivo.

Bene, gli studenti hanno valutato le risposte seguite dal punto “Ok. Certo. Sì. Yeah.” come meno sincere rispetto alla forma senza punteggiatura. Secondo altri dati preliminari raccolti dai ricercatori, basterebbe sostituire il punto con il punto esclamativo per ottenere il risultato opposto. Ma dai! Un altro dettaglio importante da considerare è la forma della conversazione: quando i volontari hanno valutato lo scambio di messaggi in forma di note scritte a mano, il ruolo del punto nelle risposte non veniva percepito in luce così negativa.

 

Mettiamoci un punto Il Post - Mettiamoci un punto

 

Insomma, tutto dipende dal mezzo di comunicazione. Secondo l’autrice dello studio e psicologa Celia Klin, “ai messaggi testuali mancano molti dei riferimenti sociali utilizzati nelle conversazioni faccia a faccia. Quando parlano, le persone trasmettono facilmente informazioni emotive e sociali con sguardi, espressioni facciali, toni di voce, pause e così via. Ovviamente, non si possono utilizzare questi meccanismi con i messaggi testuali.

Di conseguenza, ha senso che nello scrivere messaggi le persone facciano affidamento su ciò che hanno a disposizione – emoticon, errori grammaticali che mimino i suoni delle parole e, secondo i nostri dati, la punteggiatura” spiega Klin. Il destino del punto in fondo alla frase sembra già scritto: non è più un segno di interpunzione che indica una pausa forte, ma una lapide che ci identifica come mostri senza cuore.

Deve essere per questo che la punteggiatura sta morendo: su internet trovate perfino una tastiera fatta di emoticon per digitare le faccine a velocità supersonica. Siamo veramente destinati a cestinare punto, virgola e punto e virgola? Forse sì, forse no. Molti di noi non ci fanno neppure più caso. Per altri è una battaglia fino all’ultimo respiro:

Che è questo ingombro di lineette, di puntini, di spazietti, di punti ammirativi doppi e tripli, che so io? Sto a vedere che torna alla moda la scrittura geroglifica, e i sentimenti e le idee non si vogliono più scrivere ma rappresentare, e non sapendo significare le cose colle parole le vorremo dipingere e significare con segni, come fanno i cinesi.

Lo ha scritto Leopardi nel 1821. Punto.

FONTE | The Washington Post

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

52,90 €

Kit da tavolo per trasformare lo smartphone in microscopio

Si chiama Blips Ultra Labkit, è un prodotto italiano e trasforma il tuo cellulare in un microscopio. Le lenti si applicano al cellulare velocemente con un adesivo. Il kit comprende anche delle lenti macro.
36,90 €

Orologio da tavolo vintage

Dal design minimal, l'orologio da tavolo con flip-page è perfetto per la tua scrivania, donando un tocco vintage al tuo studio o alla tua casa. CARATTERISTICHE: Dimensioni: 195mm x 170 millimetri Non include batterie Prodotto spedito dalla Cina, Stati Uniti o Repubblica Ceca. Tempi di consegna: 20/30 gg.
24,99 €

Lucchetto ad impronta digitale

Ecco il lucchetto più intelligente che c'è. Per aprirlo non servono chiavi, ma basta la tua impronta digitale. Il lucchetto smart è prodotto dall'azienda cinese Xiaomi, che sforna ogni anno ottimi prodotti di elettronica di consumo. Si apre grazie al semplice tocco delle dita, perché riconosce l'impronta digitale del suo padrone. Ricordi quella volta che sei sceso dall'aereo, hai ritirato la valigia e ti sei accorto che non avevi più la chiave del lucchetto? Non succederà più. Fatto in lega di zinco e acciaio è figo, tutto liscio, senza pile da cambiare perché è ricaricabile con un comune cavetto micro USB. A leggere le specifiche tecniche può stare in standby fino ad un anno ed è anche resistente all'acqua. Infine, può memorizzare fino a 20 impronte digitali, così puoi condividerlo con altre persone o, addirittura provare ad aprirlo con le dita dei piedi. Ecco tutti i dati: Nome prodotto: NOC LOC Fingerprint Padlock Metodo di apertura: impronta digitale Materiali: lega di zinco e acciaio Lettore di impronta: semiconduttore Alimentazione ricarica: cavo Micro-USB Impronte memorizzabili: 20 Indicatore batteria scarica: punto LED Tipo batteria: 110mAh ricaricabile Livello di resistenza all'acqua: IPX7 Durata in standby: 1 anno Aperture con una ricarica: 2500 volte Dimensioni: 36mm x 18mm x 38mm Il pacchetto include 1 lucchetto. Il prodotto viene spedito dalla Cina.
9,23 €

Lampada luna 3D

Lascia entrare la luna nella tua camera. Questa bellissima lampada ti accompagnerà durante tutta la notte con una luce lunare. Fiorando la sua superficie, inoltre, sarà possibile modificare il suo colore. CARATTERISTICHE: Materiale: PLA Sorgente di luce: LED Tempo di ricarica: 2-4 ore Tempo di funzionamento: 8-10 ore Alimentazione: USB DC:5V /1A   Prodotto spedito dalla Cina. Tempi di consegna: 20/30 gg.    
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
19,42 €

Abat Jour Playstation

A forma di joystick, con la scritta “Game Over” o i simboli dei tasti della famosa consolle. Che vi piaccia giocare al buio o in una luce soffusa, questi led sono la soluzione ideale per ricreare la giusta atmosfera nella vostra sala da gaming. CARATTERISTICHE Luce materiale del pannello: acrilico ottico LED durata della vita: 10000 ore Alimentazione: cavo USB o 3 Batterie AA * (non incluse) Tensione di Ingresso: 4.5-5V Colore luce: Rosso, Verde, Blu, Giallo, Ciano, Viola, bianco Consumo: 3W Formato: 22 centimetri * 16 centimetri * 6cm Prodotto con spedizione extra-UE. Tempi di consegna: 30 gg lavorativi.
13,76 €

Laconic Design LED Night Light

Item Type: Lighting Material: ABS Light Source: LED Luminous Flux: 20 LM (max) Current: 60-80 mA Voltage: 4.5 V , 3 x AAA Batteries Brightness: Max. 20 lumens Color Temperature: 3000K Operating Temperature: -10 to +40 degrees Celsius Sensing Distance: 3-5 m Size: 6.29 inch / 15.98 cm Features: No more searching around for a switch! This lamp will automatically turn on when motion is sensed and automatically turn off after a period of time. Features energy-efficient LEDs that deliver super-bright long-lasting illumination and with a daylight sensor installed the lights only activate in darkness saving the life of the battery! Package Includes: 1 x Night Light    
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >