TV e Cinema
di Marco Villa 24 Marzo 2015

13 cose che succedono solo nei film e che ti fanno incazzare ogni volta che le vedi

Gente che trova sempre parcheggio sotto casa o che non finisce mai un piatto al ristorante. Impossibile nella vita reale.

1. Si trova sempre parcheggio sotto casa
Non importa se abita nel quartiere malfamato dove non circola nessuno o se la sua casa è nella zona più chic di una grande città: il personaggio dei film non ha mai problemi di parcheggio. Arriva, vede un buco e ci infila la macchina in tempo zero, perché ovviamente non ha nemmeno il minimo problema di manovra.
giphy

 

2. Studenti e disoccupati vivono in loft da sogno a Manhattan

Fanno fatica ad arrivare a fine mese, sognano il lavoro della vita, hanno progetti che rivoluzioneranno il mondo ma al momento non hanno una lira, mangiano le scatolette e vanno a fare la spesa al discount. Eppure vivono in loft giganteschi nel cuore di Manhattan. Che fastidio.
giphy-1

 

3. Se uno scappa a piedi da una macchina che lo insegue, continua a correre lungo la strada e non si butta mai di lato.

Quando un uomo a piedi scappa da un uomo con la macchina, l’uomo a piedi è un uomo morto. O almeno così dovrebbe essere. Sappiamo che spesso non è così e questo lo accettiamo senza problemi, quello che fatichiamo ad accettare è perché un personaggio debba continuare a correre lungo la strada, quando potrebbe buttarsi nei campi a bordo carreggiata, impedendo così alla macchina di inseguirlo. Forse non vuole sporcarsi di polvere le scarpe, ma qualche dubbio ci rimane.
giphy-2

 

4. Feste di liceali con folla, impianto e luci degne del Cocoricò a metà agosto
“Mamma e papà non sono a casa: facciamo una festa con gli amici!”. Quando avevamo 15 anni l’abbiamo fatto tutti e di solito si finiva a cazzeggiare con 4 o 5 amici, bevendo robe orrende tipo vodka alla pesca e Baileys, abbassando la musica alle 22e30 perché la sciura Maria va a letto e poi lo dice ai genitori. Se invece sei un film, casa tua viene invasa da adolescenti bellissimi, la musica viene pompata da un impianto che ciao e ovviamente si materializzano anche luci da far invidia alle migliori discoteche della riviera romagnola.

giphy-3

 

5. C’è sempre un bar o un locale in cui il barista saluta per nome il protagonista e sa tutto di lui.
È uno dei sogni di tutti: entrare in un locale, essere salutati da tutti quelli che ci lavorano e trovare un cocktail sul bancone ancora prima di ordinare, perché tanto prendi sempre “il solito”. Nella vita reale, in pochi riescono a raggiungere questo livello, ma nei film è un grande classico. Ed ecco che scatta l’invidia. La somma invidia.
giphy-4

 

6. Quando al ristorante ordinano, mangiano due bocconi e poi lasciano lì tutto. Stessa cosa con i cocktail.
Ok, lo sappiamo: vedere la gente che mangia e beve non è esattamente la cosa più esaltante, però se vai in un ristorante, almeno una volta finiscilo il piatto, perché questa gente che ordina, mangia una forchettata e poi molla lì tutto è davvero una delle cose meno realistiche viste al cinema. Per non parlare dei cocktail: quale folle molla un vodka lemon dopo due sorsi? Follia.
giphy-5

 

7. “Presto, ingrandisci questa immagine di 800 volte senza perdere definizione”.
Ovvero il mistero delle foto magiche, da cui si ottengono sempre tutte le informazioni necessarie, anche se sono riflesse su un vetro a cento metri di distanza. CSI ha fondato il proprio successo su cazzatine come questa, ma chiunque abbia mai aperto paint sa che esiste una cosa chiamata pixel, una cosa con cui non puoi non fare i conti ogni volta che smanetti su un’immagine.
giphy-6

 

8. Gli hacker e il loro modo di usare la tastiera
Fin dai primi film dedicati all’informatica e ai computer, il nerd che viola protocolli di sicurezza non usa normalmente una tastiera, ma la percuote a velocità folle, come se fosse un videogioco arcade in cui devi schiacciare due tasti per tre ore senza sosta
giphy-8

 

9. Nessuno saluta mai al telefono
Non ci interessa granché dell’educazione e dell’etichetta, però ogni tanto un “ciao” non farebbe schifo. Nei film e nelle serie tv le telefonate sono sempre centratissime sull’obiettivo: chiedo un’informazione, la ottengo e riaggancio. Davvero: che cattiveria.
giphy-9

 

10. Nessuno è mai brutto o conciato male
Ti svegli alle 4 di mattina di soprassalto? Sei perfetto. Hai appena finito una corsa di 10 km? Un ciuffo un po’ ribelle, ma sei perfetto. Hai appena attraversato un inferno di cristallo? Un paio di taglietti, ma sei perfetto. Mentre a noi basta andare all’Esselunga il sabato pomeriggio per tornare sfatti come dei reduci del Vietnam
giphy-10

 

11. Nessuno chiude mai la macchina o la casa
Contando che negli Stati Uniti si spara ogni due secondi e che c’è un’ossessione non da poco per la sicurezza personale, ci aspetteremmo grande cura di auto e casa. E invece la prima non viene mai chiusa e la seconda ha sempre un ingresso libero o una chiave nascosta sotto un vaso con scritto “Qui sotto c’è una chiave”. Su ragazzi, o siete paranoici o siete dei fricchettoni per la comunione e la condivisione dei beni. Qualcosa non torna.
giphy-11

 

12. Mance spropositate
In Italia non siamo abituati a lasciare mance ai ristoranti, ma se anche lo fossimo difficilmente molleremo lì una manica di bigliettoni sul tavolo. E invece nei film non ci si limita a qualche moneta o a una banconota da un dollaro. Nei film si lascia una mazzetta stile tangente per portare a casa un appalto.
giphy-12

 

13. Non c’è mai nessuna coda
Nessuno fa mai tre giri dell’isolato per parcheggiare e ovviamente nessuno fa mai la coda. E stai sicuro che le poche volte che uno dovrà aspettare in piedi sta per assistere a una rapina o per conoscere l’amore della sua vita. Con tanti saluti alla signora Maria Antonietta delle Poste.
giphy-13

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >