TV e Cinema
di Simone Stefanini 23 Ottobre 2017

Andare in un cinema pieno di adolescenti fa schifo

Commenti ad alta voce, selfie, pop corn tirati ovunque, risate, litigi e applausi a più riprese. Gli adolescenti al cinema sono una piaga

Siete stati al cinema questo weekend? In caso affermativo, potreste aver visto IT di Andres Muschietti, una vera dichiarazione d’amore all’adolescenza,  il film che sta spopolando anche nel nostro paese, con incassi di oltre 6 milioni di euro (contro i meno di 5 milioni di euro incassati da Blade Runner 2049 in tre settimane di programmazione). Un fenomeno horror generazionale che ha riportato tutti al cinema, nonostante fosse vietato ai minori di 14 anni.

In sala infatti, oltre agli evidenti under 14, si sono avvicendati i venti-trenta-quarantenni che hanno letto Stephen King e vogliono fare il paragone libro-film, ma anche quelli che ricordano bene lo spavento preso nel 1990 quando hanno visto per la prima volta Pennywise il clown interpretato da Tim Curry nel minifilm tv. Una sala eterogenea che ripropone la tradizione millenaria del fastidio: gli adolescenti al cinema.

Siamo sicuri che anche voi siate stati adolescenti, ovvero esseri umani traboccanti di ormoni, ascelle pezzate, voce a volume mille, vestiti che neanche la Caritas e urgenza di imporsi a livello individuale. Una volta giunti in sala, a quell’età si cerca assolutamente quello/a che ci piace e ci si mette accanto, per provare l’approccio, la mossa del giaguaro, quello sbadiglio a braccia larghe che si trasforma in un abbraccio, anticamera del limone. Fin lì tutto ok, certi film sono fatti apposta per conoscersi meglio, il problema si presenta quando gli adolescenti si recano al cinema in branco, allo stato brado.

 

 

In quel caso esistono dei codici di appartenenza, richiami della foresta che in qualche modo abbiamo fatto anche noi ma che fortunatamente rimuoviamo quando diventiamo adulti e di colpo ci ritroviamo a pensarla come i nostri genitori. In soldoni: andare a vedere un film in un cinema pieno di adolescenti è la morte.

Un’esperienza di puro sdegno, di cristallina corruzione del sistema nervoso centrale, che ti fa empatizzare coi grandi educatori del passato, da Erode ad Annamaria Franzoni. Gli adolescenti al cinema infatti si dividono in un paio di macrocategorie, che durante l’adolescenza seguono molto il gender (salvo eccezioni che confermano la regola): i maschi sono giovani scimmioni che tirano i popcorn dalla galleria, ti mettono letteralmente i piedi in testa e producono chiassose risate e fischi di approvazione durante le scene che possano ricordare anche alla lontana il sesso. Alcuni di loro, non esattamente adoni, ci provano con la comicità e sparano battute su ogni dialogo, con conseguenti risate grasse del branco.

 

 

Le ragazze dal canto loro sono le cheerleader, che se ne stanno in gruppo e mentre ti godi il film parlano ad alta voce dei cazzi loro, stanno sui social illuminando a giorno il cinema con gli schermi dei loro cellulari costosissimi e, nel caso il film sia un horror, urlano prima, durante e dopo le scene di paura, per poi distrarsi completamente nelle altre scene e continuare a spettegolare.

 

 

Insieme, questi due cataclismi umani portano a fenomeni tipo: applauso interminabile quando il cattivo viene ucciso, litigi in stile ghetto youth per il posto a sedere, i pop corn, offese inenarrabili ai personaggi più deboli per manifestare la propria superiorità a livello di specie, quella danza rituale dell’alzarsi in piedi a caso per cambiare posto almeno 100 volte a film e quella sindrome da futuro blogger che consiste nel commentare tutte le scene, dalla prima all’ultima, per esprimere la propria intelligenza e al contempo non farti capire un cazzo.

 

 

Di soluzioni legali all’annoso problema, purtroppo non ce ne sono anche se l’idea di fare la sala per adulti e quella per adolescenti è forte, ma poi se la proponi ti danno del dittatore cannibale, quindi la tieni per te. Morale della fiaba: i film che hanno per protagonisti gli adolescenti, di solito sono fatti per gli adulti nostalgici, perché quando sei davvero adolescente pensi solo a un paio di cose e la cinematografia di gruppo di solito non è tra queste.

 

 

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >